guerra russia ucraina bombe plananti

Secondo gli esperti occidentali, l’aeronautica russa ha aumentato drasticamente la sua efficacia nella guerra in Ucraina grazie all’uso crescente di “bombe glide”, che hanno contribuito ai recenti successi di Mosca sul campo di battaglia.

Le abbondanti bombe di epoca sovietica, che trasportano fino a mezza tonnellata di esplosivo, sono state dotate di ali e sistemi di guida per volare su lunghe distanze con una certa precisione, permettendo ai jet russi che le sganciano di operare lontano dai sistemi antiaerei ucraini.

Insieme ai droni, ai missili e all’artiglieria russi, le bombe teleguidate hanno aggiunto una nuova potenza di fuoco distruttiva alla campagna russa nell’Ucraina orientale, come dimostrato dalla recente conquista della città di Avdiivka, la prima grande vittoria della Russia in quasi un anno.

Secondo gli ucraini, la risposta più efficace alla minaccia russa, sempre più pesante, è ancora lontana: gli aerei da combattimento F-16 di fabbricazione statunitense che il Paese ha richiesto a gran voce.

Con le bombe plananti, impiegate per la prima volta l’anno scorso, Mosca ha trovato una soluzione inelegante ma efficace alle contromisure ucraine che hanno compromesso la superiorità aerea russa fin dai primi giorni della guerra. Sebbene l’Ucraina disponga di difese aeree e di alcuni aerei da combattimento, le bombe a planata permettono ai russi di attaccare da distanze maggiori.

Le bombe, “sfortunatamente, hanno un potere distruttivo molto elevato”, ha dichiarato Dmytro Lykhovii, un portavoce militare ucraino nell’Ucraina orientale. Queste bombe “demoliscono semplicemente, distruggendo le case e le fondamenta che possono essere utilizzate per le fortificazioni di difesa”.

Anche le forze ucraine utilizzano bombe guidate, tra cui il sistema Joint Direct Attack Munition, o JDAM, di produzione statunitense, più preciso della versione russa, ma con scorte molto più limitate.

Le bombe a elica russe hanno recentemente dimostrato la loro letale utilità il mese scorso ad Avdiivka, svolgendo un ruolo fondamentale nella conquista della città e trasformandola in un guscio annerito e bombardato.

In un resoconto pubblicato sul sito di social media Telegram durante la battaglia, Maksym Zhorin della 3ª Brigata d’assalto separata ucraina ha descritto come ogni giorno 60-80 bombe a elica si abbattessero sulla sua zona. “Queste bombe distruggono completamente qualsiasi posizione. Tutti gli edifici e le strutture, anche con una sola bomba, si trasformano in una fossa”.

Konrad Muzyka, direttore della società di consulenza per la difesa Rochan, con sede in Polonia, ha dichiarato che dalla metà di dicembre il numero di attacchi aerei russi sulle posizioni ucraine – la maggior parte dei quali con bombe plananti – è aumentato in modo significativo, sulla base dei dati forniti dallo stato maggiore dell’esercito ucraino.

Da gennaio, gli attacchi aerei russi lungo la linea del fronte hanno superato di routine i 100 al giorno, con quasi 160 attacchi quattro giorni prima della caduta di Avdiivka, ha detto.

“Non costa nulla ai russi”, ha detto Muzyka. “Immagino che abbiano molte di queste bombe e che non le esauriranno rapidamente”.

“Le bombe glide russe sono ottime per la guerra urbana, per colpire luoghi come Avdiivka dove si sa più o meno a quale area si deve mirare”, ha detto. “E a un certo punto, si può distruggere un edificio, ma non si ha sostanzialmente alcun controllo su quale edificio si colpirà effettivamente”.

Il blogger militare russo “Military Informant” ha confermato su Telegram, in un post del 2 marzo, che gli aerei russi hanno “aumentato in modo significativo il tasso di utilizzo delle bombe aeree … sulle posizioni ucraine”, in particolare intorno ad Avdiivka, “che letteralmente non permette alle Forze Armate ucraine di sopravvivere e porta a notevoli perdite di uomini e territori”.

