Finalmente si tocca il denaro russo per aiutare l’ucraina

Al G7 presa una decisione che si aspettava da tempo
14 Giugno 2024
g7 denaro russo per aiutare ucraina

I leader del G7 hanno raggiunto un accordo per utilizzare i profitti derivanti dal congelamento dei beni russi al fine di fornire circa 50 miliardi di dollari di sostegno all’Ucraina.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato di aspettarsi “decisioni importanti” dal vertice in Italia, con i leader di Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Francia, Germania, Italia e Giappone che cercheranno di rafforzare il sostegno a Kiev, mentre molti di loro sono alle prese con elezioni o turbolenze politiche in patria.

Giovedì, il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha approvato un ampio accordo di sicurezza bilaterale che vedrà il suo Paese e l’Ucraina collaborare “per contribuire a scoraggiare e affrontare future aggressioni contro l’integrità territoriale” di entrambi gli Stati.

Nell’ambito del finanziamento di sostegno, i membri del G7 forniranno i fondi utilizzando come garanzia i profitti ottenuti dai beni della banca centrale russa congelati, la maggior parte dei quali detenuti nell’Unione Europea. I dettagli più precisi sulla quantità di denaro che sarà fornita dalle nazioni coinvolte devono ancora essere finalizzati, ma i leader hanno detto che questo dimostra l’unità di fronte all’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin.

“È un messaggio molto forte a Putin: Putin non può sopravvivere a noi e noi saremo al fianco dell’Ucraina per tutto il tempo necessario”, ha dichiarato il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. “Non sono i contribuenti europei a pagare i danni russi [in Ucraina], ma la Russia”, ha aggiunto.

Il processo prevede l’utilizzo dei profitti, essenzialmente i dividendi e le scadenze, dei circa 300 miliardi di dollari di beni russi all’estero, congelati dopo l’invasione di Mosca nel 2022.

Kiev ha chiesto per anni il congelamento di questi beni, ma la mossa è una spinta importante per l’Ucraina che sta combattendo un difficile 2024 contro una Russia meglio armata.

“Finalmente vediamo il primo passo verso l’equità, assicurandoci che sia l’aggressore, e non le brave persone dei Paesi che ci sostengono, a pagare per la vittoria dell’Ucraina”, ha dichiarato Kira Rudik, leader dell’opposizione nel parlamento di Kiev, la Verkhovna Rada.

“Plaudiamo a questo passo. Speriamo che sia solo il primo di molti altri passi. E useremo questo denaro con saggezza”.

La signora Rudik, così come le figure più autorevoli dell’Ucraina, hanno chiesto che tutti i beni sequestrati dalla Russia siano consegnati a Kiev. La decisione di concedere un prestito all’Ucraina garantito dagli interessi futuri dei beni è una via di mezzo tra l’invio dei beni stessi e il semplice trasferimento a Kiev degli interessi maturati negli ultimi due anni e mezzo di invasione su larga scala da parte della Russia.

In quello che potrebbe essere il suo ultimo vertice del G7 il Premier britannico, Rishi Sunak è stato chiaro sulla necessità di agire.

In mattinata è stato annunciato un nuovo pacchetto di sanzioni che prende di mira la “flotta ombra” di Mosca, che trasporta segretamente petrolio per finanziare la guerra in Ucraina. Sunak ha dichiarato che ciò “indebolirà la macchina da guerra di Putin”. Individui e aziende con sede in Cina, Israele, Kirghizistan e Turchia sono stati aggiunti alla lista delle sanzioni del Regno Unito per aver fornito armi, macchine utensili e microelettronica all’esercito russo.

Sunak ha inoltre dichiarato che annuncerà fino a 242 milioni di sterline di assistenza bilaterale all’Ucraina per sostenere i suoi bisogni umanitari ed energetici immediati.

Nel suo discorso al vertice, Zelensky ha chiesto ai leader di approvare un “Piano Marshall” per la ricostruzione dell’Ucraina dopo i danni causati dall’invasione russa.

“Abbiamo bisogno di un piano chiaro per la ripresa dell’Ucraina. Simile a quello che è stato il Piano Marshall per l’Europa dopo la [Seconda Guerra Mondiale]”, ha dichiarato.

Zelensky ha inoltre affermato che la recente revoca delle restrizioni sull’uso delle armi occidentali su obiettivi all’interno della Russia ha fornito all’Ucraina una maggiore protezione dagli attacchi aerei, in particolare nella città orientale di Kharkiv, mentre la più ampia regione di Kharkiv sta affrontando un duro assalto da parte delle truppe russe.

“Tuttavia, siamo ancora alla ricerca di ulteriori Patriot [sistemi di difesa aerea] e abbiamo bisogno di altri potenti passi come quelli che sono stati fatti (per migliorare) le nostre capacità di attacco a lungo raggio”, ha detto il presidente ucraino.

Zelensky ha anche firmato un accordo di sicurezza con il Giappone. Un analogo accordo decennale è previsto con gli Stati Uniti.

Sunak ha rilasciato una dichiarazione insieme a Joe Biden e al premier canadese Justin Trudeau, accusando il Cremlino di usare “menzogne, inganni, corruzione e disinformazione per minare la sovranità e la democrazia” in tutta Europa, a pochi mesi dalle elezioni in Moldavia, dove l’ingerenza russa è fonte di gravi preoccupazioni.

In merito ai 50 miliardi di dollari per l’Ucraina, Tom Keatinge, direttore del Centro per la finanza e la sicurezza presso il think tank Royal United Services Institute, ha dichiarato: “Non sarà la fine della storia”.

“Purtroppo non può essere la fine della storia. C’è ancora molto da fare. Ma almeno questo particolare ponte è stato attraversato e ciò è di enorme beneficio per gli ucraini”, ha aggiunto.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
crimea occupata
Previous Story

Ucraina: usati missili ATACMS per colpire obiettivi russi in Crimea

7 ottobre murales
Next Story

I due terzi dei palestinesi approvano ancora il massacro del 7 ottobre

Latest from Guerra Ucraina

Go toTop