Non sorprende la notizia delle ultime ore secondo cui la Russia invia in Iran le armi fornite dall’Occidente all’Ucraina catturate durante i combattimenti per studiarle e farne una copia non sorprende.

In primo luogo, gli esperti avevano lanciato l’allarme fin dall’inizio della guerra. In secondo luogo già dallo scorso anno si sospettava che i MANPADS FIM-92 Stinger, i SAAB Boforus NLAW e gli FGM-148 Javelin erano già a Teheran.

La Russia dispone di armi quasi equivalenti a quelle occidentali prodotte in proprio. L’Iran invece non dispone di tecnologicamente avanzate prodotte in proprio a causa del lungo embargo militare. Teheran è costretta a copiare la tecnologia straniera.

Hellfire AGM

Per qualche motivo, il missile aria-terra Hellfire di fabbricazione americana è finito sulla scrivania degli ingegneri iraniani. Che sia stato catturato, consegnato, acquistato da terzi o commerciato illegalmente, non ha più importanza.

Il missile AGM-114 Hellfire, in servizio dagli anni ’80, è stato sviluppato in diverse varianti. La lunghezza di circa 163-180 cm e il diametro di 18 cm, la massa di circa 45-49 kg, la testata di 8-9 kg e la gittata di 8 km.

Il Ghaem-114 è un missile aria-superficie iraniano che è una copia completa dell’AGM-114 Hellfire di produzione americana. Le informazioni sul missile sono scarse.

Per la prima volta nel novembre 2019, durante la presentazione dell’UAV Fitras, è stato avvistato in Iran un missile simile all’Hellfire – Ghaem-114. Sebbene non siano state rilasciate informazioni su questo missile, esso potrebbe avere la stessa funzionalità del missile Hellfire perché l’UAV Fitras ha un sistema di guida laser.

Prima ancora era stato visto nel 2018 come parte dell’equipaggiamento dell’elicottero Hovaniroz 214 dell’IRGC. Anche in quel caso mancavano informazioni sul missile.

Ecco cosa sappiamo

ghaem 114 2
Foto di RIBNews

Una foto di un missile Ghaem-114 mostra 4 tipi di questo missile con diversi metodi di guida. Ciò significa che gli specialisti iraniani sono stati in grado di copiare e produrre un missile che può avere diverse applicazioni e svolgere tutti i tipi di missioni in diverse condizioni, utilizzando diversi metodi di guida.

Il primo missile della fila superiore, il Ghaem-114, è un missile a ricerca di calore a infrarossi. In questo modo, dopo il lancio il missile cerca l’oggetto più caldo davanti a sé e si dirige verso di esso con l’aiuto di una freccia incorporata nella testata. In questo modo, il missile viene guidato senza dipendere dalla piattaforma di lancio, utilizzando un sistema di guida interno, e dopo il lancio non ha più bisogno di essere guidato dalla piattaforma di lancio.

Per questo motivo, l’elicottero o qualsiasi dispositivo che utilizza questo tipo di missile può lasciare l’area dopo aver sparato o lanciato un secondo missile. Questo vantaggio rende la piattaforma di lancio meno vulnerabile ai sistemi di difesa e garantisce maggiore sicurezza a elicotteri e droni.

La conduttività termica consente inoltre di utilizzare i missili di notte e in diverse condizioni atmosferiche, il che rappresenta un grande vantaggio nelle guerre odierne.

I missili di livello inferiore, invece, utilizzano due metodi di guida diversi. Nella riga in basso a destra si trova il tipo di guida ottica di un missile verticale, mentre a sinistra si trova il tipo di guida laser semiattiva di questo missile.

Nel metodo di guida ottica, una telecamera è installata nell’ogiva del missile; dopo che l’interruttore del missile è stato attivato dall’utente, il coperchio viene rimosso e l’immagine del bersaglio viene visualizzata sul monitor dell’applicazione. Ingrandendo il bersaglio, l’operatore posiziona un segno sul bersaglio per fissare il missile sul target e poi spara il missile o la bomba.

Anche questo metodo di puntamento è interno e avviene senza affidarsi a una guida esterna, il che significa che chi lo spara può lasciare l’area dopo aver sganciato la bomba o sparato il missile ed evitare il rischio di essere preso di mira.

Nelle prime generazioni di guida ottica, bombe e missili erano dotati di una telecamera visibile, ma nelle generazioni successive sono stati dotati di termocamere che sfruttano la capacità di combattere di notte e in diverse condizioni atmosferiche.

Il vantaggio del metodo termico rispetto a quello a infrarossi della conduzione del calore è che con questo metodo la fonte di calore viene vista come un grande punto nero e quindi l’esca di questi tipi di missili a razzo [esca termica] è una fonte di calore più piccola. È un compito molto difficile.

Il terzo missile utilizza un metodo di guida laser semi-attivo. In questo metodo di guida, il missile è dotato di un cercatore laser che riflette le onde. Nella guida laser semiattiva, prima il raggio laser viene irradiato verso il bersaglio da un sistema di guida laser, poi il cercatore della testa del missile trova le onde laser riflesse e si sposta verso il bersaglio.

