Come l’America difende Israele prevenendo un conflitto più ampio

9 Ottobre 2023
come america aiuta israele

Domenica l’amministrazione Biden ha cercato di evitare che l’assalto di Hamas a Israele si trasformasse in un conflitto regionale su più fronti, dispiegando un gruppo di portaerei statunitensi nel Mediterraneo orientale e fornendo armi all’esercito israeliano nel tentativo di dissuadere gli Hezbollah libanesi e altri attori dall’attaccare.

Lo sforzo è avvenuto in mezzo a strette consultazioni tra il Presidente Biden e il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il cui governo domenica ha formalmente dichiarato guerra ad Hamas.

I funzionari statunitensi si aspettano che Israele scateni un ampio attacco di terra contro Hamas nelle prossime 24-48 ore, dopo il sofisticato attacco di sabato che ha ucciso più di mille israeliani.

Il Segretario di Stato Antony Blinken ha dichiarato che probabilmente alcuni cittadini americani sono tra gli ostaggi che Hamas sta trattenendo a Gaza. Almeno diversi americani sono stati uccisi nell’attacco, ha confermato un alto funzionario dell’amministrazione.

Il bilancio aumenta la posta in gioco per l’amministrazione Biden, impegnata in un complicato sforzo multinazionale per contenere la possibilità di altri attacchi contro Israele. Hezbollah, il gruppo militante sostenuto dall’Iran e il più grande partito politico del Libano, ha una storia di attacchi contro Israele quando Gerusalemme è impegnata nelle ostilità con Hamas.

“Nessun altro dovrebbe cercare di approfittare di questa situazione”, ha dichiarato Blinken alla CNN domenica. “È qualcosa che stiamo osservando con molta attenzione”.

La guerra che sta per nascere ha già assestato un colpo a quello che sarebbe stato uno dei risultati più importanti della politica estera di Biden, ovvero il tentativo di far riconoscere Israele all’Arabia Saudita. I sauditi hanno subordinato l’accordo a concessioni da parte di Israele nei confronti dei palestinesi – potenzialmente ritirando gli insediamenti o aumentando l’assistenza medica e finanziaria – ma è improbabile che un ampio assalto militare israeliano alla Striscia di Gaza favorisca questa causa.

Per il momento, l’amministrazione Biden ha messo in pausa l’iniziativa saudita, concentrando le sue attività diplomatiche per convincere i vicini di Israele a farsi da parte mentre Gerusalemme cerca di smantellare Hamas.

Blinken e altri diplomatici di alto livello domenica hanno lavorato al telefono, chiamando funzionari in tutta la regione per trasmettere messaggi a Hezbollah, dicendo al gruppo di non attaccare Israele. Il dispiegamento del gruppo d’assalto della portaerei USS Gerald R. Ford nel Mediterraneo orientale aveva anche lo scopo di inviare un messaggio di deterrenza alla forza militante e politica libanese.

Alla domanda se Hamas possa aver agito in collaborazione con l’Iran per disturbare gli sforzi di mediazione di un accordo con l’Arabia Saudita, Blinken ha risposto che “questa potrebbe essere stata una parte della motivazione. Chi si oppone alla normalizzazione? Hamas, Hezbollah, Iran”.

Ma, ha aggiunto, “non abbiamo ancora visto prove che l’Iran abbia diretto o sia dietro questo particolare attacco”.

Si prevede che l’assistenza militare diretta di Washington a favore di Israele servirà a rifornire le munizioni di cui Israele ha bisogno per combattere Hamas, oltre a fornire un ulteriore deterrente contro Hezbollah, l’Iran e altri che potrebbero essere tentati di colpire Israele, ha detto un funzionario.

La richiesta di Israele di intercettori Iron Dome – missili terra-aria che colpiscono i razzi in arrivo – è un passo precauzionale in previsione di futuri bombardamenti e non un’indicazione che Israele sta esaurendo uno strumento di difesa missilistica che è stato fondamentale per proteggere i cittadini israeliani dal fuoco in arrivo, hanno detto i funzionari statunitensi.

Secondo fonti americane Netanyahu e altri alti funzionari israeliani hanno avuto un tono crudo nelle loro conversazioni con le controparti americane questo fine settimana, chiaramente scossi da un attacco che, in proporzione alla popolazione del loro Paese, è un colpo più grande degli attacchi dell’11 settembre 2001 negli Stati Uniti.

