Come Israele traccia in tempo reale l’evacuazione da Gaza Nord

17 Ottobre 2023
evacuazione da gaza

In una sala di controllo senza finestre in una base militare nel sud di Israele, cinque soldati hanno monitorato lo sfollamento di centinaia di migliaia di gazesi su un enorme schermo di computer.

Lo schermo mostrava una mappa in tempo reale del nord di Gaza, l’area densamente popolata da circa 1,1 milioni di residenti a cui venerdì l’esercito israeliano ha detto di dirigersi verso sud per la propria sicurezza. Utilizzando i dati raccolti principalmente da oltre un milione di telefoni cellulari, la mappa ha fornito ai soldati una valutazione in tempo reale di quanti gazesi avessero ascoltato la richiesta di Israele.

Le Forze di Difesa Israeliane hanno per giorni fatto intendere che presto inizieranno un’operazione di terra nel nord di Gaza per spodestare Hamas, il gruppo armato palestinese che controlla Gaza e che il 7 ottobre ha orchestrato i peggiori attacchi terroristici nella storia di Israele, uccidendo più di 1.400 persone e rapendone almeno altre 199. I contrattacchi israeliani hanno ucciso più di 2.800 palestinesi, secondo le autorità sanitarie di Gaza.

L’esercito israeliano ha permesso a un giornalista del New York Times di vedere il sistema di tracciamento dei dati, sperando di dimostrare che sta facendo il possibile per ridurre i danni ai civili.

Alcuni quartieri erano colorati di bianco e rosso sullo schermo, suggerendo che ospitavano ancora la maggior parte dei loro residenti. Ma un numero crescente di aree diventava verde e giallo, segnalando che la maggior parte dei residenti se n’era andata.

“Non è un sistema perfetto al 100%, ma fornisce le informazioni necessarie per prendere una decisione”, ha dichiarato il generale di brigata Udi Ben Muha, che supervisiona il processo di monitoraggio. “I colori dicono cosa si può o non si può fare”, ha detto il generale Ben Muha.

Con i leader politici che devono ancora dare il via libera definitivo a un’operazione di terra, lunedì l’esercito israeliano è rimasto bloccato in una situazione di stallo. Lunedì sera, le sue truppe sono rimaste ammassate al confine con Gaza, senza ancora avanzare. L’esercito stava osservando quanti civili avessero lasciato il nord di Gaza.

Stava anche fornendo addestramento ed equipaggiamento dell’ultimo minuto alle centinaia di migliaia di riservisti militari che erano stati richiamati per lo sforzo bellico. E i giorni in più hanno dato ai diplomatici il tempo di condurre negoziati dell’ultimo minuto – e finora senza successo – per aprire il confine di Gaza con l’Egitto agli sfollati e ai convogli di aiuti.

Benjamin Netanyahu, il primo ministro israeliano, ha anche invitato il presidente Biden a visitare Israele questa settimana, ed è improbabile che i militari complichino la sua visita iniziando un’invasione mentre si trova sul suolo israeliano, hanno detto gli analisti.

“L’operazione di terra comporterà molte vittime da entrambe le parti”, ha dichiarato Miri Eisin, ex ufficiale militare di alto livello e direttore dell’Istituto internazionale per l’antiterrorismo dell’Università Reichman in Israele.

“Non è il caso di farlo quando il presidente degli Stati Uniti è qui”, ha aggiunto.

Nel frattempo, tre alti comandanti israeliani hanno dichiarato che stanno sfruttando ogni momento per preparare i riservisti alla guerra di terra. L’operazione prevista sarà la prima in quasi 15 anni in cui Israele tenterà di catturare e mantenere un territorio per un periodo prolungato. Molti soldati a tempo pieno non hanno mai condotto un’operazione del genere, per non parlare dei 360.000 riservisti richiamati dal loro lavoro quotidiano dopo gli attacchi di Hamas.

Una minoranza significativa dei fanti e delle unità di carri armati che potrebbero essere dispiegati a Gaza sono riservisti, secondo tre alti ufficial. Si ritiene che le Forze di Difesa Israeliane avessero 200.000 soldati in servizio attivo prima del richiamo, di cui tre quarti erano soldati di leva, ma non ci sono cifre ufficiali.

L’esercito ha avuto bisogno di tempo per rifornirsi di un equipaggiamento sufficiente per il suo esercito. Mentre i commando israeliani hanno tutti un equipaggiamento protettivo sufficiente, l’esercito sta ancora cercando di procurare giubbotti protettivi per alcuni riservisti, secondo un alto ufficiale. Diverse famiglie hanno anche detto di aver ottenuto privatamente i giubbotti per i figli che sono stati chiamati alle armi.

