Africa

Congo: rivoluzionaria decisione dell’Onu. Creata la prima forza offensiva

congo

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha approvato nei giorni scorsi quella che può essere definita senza ombra di dubbio una “decisione rivoluzionaria”, cioè la creazione della prima forza offensiva dell’Onu incaricata di intervenire nella Repubblica Democratica del Congo per disarmare tutti i gruppi armati.

La nuova forza militare dell’Onu sarà composta da circa 2.500 uomini dotati delle armi più potenti e moderne, dai droni agli elicotteri da combattimento passando per mezzi blindati di ultima generazione. Il loro compito sarà quello di intervenire nella parte Est del Congo allo scopo di disarmare i gruppi ribelli, primo tra tutti il gruppo M23 che al momento sta controllando militarmente buona parte di quel territorio.

La storica decisione arriva a seguito del sostanziale fallimento dei colloqui di pace tra il Governo congolese e i ribelli del gruppo M23 che si tenevano a Kampala, in Uganda. Proprio a seguito di questo fallimento sono ripresi gli scontri nella parte est del Congo in particolare nella zona di Goma.

Questa forza, che sarà estremamente duttile e mobile, è la prima forza offensiva elle Nazioni Unite e probabilmente fungerà da apripista (e da monito) anche per altre zone di conflitto dove i tentativi di risolvere pacificamente le controversie non sortiscono risultato alcuno.

Claudia Colombo

Tags

Related Articles

5 Comments

  1. Forza offensiva? Posso ridere? Se è una cosa seria sarebbe meglio mandarla a disarmare Hezbollah in Libano.

  2. In Congo ci sono stati finora più di 5 milioni di morti (più i milioni di sfollati, più i bambini soldato, più le donne stuprate sparandogli nella vagina con la baionetta eccetera eccetera): io non è che ci trovi proprio tanto tanto da ridere.

    1. Non mi fa ridere la situazione del Congo (ci mancherebbe!) ma il fatto che l’impotente onu (minuscolo) voglia apparire anche “offensiva”. Avrebbe dovuto esserlo anni fa. Per quanto riguarda le vicende africane, in buona parte sono responsabilità degli stessi africani, oltre che di una parte dell’occidente e del mondo islamico.

      1. Che una Onu che pretende di mostrare i muscoli sia una barzelletta è fuori discussione (tempo fa alla radio c’era un programma che si intitolava “Il ruggito del coniglio”: ecco…) Ma se mai lo dovesse fare, direi che il Congo dovrebbe sicuramente rientrare fra le priorità. (E il mondo islamico, fra i responsabili del disastro, non lo metterei all’ultimo posto).

Close