Il discorso integrale di Benjamin Netanyahu alle Nazioni Unite

24 Settembre 2023
discorso netanyahu nazioni unite onu

Signore e signori, più di tre millenni fa, il nostro grande condottiero Mosè si rivolse al popolo di Israele mentre stava per entrare nella terra promessa. Disse che avrebbero trovato i due monti uno di fronte all’altro. Il monte Gerizim, luogo in cui sarebbe stata proclamata una grande benedizione, e il monte Ebal, luogo di una grande maledizione.

Mosè disse che il destino del popolo sarebbe stato determinato dalla scelta tra la benedizione e la maledizione. Questa stessa scelta è riecheggiata nei secoli, non solo per il popolo d’Israele. Ma per tutta l’umanità. Oggi ci troviamo di fronte a una scelta del genere. Essa determinerà se godremo delle benedizioni di una pace storica, di una prosperità e di una speranza sconfinate, o se subiremo la maledizione di una guerra orribile di terrorismo e di disperazione.

L’ultima volta che ho parlato su questo podio, cinque anni fa, ho messo in guardia dai tiranni di Teheran. Non sono stati altro che una maledizione, una maledizione per il loro stesso popolo, per la nostra regione, per il mondo intero. Ma allora parlai anche di una grande benedizione che vedevo all’orizzonte.

Ecco cosa dissi: “La minaccia comune dell’Iran ha avvicinato Israele e molti Stati arabi come mai prima d’ora, in un’amicizia che non ho mai visto in vita mia”.

Ho detto che: “Arriverà presto il giorno in cui Israele sarà in grado di espandere la pace oltre l’Egitto e la Giordania ad altri vicini arabi”.

Ora, in innumerevoli incontri con i leader mondiali, ho sostenuto che Israele e gli Stati arabi condividono molti interessi comuni e che ritengo che questi interessi comuni possano facilitare una svolta per una pace più ampia nella nostra regione.

Applausi

Grazie. Bene, ora applaudite. All’epoca, però, molti liquidarono il mio ottimismo come velleitario. Il loro pessimismo si basava su un quarto di secolo di buone intenzioni e di fallimenti della pacificazione. E perché? Perché queste buone intenzioni? Perché sono sempre fallite? Perché si basavano sulla falsa idea che, se prima non avessimo concluso un accordo di pace con i palestinesi, nessun altro Stato arabo avrebbe normalizzato le proprie relazioni con Israele.

Da tempo cerco di fare la pace con i palestinesi. Ma credo anche che non dobbiamo dare ai palestinesi un veto sui nuovi trattati di pace con gli Stati arabi. I palestinesi potrebbero trarre grandi benefici da una pace più ampia. Dovrebbero far parte di questo processo, ma non dovrebbero avere un veto su di esso.

Inoltre, credo che la pace con un maggior numero di Stati arabi aumenterebbe le prospettive di pace tra Israele e i palestinesi. I palestinesi sono solo il 2% del mondo arabo. Finché crederanno che il restante 90% rimarrà in uno stato di guerra con Israele, quella massa più grande, quel mondo arabo più grande potrebbe alla fine distruggere lo Stato ebraico.

Quindi, quando i palestinesi vedranno che la maggior parte del mondo arabo si è riconciliato con lo Stato ebraico, anche loro saranno più propensi ad abbandonare la fantasia di distruggere Israele e ad abbracciare finalmente un percorso di pace autentica con esso.

Per anni il mio approccio alla pace è stato rifiutato dai cosiddetti esperti. Ebbene, si sbagliavano. Con il loro approccio, per un quarto di secolo non abbiamo concluso un solo trattato di pace. Eppure, nel 2020, con l’approccio da me sostenuto, abbiamo provato qualcosa di diverso. E in men che non si dica, abbiamo raggiunto un risultato straordinario. In collaborazione con gli Stati Uniti, Israele ha concluso quattro trattati di pace in quattro mesi con quattro Paesi arabi: Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Sudan e Marocco.

Gli accordi di Abramo sono stati un punto di snodo della storia. E oggi, tutti noi vediamo i benefici di quegli accordi. Il commercio e gli investimenti con i nostri nuovi partner di pace sono in piena espansione. Le nostre nazioni cooperano nel commercio, nell’energia, nell’acqua, nell’agricoltura, nella medicina, nel clima e in molti altri campi. Negli ultimi tre anni, quasi un milione di israeliani ha visitato gli Emirati Arabi Uniti. Ogni giorno, gli israeliani risparmiano tempo e denaro facendo qualcosa che non hanno potuto fare per 70 anni: sorvolano la penisola arabica per raggiungere destinazioni nel Golfo, in India, in Estremo Oriente e in Australia.