In una telefonata con Netanyahu di domenica, Biden “ha garantito il suo pieno sostegno al governo e al popolo di Israele di fronte a un attacco senza precedenti e spaventoso da parte dei terroristi di Hamas”, ha dichiarato la Casa Bianca in un comunicato. “I leader hanno anche discusso degli sforzi in corso per garantire che nessun nemico di Israele creda di poter o dover trarre vantaggio dalla situazione attuale”, ha aggiunto il comunicato.

Il governo statunitense “fornirà rapidamente alle Forze di Difesa israeliane ulteriori attrezzature e risorse, comprese le munizioni”. La prima assistenza alla sicurezza inizierà a muoversi oggi e arriverà nei prossimi giorni”, ha dichiarato domenica il segretario alla Difesa Lloyd Austin.

La portaerei USS Gerald R. Ford – la piattaforma più nuova e avanzata della Marina statunitense – insieme a un gruppo d’assalto di accompagnamento è stata inviata nella regione. Anche l’aeronautica statunitense dispiegherà un contingente significativo, ha dichiarato Austin. Complessivamente, i dispiegamenti coinvolgeranno migliaia di militari.

Oltre ai missili Iron Dome, i funzionari israeliani hanno fatto diverse richieste specifiche a Washington in risposta all’offensiva militare di Hamas, tra cui bombe di piccolo diametro, munizioni per mitragliatrici e una maggiore cooperazione nella condivisione delle informazioni, secondo quanto riferito da funzionari che hanno parlato a condizione di anonimato per discutere delle operazioni in corso. Alcune delle richieste militari di Israele, tra cui quelle di bombe di piccolo diametro, sono state elaborate e accelerate, ha detto un funzionario.

Una portavoce dell’ambasciata israeliana a Washington ha rifiutato di commentare la richiesta. “Non commentiamo le esigenze dell’esercito che vengono discusse con gli Stati Uniti”, ha dichiarato.

Secondo i funzionari, l’amministrazione Biden dovrebbe anche aggiungere fondi per il governo israeliano in una richiesta di finanziamento al Congresso, oltre a un ulteriore sostegno militare per l’Ucraina.

L’amministrazione sta ancora risolvendo le implicazioni legali dell’assenza di uno speaker della Camera, una situazione senza precedenti che potrebbe costituire un ostacolo all’autorizzazione del Congresso per gli aiuti, ha detto un funzionario.

Domenica pomeriggio, nel corso di una sessione a porte chiuse del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, si è registrato un ampio accordo, anche se non totale, su come ripartire le responsabilità della crisi attuale.

“Un buon numero di Paesi ha condannato gli attacchi di Hamas”, ha dichiarato ai giornalisti Robert Wood, rappresentante supplente degli Stati Uniti, all’uscita dalla riunione. “Ma ovviamente non tutti”.

Mentre si è diffuso l’orrore per gli attacchi – e in particolare per gli ostaggi militari e civili tenuti in ostaggio da Hamas – altri hanno sottolineato la preoccupazione per i civili palestinesi, la necessità di una risposta israeliana “proporzionata” e la mancanza di progressi nella risoluzione del conflitto israelo-palestinese sottostante.

Parlando ai giornalisti prima dell’incontro, sia l’ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite Gilad Erdan che Riyad Mansour, rappresentante della missione di osservatori dell’Autorità Palestinese presso le Nazioni Unite, sono stati molto meno cauti nelle loro osservazioni.

Erdan, mostrando foto e video di israeliani e civili morti trascinati a Gaza, ha paragonato gli attacchi ai “pogrom” e agli “squadroni della morte nazisti degli anni ’40”. Ha detto che Israele vuole una piena condanna di Hamas, ma che avrebbe seguito la propria strada a prescindere.

“Oggi molti membri della comunità internazionale ci sostengono. Sì. Ma se la storia ci ha insegnato qualcosa, sappiamo che domani potrebbe non essere così”, ha detto Erdan. Il terrorismo contro gli israeliani “diventa rapidamente una nota a margine. Ma questa volta non sarà lo stesso. Non permetteremo al mondo di dimenticare”.

Mansour è stato altrettanto critico nei confronti dell’organismo internazionale, ma da una prospettiva opposta.

“Non è il momento di permettere a Israele di raddoppiare le sue scelte terroristiche”, ha detto. “Sappiamo fin troppo bene che i messaggi sul diritto di Israele a difendersi saranno interpretati da Israele come una licenza ad uccidere, a proseguire sulla strada che ci ha portato fin qui”.

Mentre le forze israeliane si preparano per un’incursione a Gaza, il governo ha richiesto una maggiore cooperazione con gli Stati Uniti e i loro ampi poteri di sorveglianza.

