soldati russi morti in ucraina

Sarebbero oltre 200.000 i soldati russi uccisi in Ucraina dall’inizio del conflitto, per la precisione 200.590 dopo che nelle ultime 24 ore l’esercito russo ne ha persi 610. Lo ha reso noto ieri il comando militare di Kiev, non quindi una fonte imparziale.

Tuttavia i dati cambiano a seconda delle fonti anche perché alcuni non fanno distinzione tra morti e feriti e tendono a mettere tutto insieme.

Per esempio una valutazione della US Defense Intelligence Agency trapelata ad aprile ha rilevato che la Russia ha subito tra le 189.500 e le 223.000 vittime totali, di cui “solo”  35.500 – 43.000 morti e tra 154.000 e 180.000 feriti.

La Russia ha perso una generazione di ufficiali

“A prescindere da qualsiasi stima, le perdite sono terribili”, ha detto Pavel Luzin, analista politico russo e visiting scholar presso la Fletcher School of Law and Diplomacy .

Luzin ha affermato che perdite così colossali hanno danneggiato “l’integrità organizzativa” delle forze armate russe. La Russia ha perso non solo soldati, ma anche molti ufficiali sul campo di battaglia in Ucraina.

“La Russia ha perso una generazione di ufficiali, soprattutto se parliamo di ufficiali di basso livello come tenenti e capitani”, ha aggiunto Luzin. “Le unità più professionali sono già andate perse e la maggior parte di esse sono state perse nei primi sei mesi di guerra”.

Forze d’élite decimate i primi mesi di guerra

Secondo dati della intelligence britannica la Russia avrebbe perso buona parte delle sue forze d’élite nei primi mesi di guerra. Un servizio della BBC andato in onda lo scorso settembre riportava che solo nei primi mesi di guerra la Russia aveva perso più di 900 unità delle forze speciali, paracadutisti, marines e piloti.

Andando nel dettaglio ci sarebbero 151 nità dell’intelligence militare russa, 337 marines, 245 soldati delle forze speciali e della polizia antisommossa della Guardia Nazionale, 144 membri di unità paracadutiste d’élite, 20 membri del Servizio di Sicurezza Federale (FSB) e del Servizio delle Guardie Federali (FSO), nonché almeno 67 piloti da combattimento. Questo nei primi due mesi di guerra.

Scarsa leadership

La scarsa leadership all’interno del Cremlino è in parte responsabile del numero di morti, ha detto Luzin, osservando che i capi militari russi hanno svolto solo un ruolo minore durante la pianificazione della guerra.

“Il ruolo principale è stato svolto dagli ufficiali dell’intelligence intorno a Vladimir Putin, dagli uomini dell’FSB e così via. Credevano di aver bisogno delle Forze Armate [russe] solo per il supporto militare. Credevano di avere la situazione in Ucraina sotto il loro controllo”, ha detto.

Ma la realtà si è rivelata molto diversa da quella che le Forze Armate russe si aspettavano, ha detto Luzin. “I comandanti della leadership militare non erano preparati a questo. Ed è per questo che hanno perso così tante truppe d’élite”.

Truppe poco addestrate e non russe

Secondo gli analisti militari del Conflict Intelligence Team (CIT), Putin ha arruolato la maggior parte delle unità per la sua guerra dalle repubbliche russe, tra cui il Daghestan nel Caucaso, la Yakutia nella Siberia nord-orientale, la Buryatia vicino al confine con la Mongolia e il territorio di Krasnoyarsk.

Mark Voyger, del Center for European Policy Analysis (CEPA) e professore all’Università americana di Kiev, ha detto che la maggior parte delle vittime russe provengono probabilmente da queste regioni.

“A parte le forze d’élite che sono state mandate al tritacarne all’inizio… la maggior parte della carne da macello proviene da aree impoverite o di etnia non russa”, ha dichiarato Voyger, ex consigliere speciale per gli affari russi ed eurasiatici del tenente generale Ben Hodges quando era comandante dell’esercito americano in Europa.

Vladimir Budaev della Free Buryatia Foundation, un gruppo pro-democrazia con sede negli Stati Uniti, aveva dichiarato ai media che l’arruolamento forzato delle minoranze etniche da parte della Russia nel conflitto si sarebbe ritorta contro gli sforzi bellici di Putin.

Budaev ha spiegato che molte persone in queste regioni sono state convocate poco dopo l’annuncio di Putin di una mobilitazione parziale nel settembre 2022, nonostante non avessero soddisfatto i criteri stabiliti dai funzionari della difesa russa, come ad esempio il possesso di esperienze rilevanti.

Voyger del CEPA ha anche evidenziato una pratica di reclutamento durata mesi da parte di Yevgeny Prigozhin, capo del Gruppo, per reclutare “prigionieri e altri indesiderabili” per la guerra.

Prigozhin ha arruolato nelle colonie penali in Russia, offrendo ai detenuti maschi la commutazione della pena e incentivi in denaro in cambio di sei mesi di servizio militare in Ucraina.

Un ex detenuto russo di 48 anni assunto dal Wagner Group ha dichiarato al Wall Street Journal che gli sono state date solo tre settimane di addestramento e che non ci si aspettava di sopravvivere alla sua prima missione.

Nel frattempo, sono emerse numerose notizie di uomini non idonei che sono stati chiamati per il servizio militare.

Alcuni russi arruolati sono morti addirittura prima di raggiungere il campo di battaglia, mentre altri sono morti poco dopo essere stati schierati in Ucraina.

Equipaggiamento e munizioni insufficienti

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha riconosciuto nell’ottobre 2022 che la Russia mancava di equipaggiamento per i suoi soldati in guerra, annunciando contemporaneamente la formazione di un consiglio creato da Putin per risolvere questi problemi.

Alexander Štupun, portavoce dello Stato Maggiore delle Forze Armate dell’Ucraina, ha dichiarato nello stesso mese che le truppe di Putin stavano lottando per ottenere equipaggiamento e armature. Solo poche settimane prima era apparso evidente che la Russia aveva già iniziato ad attingere alle sue riserve di sistemi di epoca sovietica, come i carri armati T-62, i lanciarazzi multipli Grad, i cannoni semoventi 2S7 Pion e i veicoli corazzati per il personale MT-LB.

Più di recente, Prigozhin ha lanciato accesi attacchi verbali contro Shoigu e il Capo di Stato Maggiore Valery Gerasimov per l’apparente mancanza di munizioni per i suoi combattenti nella battaglia per Bakhmut.

Mikhail Vinogradov, fondatore e presidente della Fondazione Politica di San Pietroburgo, ha affermato che la mancanza di equipaggiamento della Russia in guerra è probabilmente dovuta al fatto che le forze armate russe non erano preparate per un conflitto così lungo e su larga scala.

Nonostante le crescenti perdite nell’esercito russo, Voyger ha detto di ritenere che Putin continuerà a lanciare offensive, anche se in questa fase non ha i numeri di truppe per “sopraffare l’Ucraina”.

E le vittime ucraine?

Come la Russia, anche l’Ucraina evita in larga misura di rendere noti i dati sulle vittime delle proprie forze armate. Tuttavia, secondo le stime dei servizi segreti occidentali, le vittime sono ingenti.

La valutazione della Defense Intelligence Agency statunitense, trapelata ad aprile, ha stimato che l’Ucraina ha subito 124.500-131.000 perdite, tra cui 15.500-17.500 morti e 109.000-113.500 feriti.

Nel novembre 2022, il generale Milley ha dichiarato che le vittime delle due parti avevano già superato le 100.000 unità, oltre a 40.000 civili.