Unione Africana: 7.500 militari per sconfiggere Boko Haram

By , in Africa on . Tagged width: , ,

L’Unione Africana riunita oggi ad Addis Abeba ha chiesto ai suoi membri di contribuire alla formazione di un contingente militare di 7.000 uomini pesantemente armati da inviare in Nigeria per combattere l’avanzata del gruppo terrorista islamico Boko Haram. Lo ha reso noto questa mattina il capo della Commissione sulla Nigeria, Nkosazana Dlamini-Zuma.

In una dichiarazione alla stampa Nkosazana Dlamini-Zuma ha evidenziato alcuni numeri in merito alla crisi umanitaria provocata dalle violenze di Boko Haram e ha detto che «la crisi è ormai diventata regionale e non riguarda solo la Nigeria».

«La questione di Boko Haram riguarda oltre alla Nigeria anche il Camerun, il Ciad e il Niger» ha detto ancora Nkosazana Dlamini-Zuma «l’Unione Africana non può più stare a guardare».

A preoccupare l’Unione Africana non sono solo i continui attacchi nel Nord della Nigeria ma anche l’espandersi di questi attacchi al bacino del lago Ciad, lungo i confini con il Niger e il Ciad. Oltre un milione di persone sono in fuga da quell’area e questo provoca un crisi umanitaria tra le più gravi che attualmente attanagliano l’Africa.

Un primo contingente di militari dell’Unione Africana composto da 3.000 militari dovrebbe arrivare in Nigeria già dalle prossime settimane. A questo si uniranno gli altri 4.000 uomini appena le varie nazioni li metteranno a disposizione. Alla fine si dovrebbe arrivare a una forza di 7.000/7.500 militari armati molto pesantemente e in grado di fermare Boko Haram.

[glyphicon type=”user”] Scritto da Claudia Colombo

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

© 2015, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata