vittime attacco a base usa in giordania effettuato con drone iraniano
Da sinistra, Kennedy Sanders, William Rivers e Breonna Moffett sono stati uccisi il 28 gennaio quando un drone ha attaccato il loro remoto avamposto in Giordania.

Le forze statunitensi probabilmente non hanno rilevato l’avvicinamento del drone di fabbricazione iraniana che ha ucciso tre soldati americani la scorsa settimana in una base in Giordania, e non c’era alcun sistema di difesa aerea sul posto in grado di abbatterlo, secondo una valutazione iniziale dell’esercito sull’attacco rivelata dal Washington Post.

I primi risultati dell’inchiesta, che non sono stati riportati in precedenza, indicano infatti che il drone potrebbe essere stato mancato “a causa della sua bassa traiettoria di volo”, ha dichiarato al Washington Post un funzionario della difesa statunitense direttamente a conoscenza dell’inchiesta. Inoltre, questa persona ha detto che la base, nota come Tower 22, non era dotata di armi in grado di “eliminare” le minacce aeree come i droni, e si affidava invece a sistemi di guerra elettronica progettati per disabilitarli o interrompere il loro percorso verso un obiettivo.

Una strategia comune tra gli operatori di droni e altri piloti che cercano di minimizzare o eludere il rilevamento radar è quella di volare a bassa quota. Un altro funzionario statunitense ha affermato la convinzione dell’esercito che il drone volasse troppo basso per essere rilevato. Entrambi i funzionari, come altri, hanno parlato a condizione di anonimato. I funzionari della Difesa hanno sottolineato che le valutazioni possono cambiare man mano che gli investigatori acquisiscono ulteriori informazioni.

Nel complesso, i risultati preliminari sembrano minare le precedenti affermazioni secondo cui le difese aeree statunitensi avrebbero scambiato il velivolo attaccante per un drone americano che stava rientrando alla base più o meno alla stessa ora, e sollevano nuovi interrogativi sulla capacità del Pentagono di tenere il passo con le minacce che incombono sul personale statunitense dispiegato in Medio Oriente da quando la guerra a Gaza ha dato il via a un’accelerazione della violenza.

Il Comando centrale degli Stati Uniti, che supervisiona le attività militari in tutta la regione, ha rifiutato di dire se i militanti responsabili fossero a conoscenza delle difese limitate della base.

In una dichiarazione, la portavoce del Pentagono Sabrina Singh ha detto che il Comando centrale continua a esaminare l’attacco. “Per ragioni di sicurezza delle operazioni, non parleremo di specifiche misure di protezione delle forze o di potenziali cambiamenti di posizione”, ha dichiarato. “Tuttavia, come sempre, siamo impegnati a prendere le misure necessarie per salvaguardare le nostre forze [che servono] in pericolo”.

La base Tower 22 si trova al confine tra la Giordania e la Siria e l’Iraq. Funziona come sito di supporto per un altro avamposto statunitense, il presidio isolato di Tanf in Siria, situato lungo un’autostrada chiave che collega Teheran a Damasco. Da Tanf, le forze statunitensi hanno cercato di interrompere gli sforzi dell’Iran per fornire armi e materiali a partner e proxy in Siria e altrove.

luogo attacco drone iraniano contro base usa in giordania

L’attacco del 28 gennaio in Giordania ha ucciso tre riservisti dell’esercito della Georgia, le prime vittime americane di fuoco ostile da quando la guerra di Israele a Gaza ha scatenato ripetuti attacchi alle postazioni statunitensi in Iraq e Siria da parte di gruppi affiliati all’Iran. Secondo i dati del Pentagono, dalla metà di ottobre si sono verificati almeno 168 incidenti di questo tipo.

A Tower 22, decine di altri membri del personale sono rimasti feriti nell’esplosione, che ha colpito un’unità abitativa durante le prime ore del mattino, mentre molte delle 350 truppe dispiegate in loco erano a letto a dormire. In risposta alla violenza mortale, venerdì gli aerei da guerra statunitensi hanno colpito più di 85 obiettivi in Iraq e Siria che, secondo i funzionari militari, erano associati alla Forza Quds, un’unità del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche dell’Iran, e alle milizie locali che sostiene.

