E una manifestazione per i cristiani di Mosul o per le donne infubalate?

23 Luglio 2014

Non ci sono più cristiani a Mosul. L’ISIL, lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante, ha compiuto la sua pulizia etnico-religiosa senza che nessuno abbia osato alzare una sola voce, senza che qualche pacifista sia sceso in piazza per protestare contro gli estremisti islamici.

Certo, sarebbe un controsenso scendere in piazza per manifestare a favore di Hamas e poi protestare contro i loro fratelli maggiori dell’ISIL. Proprio non avrebbe senso.

E non è finita qui perché secondo diversi media, compreso RaiNews24 (il che è tutto un dire), l’ISIL dopo aver imposto alle famiglie di concedere le loro figlie vergini ai terroristi islamici, ha ordinato l’infibulazione per tutte le donne. Un orrore, una cosa pazzesca che l‘occidente non può lasciar fare.

Ora ci si aspetterebbe dai pacifisti una bella serie di manifestazioni per protestare contro questo orrore e per chiedere un immediato intervento internazionale. Ma c’è da giurare che non vedremo nulla di tutto questo proprio per la ragione di cui sopra.

[glyphicon type=”user”] Scritto da Carlotta Visentin

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

Previous Story

Quale pace senza distruggere Hamas?

Next Story

Ragazze rapite in Nigeria: 100 giorni con il demonio

Latest from Senza categoria

Burkina Faso: nuovo golpe militare

A pochi giorni dalle elezioni che avrebbero dovuto portare alla democrazia in Burkina Faso, previste per il prossimo 11 ottobre, i militari hanno deposto
Go toTop