Nonostante l’elevata precisione, questo tipo di guida presenta alcune limitazioni. Tra questi, le condizioni meteorologiche possono influenzare le prestazioni delle bombe o dei missili; inoltre, è possibile creare cortine fumogene nel percorso della riflessione dei raggi laser e impedire loro di raggiungere la bomba o il missile. Inoltre, con questo metodo, il lanciatore deve essere puntato sul bersaglio nel momento in cui la bomba o il missile lo colpiscono, e qualsiasi interruzione nella riflessione delle onde laser causerà la deviazione del missile.

Naturalmente, per risolvere questo problema, è possibile utilizzare un marcatore indipendente e un lanciatore separato per lanciare il missile. In questo modo, un dispositivo dirige le onde laser verso il bersaglio e l’altro spara il missile. Durante la prima guerra del Golfo e l’attacco della coalizione al Kuwait, i jet da combattimento britannici e americani hanno utilizzato questo metodo per lanciare le bombe e i missili a guida laser.

Per quanto riguarda il quarto missile, invece, che si trova sul lato sinistro della fila superiore, poiché il suo coperchio non è stato rimosso, non sono disponibili informazioni sul suo metodo di guida. Tuttavia, dato che questi missili sono stati introdotti nella Marina e che il metodo di guida a onde millimetriche è uno dei metodi appropriati per combattere i bersagli di superficie in mare, e che anche il missile Hellfire basato in mare utilizza questo metodo di guida, è possibile che si sia ipotizzato che il quarto missile utilizzasse la guida a onde millimetriche.

La guida a onde millimetriche è un modo di guidare un missile in cui il missile è dotato di un radar nel suo cofano che emette onde radar verso la superficie della terra. Normalmente, le onde di ritorno hanno una lunghezza d’onda di 50 micron; se sulla superficie c’è un altro oggetto di materiale diverso, la lunghezza d’onda delle onde di ritorno sarà diversa e il missile seguirà lunghezze d’onda diverse per raggiungere il bersaglio.

Questo metodo di puntamento viene utilizzato anche in mare, perché il mare ha una superficie liscia e priva di complicazioni, dove la minima complicazione sulla sua superficie può essere riconosciuta e presa di mira. Qualche anno fa, anche gli americani hanno creato un tipo di missile Hellfire chiamato Longbow o Hellfire L, che utilizza lo stesso metodo di guida.

Utilizzo del Ghaem 114

Sebbene non siano ancora state rilasciate informazioni dettagliate sulla gittata, la testata e il tipo di missione dei missili Ghaem 114, l’acquisizione da parte dell’Iran di un missile con vari metodi di guida, oltre all’equipaggiamento di elicotteri e droni con sistemi di guida per vari tipi di bombe e missili, nonché la capacità di volare di notte, consente alle forze armate di utilizzare questi missili per svolgere un’ampia gamma di missioni in condizioni diverse e, per questo motivo, la limitazione di svolgere la missione con elicotteri e droni è stata ridotta a un livello significativo.

Equipaggiare elicotteri navali, veicoli aerei senza pilota e galleggianti con questo missile migliorerà anche la capacità di questa forza di supportare le operazioni di atterraggio delle forze speciali nell’occupazione di una costa nemica. Inoltre, le dimensioni ridotte di questo missile consentono alle navi militari di portare con sé un maggior numero di esemplari a onde millimetriche, più utili per affrontare imbarcazioni nemiche piccole e veloci o imbarcazioni pirata nel Golfo di Aden.

Con l’introduzione del missile Qaim, insieme alla famiglia di bombe e missili Qaim e Sadid, gli elicotteri e i droni dell’Esercito e dell’IRGC dispongono ora di un paniere più completo di armi aria-terra in grado di svolgere diverse missioni contro diversi obiettivi in mare e a terra.

Cosa dobbiamo aspettarci?

Possiamo essere certi che Teheran realizzerà copie dei MANPADS FIM-92 Stinger, dei SAAB Boforus NLAW e degli FGM-148 Javelin. La domanda è fino a dove arriveranno queste copie. Perché la catena di Paesi nemici degli USA è ampia. Ad una prima lettura, possiamo ipotizzare che dopo l’Iran, sarà la Corea del Nord a beneficiare delle armi acquisite.

Non dimentichiamo la Cina. Sebbene le capacità della Cina siano di gran lunga superiori a quelle dell’Iran e della Corea del Nord, anche Pechino non mancherebbe di trarre beneficio dall’apprendimento della tecnologia occidentale. Soprattutto ora che la Cina inizia a manifestare apertamente il suo sostegno alla Russia e continua a “stringere il cappio” intorno a Taiwan con le sue provocazioni quasi settimanali.

Il fatto che il leader ceceno Ramzan Kadyrov abbia già pubblicato sul web una foto che lo ritrae mentre tiene su entrambe le spalle i sistemi Stinger della NATO e i MANPAD Igla ucraini è abbastanza indicativo del fatto che l’arma catturata dalla Russia stia già circolando tra i suoi partner e alleati.

leader ceceno stinger