Follia Stati Uniti: 100 miliardi di dollari di armi all’Arabia Saudita

13 Maggio 2017

E’ una vera follia quello che gli Stati Uniti si apprestano a fare con l’Arabia Saudita: una vendita di armi pari a 100 miliardi di dollari che potrebbe arrivare a 300 miliardi di dollari nell’arco di un decennio. A renderlo noto è stato un alto funzionario della Casa Bianca alla Reuters.

Secondo quanto si apprende l’enorme contratto di vendita di armi all’Arabia Saudita comprenderebbe navi, sistemi di difesa missilistica, aerei, diversi sistemi avanzati sia offensivi che difensivi. Il funzionario della Casa Bianca, pur rimanendo evasivo sul tipo di armi vendute, ha detto tuttavia che l’Amministrazione americana è stata attenta a non compromettere la superiorità militare di Israele nella regione quindi nel contratto non ci dovrebbero essere armi e sistemi d’arma di ultimissima generazione. Il contratto prevederebbe anche la manutenzione di tutto l’arsenale saudita da parte di tecnici americani e l’addestramento all’uso dei sistemi d’arma.

Al di la dei benefici economici per gli Stati Uniti la volontà dell’Amministrazione americana è quella di equilibrare i rapporti di forza tra l’Arabia Saudita e il suo nemico storico, l’Iran, senza compromettere la superiorità militare israeliana. Tuttavia da parte americana si da poca importanza all’uso che l’Arabia Saudita farà di queste armi specialmente in quella che è una delle guerre più sanguinose attualmente in corso, anche se completamente trascurata sai media, la guerra in Yemen, dove Arabia Saudita e Iran si confrontano a suon di stragi di civili e gravissime violazioni del Diritto Internazionale. Oltre a questo i rapporti che l’Arabia Saudita intrattiene con i maggiori gruppi terroristici islamici dovrebbe spingere l’Amministrazione americana a usare prudenza, una prudenza che a quanto pare Trump ha saltato a piè pari.

Già con l’Amministrazione Obama si era parlato di questa immensa fornitura di armi sia all’Arabia Saudita che ad altri Paesi del Golfo (tra i quali l’altrettanto pericoloso Qatar) ma fino ad ora si era privilegiata la prudenza. Ora sembra che Trump voglia delegare la difesa del Golfo Persico dal pericolo iraniano ai regimi arabi riempiendoli di armi. Non ci sembra francamente una buona scelta anche perché, come successo già in passato, il rischio di vedere quelle armi usate contro gli stessi Stati Uniti e i loro alleati è molto forte.

Sarah G. Frankl

Vive nel sud di Israele. Responsabile della redazione e delle pubblicazioni Breaking News. Cura i social di Rights Reporter. Esperta del settore informatico. Hacker Etica

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Smacco a Hezbollah: hackerate linee telefoniche libanesi durante discorso di Nasrallah

Next Story

Hamza Bin Laden: colpire obiettivi ebraici e occidentali in tutto il mondo

Latest from Medio Oriente

Go toTop