Gli Accordi di Abramo hanno dato il via a un altro clamoroso cambiamento. Ha avvicinato arabi ed ebrei. Lo vediamo nei frequenti matrimoni ebraici a Dubai, nella dedica di una scuola di Torah in una sinagoga di Bahran. Nei visitatori che affollano il Museo dell’ebraismo marocchino e Casablanca. Lo vediamo nelle lezioni sull’Olocausto impartite agli studenti arabi negli Emirati Arabi Uniti.

Non c’è dubbio. Gli accordi di Abramo hanno annunciato l’alba di una nuova era di pace.

Ma credo che siamo alla vigilia di una svolta ancora più drammatica: una pace storica tra Israele e Arabia Saudita. Una pace di questo tipo contribuirà a porre fine al conflitto arabo-israeliano. Incoraggerà altri Stati arabi a normalizzare le loro relazioni con Israele. Migliorerà le prospettive di pace con i palestinesi. Incoraggerà una più ampia riconciliazione tra ebraismo e Islam, tra Gerusalemme e La Mecca, tra i discendenti di Isacco e i discendenti di Ismaele. Tutte queste sono enormi benedizioni.

Due settimane fa, abbiamo visto un’altra benedizione già in vista. Durante la conferenza del G20, il Presidente Biden, il Primo Ministro Modi e i leader europei e arabi hanno annunciato i piani per un corridoio visionario che si estenderà attraverso la penisola arabica e Israele. Collegherà l’India all’Europa con collegamenti marittimi, ferroviari, oleodotti e cavi in fibra ottica.

Questo corridoio bypasserà i posti di blocco marittimi, o meglio i punti di strozzatura, e ridurrà drasticamente il costo delle merci, delle comunicazioni e dell’energia per oltre 2 miliardi di persone.

Un cambiamento storico per il mio Paese. Vedete, la terra di Israele è situata al crocevia tra Africa, Asia ed Europa. Per secoli, il mio Paese è stato ripetutamente invaso dagli imperi che lo attraversavano nelle loro campagne di saccheggio e di conquista. Ma oggi, abbattendo i muri dell’inimicizia, Israele può diventare un ponte di pace e prosperità tra questi continenti.

La pace tra Israele e Arabia Saudita creerà davvero un nuovo Medio Oriente.

Per comprendere la portata della trasformazione che cerchiamo di portare avanti, permettetemi di mostrarvi una mappa del Medio Oriente nel 1948, anno di fondazione di Israele. Ecco Israele nel 1948. È un Paese minuscolo, isolato, circondato da un mondo arabo ostile.

Nei primi sette anni abbiamo fatto pace con l’Egitto e la Giordania. Poi, nel 2020, abbiamo stipulato gli accordi di Abramo – pace con altri quattro Stati arabi. Ora guardate cosa succede quando facciamo la pace tra Arabia Saudita e Israele. L’intero Medio Oriente cambia. Abbattiamo i muri dell’inimicizia. Portiamo la possibilità di prosperità e pace all’intera regione. Ma facciamo anche qualcos’altro.

Qualche anno fa, mi trovavo qui con un pennarello rosso per indicare la maledizione, una grande maledizione, la maledizione di un Iran nucleare. Ma oggi, oggi, porto questo pennarello per mostrare una grande benedizione, la benedizione di un nuovo Medio Oriente, tra Israele, Arabia Saudita e gli altri nostri vicini.

Non solo abbatteremo le barriere tra Israele e i nostri vicini, ma costruiremo un nuovo corridoio di pace e prosperità che collegherà l’Asia, attraverso gli Emirati Arabi Uniti, l’Arabia Saudita, la Giordania e Israele, all’Europa. Si tratta di un cambiamento straordinario, un cambiamento monumentale. Un altro punto di snodo della storia.

Ora, mentre il cerchio della pace si allarga, credo che si possa finalmente realizzare un vero percorso verso una pace autentica con i nostri vicini palestinesi. Ma c’è un’avvertenza. Va detto qui, con forza. La pace può essere raggiunta solo se si basa sulla verità. Non può basarsi sulla menzogna. Non può basarsi sul vilipendio infinito del popolo ebraico.

Il leader palestinese Mahmoud Abbas deve smettere di diffondere le orribili cospirazioni antisemite contro il popolo ebraico nello Stato ebraico. Voglio dire, recentemente ha detto che Hitler non era un antisemita – non si può inventare. Ma l’ha fatto. L’ha detto.

E l’Autorità Palestinese deve smettere di glorificare i terroristi, deve interrompere la sua macabra politica di dare soldi ai terroristi palestinesi per l’omicidio di ebrei. Tutto questo è oltraggioso e deve cessare per far prevalere la pace.