Sebbene Tower 22 fosse dotata di “molteplici” sistemi di guerra elettronica in grado di mettere offline i droni, aveva mezzi limitati per proteggersi. Il funzionario della Difesa con conoscenza diretta della valutazione iniziale dell’esercito ha detto che l’avamposto è stato considerato un ambiente a minaccia relativamente bassa. “Questo si basava sul fatto che la stragrande maggioranza delle minacce e il 99% degli attacchi [per procura iraniana] erano contro strutture in Iraq e Siria”, ha dichiarato il funzionario.

Il funzionario ha dichiarato che la postura difensiva della base è cambiata in seguito all’attacco, ma non ha voluto approfondire.

“Non aspettiamo che l’indagine sia conclusa per attuare i cambiamenti derivanti dalle lezioni apprese nel tragico attacco a Tower 22”, ha dichiarato il funzionario.

Sebbene l’esercito americano abbia da tempo schierato sistemi come il Patriot e il C-RAM (abbreviazione di Counter Rocket Artillery Mortar) per difendere le posizioni americane dagli attacchi nemici, l’inventario di queste armi è limitato e gli ufficiali hanno dovuto dare priorità al loro impiego in base alla minaccia percepita in luoghi specifici. Allo stesso tempo, negli ultimi anni il Pentagono ha cercato di sviluppare nuovi mezzi per proteggere le installazioni da attacchi di droni in rapida evoluzione che possono eludere la difesa aerea tradizionale.

Il secondo funzionario statunitense ha dichiarato che un risultato immediato dell’attacco mortale della scorsa settimana in Giordania è la necessità di migliorare i sistemi di rilevamento dei droni per dare al personale americano più tempo per identificare e distruggere tali minacce prima che possano mettere in pericolo delle vite.

Gli esperti fanno notare che esistono altre soluzioni, note come difese passive, che possono essere utilizzate per oscurare o schermare gli attacchi aerei. Reti anti-drone, ad esempio, e altre barriere come recinzioni a catena sono state installate in alto nei siti vulnerabili dell’Ucraina per bloccare o far esplodere i droni prima che possano colpire gli obiettivi previsti.

Le strategie di difesa aerea ideali, secondo gli esperti, incorporano un mix di sistemi, sensori e soluzioni passive.

Le strutture abitative in container di Tower 22 sembrano essere le unità standard che si trovano di solito nelle strutture statunitensi all’estero. Sono fatte di metallo relativamente sottile, non progettato per resistere alle esplosioni, e possono essere facilmente identificate sulle immagini satellitari commerciali e su servizi come Google Maps.

I funzionari non hanno detto se le protezioni fossero state installate sopra le unità prima dell’attacco. Le barriere di cemento posizionate a terra tra le unità abitative hanno contribuito a mitigare l’esplosione, hanno detto i funzionari.

“È necessario perfezionare continuamente le difese in base alla minaccia”, ha detto il secondo funzionario, aggiungendo che è probabile che ulteriori raccomandazioni derivino dall’analisi dell’attacco.

L’Iran ha prodotto droni di vari tipi e dimensioni, tra cui i droni d’attacco unidirezionali Shahed, utilizzati dall’esercito russo in Ucraina. Teheran ha anche fornito veicoli aerei senza pilota alle milizie allineate in Medio Oriente. Un funzionario ha descritto il drone utilizzato nell’attacco in Giordania come uno Shahed-101, un’arma utilizzata dai militanti in Iraq. Il Pentagono non ha identificato pubblicamente il tipo di sistema utilizzato.

Le precedenti valutazioni della minaccia, che concludevano che la Torre 22 era a minor rischio di attacco, indicavano che la base non era stata “equipaggiata con altre contromisure attive simili a quelle utilizzate in altre località della regione”, ha dichiarato Paul Lushenko, professore assistente e direttore delle operazioni speciali presso l’U.S. Army War College, che ha studiato e scritto sulla guerra dei droni.

“Quello che stiamo riconoscendo in tempo reale è l’emergere di questa vulnerabilità dal dominio aereo a cui dobbiamo pensare più deliberatamente, e che questo tipo di avamposto potrebbe non essere protetto altrettanto bene in futuro”, ha detto.

Le forze armate dovrebbero prendere in considerazione una gamma più ampia di misure passive per combattere i droni, compresi i modi per bloccarli fisicamente anche se riescono a eludere le difese missilistiche.

“Dovremmo prendere in considerazione qualcosa del genere, certamente su alcuni di questi luoghi che sono vulnerabili e in cui si trova il nostro bene più prezioso, cioè i nostri soldati”, ha detto Lushenko.