Venezuela: opposizione chiede che il mondo indaghi sul ruolo dell’Iran

venezuela scontri

Venezuela, 29 aprile 2017 – In una lunga intervista rilasciata alla testata israeliana I24news la leader dell’opposizione venezuelana, María Corina Machado, chiede al mondo di indagare sul ruolo dell’Iran nella crisi che attanaglia il Paese e nel suo supporto alla repressione del regime di Nicolas Maduro.

Parlando dei legami tra il regime del Venezuela (prima con Hugo Chavez e oggi con Maduro) la leader dell’opposizione venezuelana afferma che:

I rapporti riguardanti le attività dei gruppi radicali (Hezbollah n.d.r.) come pure quelli del governo iraniano in Venezuela sono cominciati ad emergere molti anni fa. A quel tempo la veridicità di queste informazioni è stata contestata ma è ovvio, oggi, che questi gruppi radicali hanno trovato sostegno da parte del regime di Maduro. Il mondo è finalmente consapevole di questo fatto e dovrebbe essere un motivo di grande preoccupazione, non solo per le democrazie nel nostro emisfero ma in tutto il mondo

Sempre parlando dei legami tra il regime del Venezuela e quello iraniano, María Corina Machado ricorda che sotto Hugo Chavez quasi tutti gli ebrei venezuelani furono costretti a lasciare il Paese proprio a causa dei rapporti tra Caracas e Teheran che portarono a pesanti persecuzioni della comunità ebraica in Venezuela

L’ex presidente Hugo Chavez è stato particolarmente aggressivo contro la comunità ebraica in Venezuela. Questa aggressione non solo era evidente nelle parole di Chavez, ma anche negli attacchi che hanno avuto luogo alle sinagoghe di Caracas e altrove.

Nel 2011 l’ex ambasciatore americano presso l’Organizzazione degli Stati Americani, Roger Noriega, presentò al Congresso americano un agghiacciante rapporto sulle connessioni tra Hezbollah e il regime venezuelano, un rapporto nel quale emergeva con chiarezza il ruolo di Hezbollah e della Forza Quds iraniana nel mantenimento al potere di Hugo Chavez finanziato anche attraverso le attività illecite del gruppo terrorista. Allora come oggi la base di tutte le operazioni iraniane in Venezuela è l’isola di Margarita, uno Stato nello Stato dove Teheran detta legge. Quelle connessioni oggi sono ancora più forti di allora e a pagarne il prezzo è il popolo venezuelano.

Parlando di come l’elezione di Donald Trump potrebbe influire sulla crisi del Venezuela María Corina Machado ha detto che da quando c’è l’Amministrazione del Presidente Trump molti rapporti sulle malefatte del regime sono stati resi pubblici e che appare chiaro al mondo che questo regime ha legami con i gruppi di narcos, con i terroristi islamici e con altri gruppi criminali. Noi aggiungiamo che quei rapporti erano già noti da diverso tempo ma che la precedente Amministrazione americana, per motivi incomprensibili, non se ne curò particolarmente e che comunque non basta solo rendere noti i rapporti tra il Venezuela, l’Iran e i gruppi terroristici ma che occorre fare qualcosa di concreto per non lasciare il popolo venezuelano nelle mani degli ayatollah come è stato fatto fino ad oggi.

© 2017, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recommended articles
Grazie per aver condiviso il nostro articolo