Report e analisi

Hezbollah a Cagliari accolto con tutti gli onori. Propaganda terrorista benedetta dal PD

hezbollah

Abbiamo guardato con una certa apprensione all’iniziativa di Assadakah di ospitare alti rappresentanti di Hezbollah in occasione della conferenza “Politica ed economia nel Mediterraneo. Nuovi orizzonti tra Africa Mediterranea, Eurasia e Occidente”. Lo abbiamo fatto in silenzio credendo che fosse nostro dovere quantomeno dare il beneficio del dubbio alle dichiarate buone intenzioni del Centro Italo-Arabo.

Siamo rimasti in silenzio anche quando con una controversa dichiarazione il centro Assadakah ha attaccato il blog “no pasdaran”  per un più che legittimo articolo di denuncia contro l’invito in Italia di alti rappresentanti di un gruppo terrorista responsabile di appoggiare militarmente il regime di Damasco, di aver compiuto diversi attentati e di controllare il traffico mondiale di droga. Ma a tutto c’è un limite e quando si leggono articoli come quello scritto da Luca Mascia e pubblicato anche sul sito web di Assadakah non si può stare in silenzio.

Il rovesciamento della verità è palese e poco c’entra la sbandierata “volontà di dialogo” citata nell’articolo che dava addosso ai bravissimi amici di “no pasdaran” che per inciso si sanno difendere benissimo da soli. Se poi arriva dopo la pubblicazione di un editoriale al veleno apparso proprio sul Al Manar, il cui direttore era ospite di Assadakah, nel quale si accusa l’occidente di islamofobia e di essere succube degli Stati Uniti e di Israele, allora la questione assume un’altra dimensione e non si può più parlare di “tentativo di dialogo” ma di aperto appoggio a un gruppo terrorista e criminale che con il suo operato tiene in ostaggio il Libano e fomenta il terrorismo globale.

Che poi, di che dialogo stiamo parlando? Dov’è il dialogo o il confronto quando a un evento si invita solo una parte in causa? Dove sta il dibattito? Chi ha potuto contestare le tesi espresse dai terroristi di Hezbollah al convegno organizzato da Assadakah? Questo non è confronto o un modo di informare, questa è propaganda pura e semplice di un gruppo terrorista internazionale. Possiamo capire l’interesse, ma chiamare “conferenza” quella che alla fine è solo propaganda filo-Hezbollah ci sembra davvero troppo (si prega leggere anche questo).

Stupisce poi (ma nemmeno poi tanto ricordando la passeggiata di D’Alema con i leader di Hezbollah) l’adesione del Partito Democratico a questo evento di propaganda di un gruppo terrorista. C’è davvero da chiedersi a che persone sia affidata la Commissione Affari Esteri e se non sia il caso di chiedere conto a questi “rappresentanti del popolo italiano” delle loro azioni.

Redazione

Rettifica - Il link riportato sopra che fa riferimento al sito web del Partito Democratico, come ci è stato fatto notare, è relativo a un evento del 23 maggio 2011 e questa è una nostra svista. Rimane il fatto che, oltre alla gravità postuma del fatto, all’evento organizzato da Assadakah abbiano dato la loro adesione l’On. Antonello Cabras e il senatore Giorgio Tonini, entrambi del Partito Democratico (qui il link)

Tags

Related Articles

5 Comments

  1. che brutto destino si sta creando l’Italia permettendo tali invasioni,non era sufficiente avere il Ministro Bonino,la Kyenge come filo islamiste,e compagnia bella..ci si mette pure Cagliari..ma cosa fanno parte della famiglia della Signora Grillo ?
    grazie comunque per far notare cio che altri hanno interesse a non far sapere..
    buona giornata

  2. Rettifica (anche sopra) Il link riportato sopra che fa riferimento al sito web del Partito Democratico, come ci è stato fatto notare, è relativo a un evento del 23 maggio 2011 e questa è una nostra svista. Rimane il fatto che, oltre alla gravità postuma del fatto, all’evento organizzato da Assadakah abbiano dato la loro adesione l’On. Antonello Cabras e il senatore Giorgio Tonini, entrambi del Partito Democratico (qui il link)

