Middle East

Hamas – Egitto: l’esercito egiziano attacca il gruppo terrorista e isola Gaza

Confine Gaza - Egitto nei pressi del valico di Rafah
Confine Gaza – Egitto nei pressi del valico di Rafah

Durissima accusa da parte dell’esercito egiziano nei confronti di Hamas. Secondo una dichiarazione diffusa ieri dal comando egiziano, ci sono le prove che Hamas stia fornendo armi e uomini ai terroristi che operano nella penisola del Sinai.

Ieri un elicottero egiziano ha sorpreso un gruppo di uomini armati che si apprestavano a compiere un attacco terroristico contro una pattuglia della polizia egiziana nei pressi del confine con Israele. Immediato l’attacco e l’uccisione di nove terroristi che, secondo indiscrezioni, sarebbero palestinesi di Gaza appartenenti ad Hamas. Altri 15 terroristi sono stati uccisi dall’esercito egiziano in una località poco distante da quella in cui operavano i terroristi di Hamas. Anche in questo caso si tratterebbe di un gruppo composto almeno in parte da uomini provenienti dalla Striscia di Gaza e riconducibili ad Hamas o alla Jihad Islamica.

Nell’ultima settimana nella Penisola del Sinai i terroristi hanno condotto almeno una decina di attacchi contro le forze egiziane uccidendo una quindicina di militari egiziani e almeno 10 poliziotti. Secondo il portavoce dell’esercito egiziano i terroristi che hanno condotto gli attacchi proverrebbero da Gaza e sarebbero collegati ad Hamas.

Sempre ieri le ruspe egiziane hanno distrutto una ventina di case lungo il confine con la Striscia di Gaza. Il sospetto è che nascondessero l’imboccatura delle gallerie che permettono ai terroristi di uscire da Gaza e alle armi di entrarvi. Nella operazione sono rimasti feriti alcuni residenti che si  opponevano all’abbattimento delle case. Durissima la reazione di Hamas alla distruzione delle case e dei tunnel. Un portavoce del movimento terrorista ha accusato l’esercito egiziano di voler isolare completamente la Striscia di Gaza con la scusa del terrorismo.

E’ la prima volta che l’esercito egiziano si schiera apertamente contro Hamas e compie azioni volte direttamente a colpire il gruppo terrorista che tiene in ostaggio la Striscia di Gaza.

Sarah F.

Tags

Related Articles

21 Comments

  1. si perfetto è proprio cosi’ ,ieri un missile ha abbattuto 15 jihadisti mentre era in corso un ‘azione militare a terra con copertura aerea,il giro di vite è mirato e senza pieta’ ! continuano imperterriti a scendere nelle strade ,ma sono poche decine di persone ,sempre assoldando donne e bambini !! vederli è allucinante ! proprio ier il tribunale militare ha sentenziato un tot di gente che ha preso parte alla distruzione dell’egitto il 14 agosto,11 accusati a 25 anni,45 a 5 anni ed uno il carcere a vita.praticamente a distanza di 20 giorni dall’accaduto la sentenza è gia stata fatta ,oserei dire efficiente questo tribunale ! tribunale militare è sempre la corte marziale o sono la stessa cosa ?? lo chiedo a voi perchè non me ne intendo e wikipedia lascia desiderare .Comunque il mio sguardo è rivolto verso fuori egitto,verso tutti paesi dove questi operano e continuano ad oggi a fare manifestazioni ,pro fratellanza,come in Italia !! come potremo risolvera fuori egitto ?? è li che ricade la mia attenzione,ho amici avvocati italiani che lavorano al cairo ,che tuttora sono della fratellanza ed ottusamente continuano con l’avvertenza di aver cancellato da fb ogni traccia ! quindi non si potrebbe nemmeno fare piu una segnalazione,mi sono informata ..il problema esiste perchè questi sono vandali ..grazie per le vostre informazioni ,grazie per i vostri scritti !! a presto tiziana