E l’antisemitismo deve essere respinto ovunque appaia, sia a destra che a sinistra, sia nelle aule delle università che in quelle delle Nazioni Unite. Affinché la pace prevalga, i palestinesi devono smettere di sputare odio contro gli ebrei e riconciliarsi finalmente con lo Stato ebraico. Con questo non intendo solo l’esistenza dello Stato ebraico, ma il diritto del popolo ebraico ad avere uno Stato proprio nella sua patria storica, la terra di Israele.

E lasciatemi dire che il popolo d’Israele anela a questa pace. Io desidero questa pace. Da giovane soldato, più di mezzo secolo fa, io e i miei commilitoni delle forze speciali israeliane abbiamo affrontato pericoli mortali su molti fronti e su molti campi di battaglia, dalle calde acque del Canale di Suez alle pendici ghiacciate del Monte Hermon, dalle sponde del fiume Giordano all’asfalto dell’aeroporto di Beirut.

Queste e altre esperienze mi hanno insegnato il costo della guerra. Un compagno è stato ucciso accanto a me e un altro è morto tra le mie braccia. Ho seppellito mio fratello maggiore. Chi ha sofferto personalmente la maledizione della guerra può apprezzare meglio le benedizioni della pace.

Ora, ci sono molti ostacoli sulla strada della pace. Ci sono molti ostacoli sulla straordinaria via della pace che ho appena descritto. Ma mi impegno a fare tutto il possibile per superare questi ostacoli, per forgiare un futuro migliore per Israele e per tutti i nostri popoli, tutti i popoli della nostra regione.

Due giorni fa ho discusso questa visione di pace con il Presidente Biden. Condividiamo lo stesso ottimismo per ciò che può essere raggiunto. E apprezzo profondamente il suo impegno a cogliere questa opportunità storica. Gli Stati Uniti d’America sono indispensabili in questo sforzo. E proprio come abbiamo raggiunto gli accordi di Abraham, con la guida del Presidente Trump, credo che possiamo raggiungere la pace con l’Arabia Saudita, con la guida del Presidente Biden.

Lavorando insieme alla leadership del principe ereditario Mohammed bin Salman, possiamo dare forma a un futuro di grande prosperità per tutti i nostri popoli.

Ora, signore e signori, sapete che c’è una mosca in questa faccenda. Perché, statene certi, i fanatici che governano l’Iran faranno di tutto per ostacolare questa pace storica. L’Iran continua a spendere miliardi per armare i suoi proxy del terrore. Continua a estendere i suoi tentacoli di terrore in Medio Oriente, Europa, Asia, Sud America e persino in Nord America.

Hanno persino tentato di assassinare il Segretario di Stato degli Stati Uniti d’America. Hanno persino tentato di assassinare il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti d’America. Questo dice tutto quello che c’è da sapere sulle intenzioni omicide dell’Iran e sulla sua natura omicida.

L’Iran continua a minacciare le rotte di navigazione internazionali, a tenere in ostaggio cittadini stranieri e a ricattare con il nucleare. Nell’ultimo anno, i suoi demoni assassini hanno ucciso centinaia di persone e arrestato migliaia di coraggiosi cittadini iraniani.

I droni e il programma missilistico iraniano minacciano Israele e i nostri vicini arabi e i droni iraniani hanno portato e portano morte e distruzione a persone innocenti in Ucraina.

Eppure, l’aggressione del regime è in gran parte accolta dall’indifferenza della comunità internazionale. Otto anni fa, le potenze occidentali avevano promesso che se l’Iran avesse violato l’accordo sul nucleare, le sanzioni sarebbero state ripristinate. Ebbene, l’Iran sta violando l’accordo. Ma le sanzioni non sono state ripristinate.

Per fermare le ambizioni nucleari dell’Iran. Questa politica deve cambiare. Le sanzioni devono essere ripristinate. E soprattutto, soprattutto, l’Iran deve affrontare una minaccia nucleare credibile. Finché sarò Primo Ministro di Israele, farò tutto ciò che è in mio potere per impedire all’Iran di ottenere armi nucleari.

Allo stesso modo, dovremmo sostenere le donne e gli uomini coraggiosi dell’Iran che disprezzano il regime, che anelano alla libertà. Che si sono alzati coraggiosamente sui marciapiedi di Teheran e delle altre città iraniane per affrontare la morte. È il popolo iraniano, non i suoi oppressori, il nostro vero partner per un futuro migliore.

Signore e signori, se il nostro futuro si rivelerà una benedizione o una maledizione dipenderà anche da come affronteremo lo sviluppo forse più importante del nostro tempo. L’ascesa dell’intelligenza artificiale.

