Il drone iraniano carico di esplosivo che questa settimana ha colpito una petroliera di proprietà di un imprenditore israeliano al largo delle coste dell’Oman è stato lanciato da una base del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) in Iran, lo hanno dichiarato giovedì alcuni funzionari occidentali.

La petroliera Pacific Zircon, battente bandiera liberiana, è stata colpita da uno Shahed-136 martedì sera, causando danni ma nessun ferito. La Pacific Zircon è gestita dalla Eastern Pacific Shipping con sede a Singapore, una società di proprietà del miliardario israeliano Idan Ofer.

Secondo un rapporto della BBC, un funzionario occidentale ha dichiarato che il drone è stato lanciato dal comando regionale dell’aeronautica militare dell’IRGC nella città sudorientale di Chabahar.

Una fonte della difesa israeliana ha dichiarato alla Radio dell’Esercito che il drone è stato lanciato dal territorio iraniano, affermando: “Gli iraniani non si nascondono più dietro i loro proxy. Hanno commesso un errore e non potranno sottrarsi alle loro responsabilità”.

Il generale Michael Erik Kurilla, capo del Comando centrale degli Stati Uniti, ha dichiarato in un comunicato che dietro l’attacco c’è l’Iran.

“Questo attacco con un veicolo aereo senza pilota contro una nave civile in questo stretto marittimo critico dimostra, ancora una volta, la natura destabilizzante dell’attività maligna iraniana nella regione”, ha dichiarato Kurilla.

Funzionari israeliani, che hanno parlato in forma anonima con i giornalisti, hanno detto che l’Iran ha effettuato l’attacco con un Shahed-136, noto anche come drone suicida.

L’Iran ha fornito lo stesso modello di droni alla Russia, che li ha utilizzati per colpire infrastrutture e obiettivi civili in Ucraina.

In un comunicato, la Eastern Pacific Shipping ha dichiarato che la Pacific Zircon, che trasportava gasolio, è stata “colpita da un proiettile” a circa 150 miglia (240 chilometri) dalla costa dell’Oman.

“Siamo in comunicazione con la nave e non ci sono notizie di feriti o di inquinamento. Tutto l’equipaggio è al sicuro”, ha dichiarato la compagnia. “Ci sono alcuni danni minori allo scafo della nave, ma non ci sono fuoriuscite di carico o infiltrazioni d’acqua”.

Teheran e Israele sono impegnati da anni in una guerra ombra in Medio Oriente, con alcuni attacchi di droni che hanno preso di mira navi associate a Israele che viaggiavano nella regione.

In uno di questi attacchi, nel luglio 2021, la Mercer Street, una petroliera di proprietà di un uomo d’affari israeliano, è stata colpita da un drone Shahed, uccidendo un membro dell’equipaggio britannico e uno rumeno.

Nel novembre dello stesso anno, il ministro della Difesa Benny Gantz ha rivelato l’ubicazione di due basi di droni iraniani che, a suo dire, venivano utilizzate per condurre attacchi contro obiettivi in mare, tra cui quello di Chabahar.

Gli Stati Uniti hanno anche incolpato l’Iran per una serie di attacchi avvenuti al largo delle coste degli Emirati Arabi Uniti nel 2019. All’epoca Teheran aveva iniziato a intensificare il suo programma nucleare dopo il ritiro unilaterale degli Stati Uniti dall’accordo atomico con le potenze mondiali.

L’attacco alla petroliera arriva a pochi giorni dalla Coppa del Mondo FIFA in Qatar. Mentre Doha mantiene buone relazioni con Teheran, con cui condivide un enorme giacimento di gas naturale offshore, gli israeliani parteciperanno al torneo di calcio. La nazionale iraniana affronterà anche la Gran Bretagna e gli Stati Uniti nelle partite del primo turno, due Paesi accusati di fomentare i disordini locali.

“L’Iran mina la sicurezza nel Golfo e, in questo modo, mina la stabilità durante la Coppa del Mondo”, ha dichiarato un funzionario israeliano.