    1. ciao Tiziana e grazie delle tue preziose informazioni dall’Egitto.
      Per rispondere alla domanda sul tribunale militare, non è la stessa cosa della corte marziale. Il primo può giudicare anche i civili pur essendo retto da magistrati militari (ma non necessariamente) la corte marziale invece può giudicare solo militari.
      Su come risolvere il problema all’estero è un bel problemone, difficile bloccarli.
      Per la cronaca, nei prossimi giorni l’Italia dovrebbe togliere il warning per i viaggi in Egitto così il turismo potrebbe riprendere, alla faccia della Fratellanza Musulmana

      1. grazie mille delle spiegazioni ve ne sono molto grata ,non riuscivo a mettere a punto la differenza e mi perdevo in terminologie che mi sembravano dire la stessa cosa.E grazie anche per l’anteprima sul warning.Il turismo è molto importante da da mangiare ad un sacco di gente egiziana,che ora è per strada senza un’occupazione.Loro non si lamentano,sono sempre molto fiduciosi,sono comunque abituati,il medio oriente è cosi’,nascono e sanno che il loro paese si deve difendere perchè è alquanto ambito,e con questo si tolgono il pane dalla bocca,ma non toccare la figura del militare,è visto come colui che li protegge.E’ un popolo molto strano ,molto diverso da me.Purtroppo quello che avevate predetto in un vostro articolo è accaduto ,nel senso che domenica o lunedi u,s,hanno sparato su una petroliera in Suez,percui tutti in allerta per i pirati di mare ..C’è stato un tentativo si dice ,comunque sta di fatto che tutte le assicurazioni tipo la loyd inglese hanno chiamato i trasportatori soliti ed hanno cominciato ad alzare i massimali,insomma affari su affari,giri di soldi a uffa.Guarda te ,per combattere il terrorismo da parte di un popolo ,s’innestano tanti di quegli interessi da capogiro.l’egitto è incavolato nero con la turchia,la sta cercando di sbattere fuori in tutti i modi dal paese.Ora sta rimpiazzando con egiziani, il 90 per cento delle agenzie turistiche russe che erano in mano ai turchi coperte con
        falsi nomi dai russi,ossia i russi avevano fatto da prestanome ai turchi,tutti prodotti turchi sono messi al bando ,insomma tuti i giorni ce n’è una restrinzione.E per quanto riguarda l’italia ,noi della Bonino ,non ne possiam piu ,con tutto questo allarmismo ! gestisco una pagina di connazionali e vacanzieri ,e quello che non trovo scritto sulla pagina sulla politica italiana ed in particolare sulla Bonino,è impressionante !! ma un po’ di tamarrud anche in Italia ?? non ce la possiamo fare vero ?? che tristezza quando compare la Bonino che ha anche un appartamento al cairo e si dice conoscente degli egiziani,ci si rivolta lo stomaco,abbiamo fatto lettere ,segnalazioni di ogni,ma nulla non so se andremo ad aspettarla al confine dovesse ripresentarsi ! insomma ,tutte le donne ci hanno mortificato e deluso, dalla Goracci,Ashton,Bonino,Patterson e chi piu ne ha ne metta,ci mancava solo la paura di entrare in guerra con la Siria e siamo a posto…a parte che l’Egitto non avrebbe mai toccato la Siria e neanche che fosse permesso che dal territorio egiziano sferrassero attacchi,ma siamo tutti vicini,quasi confinanti.Comunque staremo a vedere,grazie per esser stati miei compagni in questa avventura e fonte inesauribile di conoscenza,molte cose le leggevo da voi ed in breve succedevano,ma non ho mai postato la vostra testata sul gruppo perchè se leggessero certi vostri articoli veritieri ,questi si morirebbero prima,non sono abituati ad andare avanti con la mente,qua per i connazionali devono sempre pensare di essere in

        paradiso ! auguri !! comunque grazie e a presto !!

