Hamas aveva progettato una grande strage

Secondo quando riferisce il sito web israeliano NRG, dagli interrogatori fatti dall’IDF ai terroristi di Hamas presi prigionieri sarebbe emerso un piano di Hamas davvero orribile: compiere una grande strage durante la festa del Rosh Hashanah, il capodanno ebraico.

hamas-tunnelIl piano era di far entrare in Israele attraverso i tunnel almeno 200 terroristi per ognuno dei tunnel. I miliziani di Hamas avrebbero dovuto approfittare della festa di Rosh Hashanah, durante la quale molti militari tornano a casa e la tensione è molto allentata, per introdursi nei kibbutz lungo la frontiera, uccidere decine di persone e rapire quante più persone possibili. Il piano è stato sventato dall’inizio della guerra e dalla conseguente distruzione dei tunnel.

La scoperta è stata immediatamente comunicata al Governo e ai vertici militari israeliani. Il messaggio è stato accompagnato da una analisi dei tecnici israeliani dove si segnala che per arrivare alla completa distruzione di tutti i tunnel e quindi alla fine della operazione militare, servirebbero ancora 10/15 giorni.

Questo pericolo sventato dovrebbe far riflettere su un paio di cose:

1 – la pericolosità di Hamas non può più essere sottovalutata. I tunnel erano pronti da mesi e non sono mai stati usati proprio per implementare questo piano criminale.

2 – la distruzione di tutti i tunnel diventa essenziale per la sicurezza di Israele, costi quel che costi. L’operazione militare non si può fermare fino a quando anche un solo tunnel rimarrà integro.

[glyphicon type=”user”] Scritto da Sarah F.

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter