Hamas potrebbe aver acquisito armi tecnologicamente avanzate

20 Ottobre 2023
armi di hamas

Alla fine del 2016, l’ingegnere aerospaziale Mohamed Zouari era seduto nella sua auto in una città tunisina di mare quando un camion si è fermato di fronte a lui, bloccandogli la strada. Due figure mascherate si sono avvicinate all’uomo sbigottito e hanno estratto pistole con lunghi silenziatori. Hanno sparato 20 colpi e si sono allontanati, secondo la polizia, lasciando Zouari morente e sanguinante sul sedile anteriore.

È stato un colpo da professionisti e i sospetti sono subito caduti sul servizio segreto israeliano, il Mossad. Gli israeliani avevano ragioni per volere Zouari morto: era noto come costruttore di droni armati per il gruppo terrorista Hamas. Al momento della sua morte, Zouari, di formazione iraniana, stava completando il suo capolavoro, un drone sommergibile che poteva essere equipaggiato con esplosivi per attaccare piattaforme petrolifere, strutture portuali e navi in mare.

L’assassinio ha posto fine alla carriera del fabbricante di armi di Hamas, ma la preziosa invenzione di Zouari è sopravvissuta, almeno nella progettazione. Le forze israeliane hanno individuato e distrutto un drone sommergibile simile nel 2021, mentre Hamas tentava di lanciarlo da una spiaggia di Gaza. Gli esperti militari affermano che Hamas ne ha quasi certamente altri simili, all’interno di arsenali nascosti che potrebbero includere anche altre armi avanzate che Hamas ha cercato per anni di acquisire.

Con l’aumentare dell’intensità della guerra di Gaza, aumentano anche le probabilità che Hamas sveli una sorpresa mortale, secondo gli analisti che studiano le capacità militari del gruppo. Un giorno dopo l’attacco del 7 ottobre contro Israele, Hamas ha annunciato di aver usato 35 droni autodetonanti – tutti basati sui primi progetti di armi di Zouari – nell’assalto che hanno soprannominato Operazione al-Aqsa Flood.

Gli armieri del gruppo sono noti anche per aver acquisito la tecnologia per una serie di nuove armi, da potenti mine e bombe stradali a munizioni a guida di precisione. Alcune sono state sviluppate da ingegneri di Hamas fuori da Gaza, nella maggior parte dei casi con l’assistenza tecnica dell’Iran.

La maggior parte delle armi utilizzate il 7 ottobre erano già state viste in precedenza. Ma gli esperti temono che Hamas possa tenere in riserva un arsenale tecnologicamente più avanzato, preferendo dispiegare queste armi come risposta a un assalto di terra israeliano che i suoi leader sicuramente sapevano sarebbe arrivato.

“È molto probabile che Hamas abbia capacità che non abbiamo ancora visto, ma che potremmo vedere in seguito”, ha dichiarato Fabian Hinz, esperto di missili e analista della difesa presso l’International Institute for Strategic Studies, un think tank britannico. Se Hamas seguirà lo stesso schema di gioco del suo alleato Hezbollah – il gruppo terrorista sostenuto dall’Iran che è entrato in guerra con Israele nel 2006 – potrebbe cercare di attirare le forze israeliane e poi colpire inaspettatamente, magari contro obiettivi lontani dalla linea del fronte, ha detto Hinz.

“L’idea è di arrivare a un livello più alto di escalation”, ha detto, “e poi tirare fuori il coniglio dal cappello”.

Un ufficiale delle Forze di Difesa Israeliane ha rifiutato di rispondere sulle armi che potrebbero essere impiegate contro gli israeliani in un’offensiva di terra a Gaza, dicendo solo: “Abbiamo sistemi di protezione”.

La nuova sorprendente capacità di Hezbollah nella guerra del 2006 era un missile antinave. Le agenzie di intelligence israeliane non avevano visto alcuna prova che Hezbollah fosse in grado di colpire obiettivi navali a miglia dalla costa fino al 12 luglio di quell’anno quando, nelle prime ore di intensi combattimenti, un missile di Hezbollah colpì l’INS Hanit, la nave ammiraglia della marina israeliana, uccidendo quattro membri dell’equipaggio.

Se Hamas sta pianificando una sorpresa simile, potrebbe trattarsi di un drone sottomarino simile a quello che Zouari stava sviluppando per Hamas più di sette anni fa, secondo Hinz e altri analisti. Oppure potrebbe essere un missile di grandi dimensioni dotato di un sistema di guida di precisione, che potenzialmente consentirebbe al gruppo di colpire con precisione infrastrutture vitali o basi militari a molti chilometri di distanza. Finora, secondo i funzionari israeliani, le migliaia di razzi e missili di Hamas lanciati contro Israele non avevano pacchetti di guida sofisticati, anche se molti esperti ritengono che il gruppo militante abbia acquisito la tecnologia essenziale dall’Iran o da Hezbollah anni fa.

Le truppe di terra e i veicoli israeliani, nel frattempo, potrebbero imbattersi in varianti più potenti delle micidiali bombe stradali che i gruppi sostenuti dall’Iran hanno studiato per quasi due decenni per perfezionare. All’inizio di quest’anno, rapporti di intelligence statunitensi trapelati hanno descritto come gli esperti iraniani stessero istruendo i militanti con base in Siria sulla realizzazione di una bomba perforante in grado di tagliare il rivestimento in acciaio di un carro armato da 75 metri di distanza.

“Israele ha investito in blindature pesanti per i propri veicoli, ma se c’è una bomba interrata da 500 o 1.000 libbre sulla strada, questa può ribaltare un veicolo blindato o sollevare un carro armato da terra”, ha dichiarato Michael Eisenstadt, direttore degli studi militari e di sicurezza presso il Washington Institute for Near East Policy. “Per non parlare dell’impatto dell’onda d’urto sull’equipaggio, anche se sopravvive”.

La potente bomba descritta nei rapporti dell’intelligence statunitense era un penetratore esplosivo, o EFP, una versione più potente degli ordigni esplosivi improvvisati usati dagli insorti sostenuti dall’Iran in decine di attacchi letali contro i convogli militari americani durante l’occupazione statunitense dell’Iraq.

Un documento che faceva parte della raccolta di materiali classificati trapelati sulla piattaforma di messaggistica Discord affermava che la forza délite iraniana Quds stava supervisionando i test di uno di questi esplosivi, che avrebbe squarciato un carro armato in una prova condotta con successo a fine gennaio a Dumayr, a est di Damasco, la capitale siriana. Un apparente tentativo di utilizzare tali ordigni contro le forze statunitensi in Siria è stato sventato a fine febbraio, quando tre bombe sono state sequestrate dai combattenti curdi alleati degli Stati Uniti.

Le maggiori capacità di Hamas in una serie di sistemi d’arma derivano in gran parte dal sostegno fornito dall’Iran, secondo quanto affermato da attuali ed ex funzionari dell’intelligence statunitense. Sebbene non vi siano prove concrete che Teheran abbia diretto o approvato gli attacchi del 7 ottobre, è noto che funzionari iraniani hanno fornito addestramento e know-how ad alta tecnologia ad Hamas e ai suoi alleati, nell’ambito dei circa 100 milioni di dollari di sostegno militare forniti ai gruppi palestinesi.

Per anni l’Iran ha fornito prototipi di razzi, missili e droni utilizzati da Hamas e dalla Jihad islamica palestinese, una fazione minore con sede a Gaza che si è unita ad Hamas nella lotta contro gli israeliani. Ha anche aiutato Hezbollah a mettere in campo decine di migliaia di razzi e missili, molti dei quali dotati di sistemi di guida che dovrebbero consentire loro di colpire con precisione obiettivi lontani. Armi simili hanno aiutato i ribelli Houthi sostenuti dall’Iran nello Yemen a colpire direttamente raffinerie di petrolio e aeroporti civili in Arabia Saudita negli ultimi anni. Giovedì, un cacciatorpediniere della Marina statunitense nel Mar Rosso ha abbattuto missili e droni Houthi che, secondo i funzionari del Pentagono, potrebbero essere stati indirizzati verso obiettivi in Israele.