        1. grazie a te Tiziana. Queste sono soddisfazioni che ci ripagano ampiamente di tutto

          “grazie per esser stati miei compagni in questa avventura e fonte inesauribile di conoscenza,molte cose le leggevo da voi ed in breve succedevano,ma non ho mai postato la vostra testata sul gruppo perchè se leggessero certi vostri articoli veritieri ,questi si morirebbero prima,non sono abituati ad andare avanti con la mente,qua per i connazionali devono sempre pensare di essere in paradiso”

      2. Aggiungo che a differenza del tribunale militare, che è sempre funzionante, la corte marziale entra in funzione solo quando c’è uno stato di guerra. Che non deve necessariamente essere una guerra con un altro stato, ma vale anche quando, in particolari momenti, viene proclamata la legge marziale.

        1. grazie Barbara..sai a volte con niente mi perdo ! e non sono una persona abituata a parlare con termini militari.Ho studiato lingue e sono semplicemente finita qua,non ho particolare idee politiche,ho le mie idee che magari è piu facile per voi inserire in un nome politico che per me.Non mi sono mai chiesta di quale partito io sia ,percui non lo so .Vi dico il vero ,conoscevo poco o nulla della situazione del medio oriente,ed ora ne so un po di piu ‘,francamente ho seguito i vostri articoli e poi ce ne ho messo del mio,ho parlato tantissimo con egiziani,con persone giovani,che non avevano alcuna identita’ politica,ci vivo in casa percui li conosco da anni e li ho riempiti di domande..ed ho letto ,letto tanto,voi,in inglese ed in arabo..Non mi è molto chiara la figura di israele in questo contesto ,devo leggermi Camp David che penso sia la base dei rapporti USA/Egitto.Per ora nei loro occhi vedo tanta incredulita’,nel senso che certe precisazioni che leggevo da voi,per loro erano pressochè impossibili.Quando dissi loro che: anche al qaeda era nei tunnels,ricordo che mi guardarono dicendomi ,questa è pazza !!invece avevate ragione ,l’avevo letto nei vostri articoli..beh vabe,questi sono aneddoti!comunque vedo che non è mai finita ! posso chiedere un ‘informazione quando parlate di Israele e Palestina,se non erro a volte sostitutuite al nome di palestina la West bank ?? perchè ??banca dell’ovest,intesa come terra sovvenzionata dai paesi occidentali,ONU etc etc …comunque mi sembra di aver intuito che Israele è il vostro preferito..ma potrei sbagliare,me lo son chiesto ma non ho avuto tempo darmi una risposta…oggi ci sono stati un po di attentati in Sinai ed uno in assuan,niente di che’!ho visto Obama parlare ied alcuni canali egiziani in diretta con cio che diceva,e niente piu,so che il qatar ha chiesto indietro 2bilioni di dollari ,penso per aver oscurato al jeseras,in effetti da lunedi’ non possono neanche scendere piu in strada con telecamere i loro giornalisti…niente di piu’..ah si c’è stato l’arresto di una papera che è diventata la mascot dell’egitto..ora è in assuan da oggi.Questa fa troppo ridere,c’era una cicogna ,loro scrivono papera,che è stata portata dai barcaioli del Nilo alla polizia di Q

          1. di quena,povera aveva una mega scatola per bird watching ma i barcaioli egiziani ,non potevano altro che ritenerla una spia pur di collaborare per aiutare i militari,e se stessi, l’hanno portata dicendo che era una spia…Insomma la scatola della cicogna è stata ispezionata e la cicogna trattenuta,ma non vi dico le risate che io facevo quando per me è normale fosse di qualche istituto,per loro poteva essere una spia o israeliana o araba o russa o turca,insomma la cicogna proveniva da un centro di ricerca europeo..è stata rimessa oggi in liberta’,sta storia sta spopolando pensa te che riusciamo pure a ridere…e vabe’ comunque ora vi saluto e vi ringrazio,non ho ben capito a quando potrebbe avvenire la sospensione del warning,penso proprio che si voglia inginocchiare il paese del tutto…fatemi sapere se avete news grazie di tutto …tiziana
            ps:l’altra pagina è partita senza essere riletta ,scusatemi.