Queste munizioni stanno diventando sempre più un problema per gli ucraini, ha dichiarato Mykola Bielieskov, analista militare presso l’Istituto nazionale di studi strategici di Kiev, gestito dal governo.

La pesante struttura in ferro delle bombe le rende quasi impossibili da abbattere, hanno detto i funzionari ucraini, perché i sistemi di difesa aerea sono calibrati per rilevare missili e razzi che volano con una traiettoria distinta, piuttosto che per contrastare le bombe.

“Cerchiamo di contrastarli con i mezzi limitati a disposizione”, ha detto Bielieskov. In definitiva, uno dei modi migliori per “porre rimedio alla situazione per l’Ucraina” sarebbero gli F-16, che i piloti ucraini si stanno addestrando a pilotare e che potrebbero essere utilizzati entro l’estate.

Gli F-16 “con le ultime modifiche” dei missili aria-aria AIM-120 “potrebbero aumentare i rischi” per i jet russi, “quando sganciano [le bombe planate] o tornano indietro”, ha detto.

Le forze di difesa aerea ucraine affermano di aver ottenuto una serie di successi nel mezzo di questo maggiore uso della potenza aerea russa, sostenendo di aver abbattuto 15 velivoli militari russi – tra cui 10 cacciabombardieri Su-34, due caccia Su-35 e un velivolo A-50 per il controllo e l’allerta precoce solo nel mese di febbraio.

Queste affermazioni, tuttavia, non hanno potuto essere verificate in modo indipendente e hanno suscitato un profondo scetticismo in alcuni analisti, che mettono in guardia dall’utilizzare i numeri ucraini.

“Le dichiarazioni eccessive sono sempre un problema”, ha dichiarato Justin Bronk, esperto di guerra aerea e ricercatore senior presso il Royal United Services Institute di Londra. Tuttavia ha ammesso che alcuni dei velivoli potrebbero essere stati abbattuti, ma ha anche detto che è possibile che alcuni siano scesi al di sotto del raggio d’azione dei radar per eludere il fuoco ucraino, facendoli sparire dagli schermi.

“Non abbiamo assistito a un calo significativo degli attacchi aerei”, ha osservato Muzyka.

L’intelligence britannica ha tuttavia confermato l’abbattimento dell’A-50, uno dei bersagli più pregiati della flotta aerea russa, dotato di un radar sofisticato che avverte del fuoco in arrivo.

La Russia non ha riferito dell’abbattimento dell’aereo, ma il padre di un navigatore dell’A-50 ha scritto sul sito russo di social media VKontakte che suo figlio, Aleksandr, era morto “nell’adempimento del suo dovere militare” due giorni prima, il giorno in cui l’A-50 sarebbe stato abbattuto.

“La scomparsa di questi aerei, anche se temporanea, è un buon segno per noi”, ha dichiarato la scorsa settimana il portavoce delle forze aeree ucraine Yuriy Ignat alla televisione ucraina, aggiungendo che “in una certa misura” ha aiutato l’aviazione a individuare i jet russi.

L’Istituto per lo studio della guerra, con sede a Washington, ha dichiarato mercoledì che “sembra che gli aerei russi continuino a condurre un volume relativamente alto di attacchi con bombe plananti”, nonostante le notizie che le forze ucraine abbiano abbattuto gli aerei russi.

Questo “probabilmente perché il comando russo potrebbe aver deciso che gli effetti positivi generati da tali operazioni aeree superano i costi associati al volo di tali missioni”, ha affermato l’istituto.

Le forze russe stanno anche aumentando l’uso di bombe plananti nella regione di Kharkiv, come ha dichiarato il governatore della zona, Oleh Synyehubov, alla televisione ucraina martedì. Recentemente, nella città di Kupyansk, è stata sganciata per la prima volta una bomba guidata con munizioni a grappolo.

“Se consideriamo la situazione di 10 mesi fa, il nemico usava bombe aeree guidate abbastanza raramente”, ha detto Synyehubov. “Ora è la loro priorità”.