  3. Data: 08 ottobre 2013 16:47:19
    A:
    Oggetto: CAGLIARI: ‘SARDOS PRO ISRAELE’ PROTESTA
    PER HEZBOLLAH A CONFERENZA SU MEDITERRANEO

    ADN0676 5 CRO 0 DNA CRO RSA

    CAGLIARI: ‘SARDOS PRO ISRAELE’ PROTESTA
    PER HEZBOLLAH A CONFERENZA SU MEDITERRANEO =

    Cagliari, 8 ott. – (Adnkronos) – Esprime ”disapprovazione per
    la presenza a Cagliari, per la seconda volta, la prima nel 2011, di
    esponenti dell’organizzazione terrorista Hezbollah invitati a prendere
    la parola in una conferenza”, Mario Carboni, presidente
    dell’Associazione ”Sardos pro Israele” di Cagliari, in merito alla
    partecipazione al Primo Meeting Internazionale delle Politiche del
    Mediterraneo dello scorso 4-5 ottobre presso l’Hotel “Regina
    Margherita” di Cagliari di Abdallah Kassir, direttore della Tv AlManar
    e il Responsabile Esteri di Hezbollah, Ammar Al-Mussawi.

    “Ci domandiamo cosa abbiano avuto da dire in merito alle
    ‘politiche del Mediterraneo’ gli esponenti di un’organizzazione
    dichiaratamente terrorista – precisa Carboni – e che combatte la
    cosiddetta ‘occupazione israeliana’ con attentati suicidi in mezzo
    mondo e con fondi iraniani destinati ad ordigni per l’uccisione di
    civili, occupazione di cui in Libano non c’e’ peraltro traccia”.

    L’Associazione sarda, Chenàbura -Sardos pro Israele aderente
    alla federazione delle associazioni ItaIia-Israele, chiede agi organizzatori
    della conferenza ”come e con quale faccia questi due signori abbiano preso
    la parola per parlare di soluzione della questione Siriana ‘in modo democratico’
    nel momento in cui fanno parte di una organizzazione terrorista armata
    . Ancora peggio che questi signori vengano a Parlare di politiche di
    accoglienza e tolleranza nei confronti degli stranieri, dal momento in
    cui Hezbollah e’ una organizzazione che mira coi suoi attentati sempre
    a un solo scopo: la cancellazione dello stato Ebraico”. (segue)

    (Coe/Opr/Adnkronos)
    08-OTT-13 15:20
    ADN0701 5 CRO 0 DNA CRO RSA

    CAGLIARI: ‘SARDOS PRO ISRAELE’ PROTESTA PER HEZBOLLAH A CONFERENZA SU MEDITERRANEO (2) =

    (Adnkronos) – “L’Italia – continua Carboni – e’ un paese
    democratico che dovrebbe ripudiare il terrorismo internazionale e i
    suoi affiliati sempre e comunque , senza mai debolezze, pertanto i
    membri di Hezbollah non dovrebbero mai essere graditi nel nostro
    territorio,ne mai invitati a parlare pubblicamente”.

    ”Con questa seconda partecipazione di Hezbollah a un convegno
    nella nostra citta’ – prosegue Carboni -, Cagliari sta rischiando di
    diventare un pericoloso palcoscenico per membri e capi di
    organizzazioni terroristiche antisemite , e di ciò noi con l’
    Associazione memoriale sardo della shoah siamo molto preoccupati. Ci
    auguriamo che in futuro Cagliari non ospiti piu’ simili individui ,in
    caso contrario saremo nuovamente costretti a protestare o a
    organizzare avvenimenti coi quali poter informare l’opinione pubblica
    cittadina della vera faccia e pericolosita’ di movimenti come quello
    di Hezbollah”.

Close