Gli sforzi dell’intelligence israeliana – un tempo ritenuti onnipresenti a Gaza – sono stati sotto i riflettori dopo il fallimento dell’incursione di Hamas.

È “incredibile, intollerabile”, ha dichiarato Yigal Unna, ex alto funzionario dello Shin Bet, il servizio di sicurezza interno israeliano, nonché ex ufficiale del famoso braccio di hacking e spionaggio dell’Unità 8200 dell’esercito israeliano.

Ancora peggiore è stato il fallimento operativo dei militari “perché ci si aspetterebbe che il confine più sensibile e pericoloso di Israele sia difeso meglio di così”, ha aggiunto Unna.

Il fatto che fosse un giorno festivo non è una scusa, ha detto. “Questa è la linea del fronte più pericolosa di Israele e abbiamo speso miliardi in tecnologia”, che, ad esempio, ha permesso a Israele di individuare i tunnel sotterranei. Il fatto che sia stato difeso così male è “inconcepibile”.

Lo Shin Bet e i servizi segreti militari israeliani hanno coperto Gaza di sorveglianza, attraverso spie umane, sensori e altri mezzi tecnici come intercettazioni, telecamere e droni.

I servizi di intelligence potrebbero aver scambiato i movimenti di Hamas per esercitazioni, riecheggiando un errore simile nella guerra dello Yom Kippur del 1973, quando Israele fraintese le fasi iniziali di un’invasione da parte della Siria a nord e dell’Egitto a sud come uno schieramento difensivo.

“Hamas fa esercitazioni in continuazione”, ha detto Unna, che attualmente lavora presso l’Istituto internazionale per l’antiterrorismo dell’Università Reichman. “Fanno esercitazioni per invadere gli insediamenti. Si allenano. Noi li osserviamo. Erano solo esercitazioni. Ieri è diventata realtà”.

Stephen Slick, ex capo stazione della CIA a Tel Aviv, che ora dirige il progetto di studi sull’intelligence presso l’Università del Texas ad Austin, ha affermato che, data la portata e la varietà degli attacchi di Hamas, “è altamente improbabile che la pianificazione, l’addestramento e il posizionamento di questo numero di combattenti siano sfuggiti ai sistemi di raccolta di Israele. È più probabile che le informazioni rilevanti non siano state elaborate o valutate correttamente o riconosciute come un indicatore di ostilità”.

I leader e i comandanti militari di Hamas sembrano aver esercitato una “straordinaria sicurezza operativa e disciplina delle comunicazioni”, ha detto Slick. “Hamas avrà imparato dai numerosi casi precedenti in cui i suoi attacchi missilistici contro Israele hanno provocato un’immediata risposta militare israeliana, informata da una voluminosa intelligence sulla posizione delle armi, dei leader e dei combattenti”.

Norman Roule, un ufficiale veterano della CIA che ha gestito diversi programmi per il Medio Oriente per la comunità di intelligence, ha affermato che sembra che i leader di Hamas abbiano “modificato drasticamente il loro modus operandi” per mantenere segreti i loro complotti e il loro addestramento. Come Unna, ha osservato che l’attacco a sorpresa è stato favorito dalla mancanza di una risposta tempestiva da parte delle forze di sicurezza israeliane.

Slick ha osservato che lo Shin Bet e la Direzione dei servizi segreti militari hanno raggiunto negli ultimi anni “livelli straordinari di consapevolezza degli sviluppi a Gaza, comprese le attività di Hamas e del gruppo minore della Jihad islamica”.

Dopo il ritiro di Israele da Gaza nel 2005, il governo ha dato priorità a un aumento della capacità di intelligence e sorveglianza per garantire che gli estremisti che alla fine hanno preso il controllo della città non minacciassero il sud di Israele, ha detto.

Sul fronte diplomatico, gli attacchi e la risposta militare israeliana “complicheranno, ma non dovranno far deragliare” i colloqui di normalizzazione tra Arabia Saudita e Israele, ha detto Slick.

“Israele rimane impegnato nelle relazioni, mentre la determinazione saudita sarà messa alla prova dalle prevedibili critiche che accompagneranno le azioni militari di Israele a Gaza”.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Combattimenti casa per casa nel sud di israele
Previous Story

Combattimenti casa per casa in sei località nel sud di Israele

attacco a israele
Next Story

L’Iran ha attaccato Israele e su Hezbollah ci vuole prudenza

Latest from Medio Oriente

Go toTop