Cisgiordania: ucciso membro di spicco di nuovo gruppo terrorista palestinese

Il nuovo gruppo terrorista Lion’s Den è considerato responsabile degli ultimi attacchi a civili e militari in Cisgiordania. Tamer Kilani era uno dei suoi fondatori

By redazione

Un membro di spicco di un gruppo terroristico palestinese liberamente organizzato, noto come Lion’s Den (Tana del Leone), è stato ucciso nelle prime ore di domenica in un’esplosione nella città cisgiordana di Nablus, e il gruppo ha affermato che Israele lo ha “assassinato”.

Tamer Kilani, un membro di spicco della nascente organizzazione – che ha rivendicato attacchi quasi quotidiani contro le truppe israeliane e i civili nell’ambito di una repressione a Nablus – è stato ucciso intorno all’1:30 quando un ordigno esplosivo collegato a una motocicletta è esploso nella Città Vecchia di Nablus, secondo quanto riportato dal gruppo e dai media palestinesi.

In una dichiarazione, il gruppo Lion’s Den ha affermato che le forze israeliane hanno piazzato la bomba, anche se alcuni rapporti hanno suggerito che potrebbe essere stato un incidente. Il gruppo ha minacciato una “risposta dolorosa” e ha invitato il pubblico a partecipare ai funerali di Kilani domenica.

Sui social media circolava un video che mostrava l’esplosione e un filmato che mostrava un “collaboratore” israeliano che piazzava la bomba.

Le Forze di Difesa Israeliane non hanno commentato pubblicamente l’esplosione e la morte del membro.

Un funzionario della difesa ha dichiarato che Kilani, precedentemente incarcerato in Israele, è stato direttamente coinvolto nell’invio di un uomo palestinese a tentare di commettere un attacco “su larga scala” a Tel Aviv il mese scorso, oltre a numerosi altri attacchi con armi da fuoco nell’area di Nablus.

Le tensioni nell’area di Nablus sono aumentate nelle ultime settimane, con l’esercito israeliano che ha disposto un cordone intorno alla città palestinese per limitare le azioni del gruppo terrorista Lion’s Den.

Il gruppo terrorista Lion’s Den ha rivendicato la responsabilità della maggior parte degli attacchi con armi da fuoco nell’area di Nablus da quando è stata costituita ad agosto da membri di vari gruppi terroristici, tra cui persone precedentemente affiliate alla Brigata dei Martiri di Al-Aqsa e alla Jihad islamica palestinese.

Un soldato israeliano è stato ucciso in un attacco del gruppo e una seconda persona è stata leggermente ferita in un assalto separato a veicoli civili. Gli altri attacchi sono stati inefficaci, ma i video delle sparatorie caricati sui social media hanno contribuito a fargli guadagnare in breve tempo una massiccia popolarità tra i palestinesi.

Si ritiene che il gruppo, con sede nella Città Vecchia di Nablus, sia composto da diverse decine di membri, per lo più giovani e laici, che rifuggono da qualsiasi gerarchia, a differenza di altre fazioni armate in Cisgiordania. I funzionari israeliani hanno etichettato il gruppo come “squadra del terrore”.

Mentre la maggior parte della resistenza popolare non organizzata attacca le truppe che conducono operazioni all’interno delle città palestinesi, i membri del gruppo Lion’s Den non aspettano che le truppe vengano da loro, ma si dirigono quasi ogni notte fuori dalla Città Vecchia di Nablus e attaccano gli obiettivi israeliani nell’area, prima di riuscire a fuggire quasi sempre indenni.

L’offensiva antiterrorismo lanciata all’inizio di quest’anno e concentrata nel nord della Cisgiordania ha portato a più di 2.000 arresti in incursioni quasi quotidiane. Ha anche causato la morte di oltre 120 palestinesi, molti dei quali – ma non tutti – durante gli attacchi o gli scontri con le forze di sicurezza.

Nelle prime ore di domenica, l’IDF ha dichiarato che le truppe hanno arrestato nove palestinesi ricercati in tutta la Cisgiordania.

L’offensiva antiterrorismo dell’IDF in Cisgiordania è stata lanciata a seguito di una serie di attacchi palestinesi che hanno ucciso 19 persone all’inizio di quest’anno. Un altro israeliano è stato ucciso in un sospetto attacco il mese scorso, e quattro soldati sono stati uccisi in Cisgiordania in attacchi e durante le operazioni di arresto.