Tag

Netanyahu

Browsing

Devo fare un confessione che a molti apparirà strana viste le mie posizioni su Israele: ammiro la politica iraniana in Medio Oriente. Ammiro l’arguzia di Mohammad Javad Zarif, il Ministro degli Esteri iraniano che con una tranquillità impressionante sta prendendo per i fondelli mezzo mondo e senza battere ciglio da anni tesse la sua tela di ragno attorno al piccolo Israele usando lo spauracchio dell’ISIS per conquistare terreno.

Che Netanyahu sulla vicenda del Monte del Tempio a Gerusalemme abbia ceduto alle pressioni arabe credo che non possa essere messo in discussione. Ieri i media arabi erano invasi da vignette che celebravano la “vittoria araba” su Israele, un fatto più unico che raro e che andava celebrato. Ma è stata veramente una vittoria araba oppure quella che sembra essere una sconfitta di Netanyahu e di Israele altro non è che un esempio di saggezza politica?

Al di la delle opinioni personali sulla scelta di rimuovere i metal detector dall’ingresso del Monte del Tempio a Gerusalemme, dai recenti fatti accaduti a seguito della decisione israeliana di aumentare i controlli dobbiamo trarre una importante lezione: i musulmani non sono uguali agli altri.

Non siamo noi a dirlo, solo loro a certificarlo con una sorta di autodenuncia che oggi l’editorialista di Yedioth Ahronoth, Ben-Dror Yemini, definisce “sindrome delle basse pretese”, una sorta di sindrome di inferiorità che spinge i musulmani a isolarsi rispetto al resto del mondo, rispetto al progresso, rispetto alla civiltà, una sindrome che quando evidenzia la loro arretratezza rispetto al mondo civile e ne sancisce l’impossibilità alla coesistenza sfocia nella violenza più bieca nei confronti di chi non è arretrato come loro.