          2. Ti rispondo (provo a risponderti) sulla questione “Palestina-West Bank” (riassumendo selvaggiamente e tagliando miliardi di cose. Ma se hai tempo e voglia nel mio blog – ci arrivi cliccando sul mio nome – sulla destra puoi trovare molti documenti). Alla fine della prima guerra mondiale la Gran Bretagna ha ricevuto il “mandato sulla Palestina”, corrispondente all’attuale Israele, più territori palestinesi, più Giordania, ossia tutti i territori che la dichiarazione Balfour del 1917 aveva stabilito come “focolare” per gli ebrei. Poi dopo pochi anni la Gran Bretagna ha staccato da questo territorio il 78% per regalarlo all’emiro Abdallah, ex re dell’Arabia detronizzato dagli Ibn Saud (per questo da allora l’Arabia si chiama Saudita), creando dal nulla l’emirato di Transgiordania (ossia al di là del Giordano), che in seguito ha preso il nome di Regno di Giordania. Il primo atto del neonato stato è stato quello di cacciare tutti gli ebrei che ci vivevano. Nel 1947 l’Onu ha approvato una risoluzione per la spartizione del restante 22% della Palestina, da cui doveva nascere uno stato ebraico e uno arabo. Gli ebrei hanno accettato, anche se la terra che si ritrovavano era il 12% di quello che era stata storicamente, gli arabi no, e hanno immediatamente scatenato la guerra contro Israele. Delle terre che dovevano costituire lo stato arabo palestinese, l’Egitto ha occupato Gaza e la Giordania ha occupato le regioni di Giudea e Samaria – che sono state collettivamente ribattezzate Cisgiordania, ossia al di qua del Giordano, o West Bank, ossia riva occidentale (sempre del Giordano), e la parte orientale di Gerusalemme – ossia quella storicamente ebraica, e infatti il “quartiere ebraico” si trova lì – dove hanno espulso tutti gli ebrei, alcuni lì residenti ininterrottamente dai tempi della Bibbia, e devastato cimiteri e sinagoghe, e decorando il muro del pianto con delle belle latrine. E per tutto il tempo in cui è durata la divisione, dal 1948 al 1967, a nessun ebreo al mondo è stato consentito l’accesso ai propri luoghi sacri, e anche quello dei cristiani ha subito parecchie limitazioni. Se hai altre domande o dubbi non farti problemi: siamo qui.

  2. I tribunali militari sono famosi in tutto il mondo per la loro saggezza, imparzialità e per rispettare tutte le garanzie dell’imputato. Chissà se poi a molti di loro verrà un infarto in cella.

    1. brava gente gli islamisti. Un infarto in cella sarebbe l’opzione migliore per questi bas***rtdi

  3. In effetti è una bella lotta: da una parte fanatici religiosi, dall’altra una giunta militare golpista che arresta gli oppositori e spara dai tetti nel mucchio. Il più pulito c’ha la rogna.

    1. wegas, chi spara dai tetti? Se qualche volta invece di stare a sentire la Goracci provassi a cercare la verità delle notizie lasciando da parte certe tue parzialità, forse riusciresti a capire meglio quella realtà. Leggiti Tiziana dall’Egitto cosa ti spiega

          1. E’ il secondo commento pieno di odio e vuoto di contenuti che scrivi. Cosa sei? Una specie di nazista? Un suprematista bianco? Un semplice idiota?

          2. ferma un attimo. Qui gli insulti non sono ammessi. Le idee degli altri si rispettano e si si vogliono contestare si fa con educazione e argomentando. Lascio i commenti solo a futura memoria. La prossima volta li cancello

  4. grazie mille barbara ho letto veloce e ci sono tante nozioni da apprendere ,guardo molto volentieri il tuo sito appena ho un attimo ,mi sono anche espressa male in quel secondo commento e me ne scuso …bisogna che verso di voi sia piu precisa nell’esprimermi ,grazie e scusa se ti ho fatto una domanda vaga e nn mirata ,che so che troppo impegnativo rispondere perchè ci sarebbe da scrivere un libro,,grazie torno in egitto..buona giornata a presto tiziana

Close