Utilizzando la tecnologia iraniana, Hamas ha costruito fabbriche sotterranee in grado di produrre in massa razzi e droni. I componenti chiave, come gli esplosivi e i circuiti elettronici, vengono contrabbandati nell’enclave attraverso tunnel o lasciati al largo della costa di Gaza da imbarcazioni, secondo gli esperti statunitensi e israeliani.

Mentre il contrabbando di oggetti relativamente grandi come i missili è difficile, i componenti necessari per convertire i razzi “muti” in armi di precisione guidate sono piccoli, secondo Hinz, uno dei numerosi analisti che valutano che Hamas probabilmente possiede tali armi. “Non ci sarebbe nemmeno bisogno di uno zaino per contrabbandare i componenti. Si potrebbero mettere in una borsetta di lusso”, ha detto.

Costruire un drone subacqueo è una sfida maggiore, ma Hamas ha dimostrato di essere tecnologicamente all’altezza del compito. Il progetto di base è stato elaborato anni fa da Zouari, l’ingegnere aerospaziale che ha lavorato per Hamas all’interno di Gaza prima di tornare nella sua città natale, Sfax, sulla costa tunisina, per costruire il prototipo.

La prospettiva di droni che attraversano le acque costiere per far esplodere porti e navi israeliane sembra aver spaventato i funzionari israeliani e li ha spinti ad agire. Nessun gruppo ha rivendicato la responsabilità dell’invio della squadra di assassini che ha ucciso l’ingegnere a pochi passi da casa sua nel 2016, ma i funzionari israeliani non hanno contestato le affermazioni di Hamas che collegano l’omicidio al Mossad. Alla richiesta dei giornalisti israeliani di commentare l’incidente, Avigdor Liberman, all’epoca ministro della Difesa del Paese, disse che Israele avrebbe fatto tutto il necessario per “proteggere i nostri interessi”. Due cittadini bosniaci sono stati successivamente arrestati in relazione al crimine, anche se i tribunali hanno finora rifiutato la richiesta di estradizione dei sospetti da parte della Tunisia.

La scoperta da parte delle forze israeliane di un drone sottomarino di Hamas nel 2021 ha dimostrato che il lavoro sul progetto è continuato. Il vascello, distrutto da un aereo da guerra israeliano mentre veniva lanciato da una spiaggia di Gaza, era in grado di trasportare circa 66 libbre di esplosivo, ha dichiarato un portavoce dell’IDF.

Tali scoperte hanno messo in discussione l’idea di alcuni israeliani che la loro tecnologia superiore li terrà al sicuro. Le prime indagini sui fallimenti dell’intelligence israeliana del 7 ottobre suggeriscono che gli israeliani si sono cullati in un falso senso di sicurezza, credendo che la minaccia di Hamas fosse stata in gran parte contenuta da un’elaborata rete difensiva di muri di confine, sensori elettronici e sistemi antimissile come Iron Dome. Eppure, Hamas è riuscito a cogliere di sorpresa le agenzie militari e di difesa del Paese.

“Questa è la guerra asimmetrica del XXI secolo”, ha dichiarato Lenny Ben-David, ex vice capo missione dell’ambasciata israeliana a Washington e autore di diversi rapporti su Hamas e le sue capacità militari. “Quello che abbiamo imparato è che continueremo ad essere sorpresi dalle cose”.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Yoav Gallant illustra piano per gaza
Previous Story

Ecco il piano di Gallant per Gaza

israele colpire iran
Next Story

Non servirà colpire Hamas se non si colpisce prima l’Iran

Latest from Medio Oriente

Go toTop