Un funzionario del gruppo terroristico di Hamas afferma che Israele vedrà una risposta unificata da parte dei gruppi terroristici che “gli darà una grande lezione”.

“La leadership della resistenza ha messo sul tavolo tutte le opzioni, basandosi sulla valutazione che il nemico ha iniziato la battaglia nel momento da lui scelto, al fine di far credere che la resistenza dia una risposta all’eliminazione dei capi del Jihad palestinese e non sui crimini che Israele intende compiere durante la Marcia della Bandiera [del Giorno di Gerusalemme] del 18 maggio“, dice il funzionario.

Il rappresentante di Hamas afferma inoltre che “la risposta sarà unificata attraverso l’esercito congiunto delle fazioni della resistenza e darà una grande lezione a Israele“.

Le risposte non saranno limitate a una determinata fazione, ma tutti i gruppi parteciperanno“, afferma il funzionario del gruppo terroristico che controlla la Striscia di Gaza.

La Marcia della Bandiera del Giorno di Gerusalemme è diventata una questione sempre più difficile da gestire per Israele in quanto attira decine di migliaia di giovani religiosi per ricordare l’anniversario della conquista di Gerusalemme Est da parte di Israele durante la Guerra dei Sei Giorni del 1967.

L’evento annuale fa temere un aggravamento delle tensioni con i palestinesi. Due anni fa, la marcia ha contribuito a scatenare una breve guerra con i terroristi di Gaza e l’anno scorso ha visto scontri sporadici e centinaia di partecipanti sono stati filmati mentre cantavano “Morte agli arabi” e altri slogan razzisti e islamofobici.