La rivoluzione dell’intelligenza artificiale procede alla velocità della luce. Ci sono voluti secoli perché l’umanità si adattasse alla rivoluzione agricola. Ci sono voluti decenni per adattarsi alla rivoluzione industriale. Potremmo avere solo pochi anni per adattarci alla rivoluzione dell’intelligenza artificiale.

I pericoli sono grandi e sono davanti a noi. L’interruzione della democrazia, la manipolazione delle menti, la decimazione dei posti di lavoro, la proliferazione del crimine e la violazione di tutti i sistemi che facilitano la vita moderna. Ma ancora più inquietante è il potenziale scoppio di guerre guidate dall’IA che potrebbero raggiungere una scala inimmaginabile.

E dietro a tutto ciò si profila forse una minaccia ancora più grande, un tempo di fantascienza, ovvero che le macchine autodidatte possano finire per controllare gli esseri umani, anziché il contrario. Le nazioni leader del mondo, per quanto competitive, devono affrontare questi pericoli. Dobbiamo farlo in fretta. E dobbiamo farlo insieme. Dobbiamo fare in modo che la promessa di un’utopia dell’IA non si trasformi in una distopia dell’IA.

Abbiamo così tanto da guadagnare. Immaginate la fortuna di poter finalmente decifrare il codice genetico, allungare la vita umana di decenni e ridurre drasticamente i danni della vecchiaia. Immaginate un’assistenza sanitaria su misura per la composizione genetica di ogni individuo e una medicina predittiva che prevenga le malattie molto prima che si manifestino. Immaginate i robot che aiutano a prendersi cura degli anziani. Immaginate la fine degli ingorghi, con veicoli a guida autonoma a terra, sotto terra e in aria. Immaginate un’istruzione personalizzata che coltivi il pieno potenziale di ogni persona per tutta la vita.

Immaginate un mondo con energia pulita illimitata e risorse naturali per tutte le nazioni. Immaginate un’agricoltura di precisione e fabbriche automatizzate che producano cibo e beni in un’abbondanza tale da porre fine alla fame e al bisogno.

So che sembra una canzone di John Lennon. Ma tutto questo potrebbe accadere.

Immaginate, immaginate di poter raggiungere la fine della penuria (povertà). Qualcosa che è sfuggito all’umanità per tutta la storia. È tutto a portata di mano. Ed ecco un’altra cosa alla nostra portata. Con l’intelligenza artificiale possiamo esplorare i cieli come mai prima d’ora ed estendere l’umanità oltre il nostro pianeta blu.

Nel bene e nel male, gli sviluppi dell’IA saranno guidati da una manciata di nazioni, e il mio Paese, Israele, è già tra queste. Proprio come la rivoluzione tecnologica di Israele ha fornito al mondo innovazioni mozzafiato, sono fiducioso che l’IA sviluppata da Israele aiuterà ancora una volta tutta l’umanità.

Invito i leader mondiali a riunirsi per dare forma ai grandi cambiamenti che ci attendono. Ma a farlo in modo responsabile ed etico. Il nostro obiettivo deve essere quello di garantire che l’IA porti più libertà e non meno, che prevenga le guerre invece di iniziarle e che garantisca alle persone una vita più lunga, più sana, più produttiva e pacifica. È alla nostra portata.

E mentre sfruttiamo i poteri dell’IA, ricordiamo sempre il valore insostituibile dell’intuizione e della saggezza umana. Dobbiamo custodire e preservare la capacità umana di empatia, che nessuna macchina può sostituire.

Migliaia di anni fa, Mosè presentò ai figli di Israele una scelta universale e senza tempo. Ecco, oggi ho detto davanti a voi una benedizione e una maledizione. Possiamo scegliere con saggezza tra la maledizione e la benedizione che ci stanno davanti oggi. Sfruttiamo la nostra risolutezza e il nostro coraggio per fermare la maledizione di un Iran nucleare e per far regredire il suo fanatismo e la sua aggressività.

Facciamo nascere la benedizione di un nuovo Medio Oriente che trasformerà le terre un tempo segnate dal conflitto e dal caos in campi di prosperità e di pace. E che possiamo evitare i pericoli dell’IA combinando le forze dell’intelligenza umana e di quella meccanica, per inaugurare un futuro brillante per il nostro mondo nel nostro tempo e per tutti i tempi. Grazie.

[jetpack_subscription_form]

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
sfollati interni rd congo africa
Previous Story

RD Congo: sfollati morti di fame e stenti. Richiesta di aiuto

processi contro trump
Next Story

Più avanzano i processi contro Trump, più lui istiga violenza e minacce a testimoni e giudici

Latest from Medio Oriente

Go toTop