Nel frattempo, un numero maggiore di civili palestinesi sta lasciando il nord di Gaza, anche se per raggiungere le condizioni disastrose del sud, dove mancano alloggi, carburante, acqua, medicine e cibo – e dove continuano anche gli attacchi israeliani.

Molti palestinesi affermano di temere che Israele cerchi di costringerli ad andare in Egitto, per non tornare mai più, in un’espulsione di massa che paragonano alla Nakba, un termine arabo che si riferisce alla fuga o all’espulsione di 700.000 arabi palestinesi durante le guerre che circondarono la creazione di Israele nel 1948.

Israele afferma che l’invito all’evacuazione serve a prevenire il maggior numero possibile di vittime civili durante le prossime operazioni militari nel nord del Paese.

A tal fine, dalla sala di controllo militare nel sud di Israele, il generale Ben Muha ha cercato di incoraggiare un maggior numero di gazesi a dirigersi verso sud. Gli ufficiali militari chiamavano direttamente i palestinesi e gli aerei dell’aviazione sganciavano volantini che esortavano i gazesi a ignorare le richieste di Hamas di non muoversi.

Sulla scrivania del generale c’erano fascicoli e fogli di calcolo che elencavano i numeri di telefono di centinaia di leader delle comunità gazane, direttori di ospedali e amministratori di scuole, che potevano essere chiamati in un attimo da un soldato della sala di controllo.

Su una lavagna vicina, gli assistenti avevano dettagliato i tempi dei lanci regolari di volantini nel nord di Gaza.

Sulla mappa in tempo reale di fronte al generale, c’erano sempre meno macchie rosse e bianche: Fino a 700.000 gazesi si erano spostati a sud nel pomeriggio di lunedì, secondo i dati, lasciandone circa 400.000 nel nord.

Una volta che un quartiere diventa verde sulla mappa, un ufficiale israeliano che opera nell’area avrà un maggiore spazio di manovra a causa della minore probabilità di danneggiare i civili durante la lotta contro Hamas, ha detto il generale.

“Se sei un comandante di brigata e vedi quei colori, ti dice quanti civili ci sono nell’area e sai se puoi o non puoi usare i tuoi carri armati o la tua fanteria”, ha detto.

I palestinesi affermano che tali misure hanno poco significato in mezzo alla forte perdita di vite umane e alle difficoltà causate dai bombardamenti e dallo sfollamento. I civili e gli operatori umanitari affermano che molte persone non hanno i mezzi di trasporto per spostarsi verso sud, o sono troppo deboli per affrontare il viaggio.

“Non credo ci sia nulla di umanitario nello sradicare” così tante persone, ha dichiarato Khaled Elgindy, direttore del Programma sulla Palestina e gli Affari Palestinesi-Israeliani presso il Middle East Institute, un gruppo di ricerca di Washington.

“Non esiste un luogo sicuro a Gaza”, ha aggiunto Elgindy. “Quindi l’idea che si stiano comportando in qualche modo in modo umanitario o rispettoso della vita umana a Gaza è orwelliana”.

Il metodo di monitoraggio è già stato utilizzato durante gli attacchi dell’aviazione israeliana su Rimal, un ricco quartiere di Gaza City che è stato lasciato in rovina dopo essere stato bombardato martedì scorso come rappresaglia per gli attacchi di Hamas. I funzionari israeliani hanno affermato che Hamas aveva costruito infrastrutture militari sotto il quartiere.

Prima dell’attacco, i soldati della sala di monitoraggio hanno chiamato alcuni residenti della zona per incoraggiarli ad andarsene, ha detto il generale. Hanno poi avvisato l’aviazione non appena il quartiere è diventato verde sulla mappa, indicando che era rimasto meno di un quarto della popolazione, ha detto il generale.

Il generale ha detto che, prima di procedere, l’aviazione ha condotto una propria valutazione del costo potenziale per le vite civili di ogni singolo attacco.

Ma tali verifiche sono arrivate solo fino a un certo punto.

Tra i civili uccisi durante gli attacchi c’era Saeed al-Taweel, editore di un sito web di notizie arabe.

 

 

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
riunione militare di alto livello israele centcom
Previous Story

Riunione di altissimo livello della difesa USA – Israele

missili hamas puntuali
Next Story

Quelli di Hamas sono missili deficienti ma puntuali

Latest from Medio Oriente

Go toTop