Middle East

Iran – Russia: esercitazioni navali congiunte. Un terribile segnale al mondo

Si sono svolte ieri le annunciate esercitazioni navali congiunte tra Iran e Russia, un “gioco di guerra” che ha mostrato al mondo quanto sia forte la collaborazione militare tra Teheran e Mosca.

Ne fa un quadro verosimile l’Ammiraglio iraniano Ahmad Reza Baqeri che in una dichiarazione rilasciata alla fine di una lunga giornata dove russi e iraniani hanno simulato attacchi alle navi americane e occidentali afferma che “la collaborazione tra la marina russa e quella iraniana non è mai stata così forte”.

Il segnale al mondo è chiarissimo: l’Iran, appoggiato dalla Russia, può bloccare il Golfo Persico ogni volta che vuole bloccando così il flusso di petrolio verso l’occidente.

L’altro segnale che l’occidente dovrebbe cogliere è quello della pericolosità di un Iran totalmente libero dalle sanzioni e quindi in grado di poter accedere ad ogni tipo di arma avanzata. Ieri tecnici iraniani sono saliti a bordo della Volgodonsk e della Makhachkala, le due navi russe che hanno partecipato alle esercitazioni congiunte. Secondo gli esperti i pasdaran iraniani avrebbero dovuto vedere all’opera un avanzato sistema di missile antinave di cui sono dotate le due navi russe, un sistema da installare anche sulle navi iraniane.

Un segnale inquietante della forte collaborazione militare tra Iran e Russia era già arrivato la scorsa settimana quando il Generale Qassem Soleimani, comandante delle Forze Quds iraniane, le forze d’elite dei pasdaran iraniani, era volato a Mosca per discutere della imminente consegna all’Iran del sistema missilistico S-300 e di altri sistemi d’arma avanzati. Queste esercitazioni congiunte confermano ulteriormente come Russia e Iran siano tornate a collaborare attivamente a livello militare dopo che le potenze mondiali hanno raggiunto un suicida accordo sul nucleare iraniano.

Ma nonostante questi inquietanti segnali, il mondo sembra proprio non curarsene preso com’è a fare affari con Teheran. Il flusso delle delegazioni occidentali a Teheran è praticamente ininterrotto e ogni giorno l’Iran conclude affari commerciali con l’occidente, tutti soldi che non andranno ad alleviare le sofferenze della popolazione iraniana ma a rafforzare il sistema militare iraniano e ad alimentare i peggiori gruppi terroristici mondiali. E Obama va ancora dicendo in giro che Israele si preoccupa per nulla.

Scritto da Sharon Levi

Tags

Related Articles

5 Comments

  1. Non siamo messi molto bene…Praticamente saremo tutti contro tutti, in casa e all’estero. Quando scoppiera’ la vera e forse ultima Grande Guerra, perché prima o poi accadra’… A chi si dovra’ sparare? Al nemico o all’amico? Gli alleati in una battaglia potrebbero diventare i nemici di quella successiva… Sara’ un bel dilemma!! Solo Israele non avra’ dubbi…Ce li avra’ sempre tutti contro. I soliti fortunati!! –

  2. Cliccate il link qui sotto

    http://www.sanctusjoseph.com/locuzionialmondo/Il_terrorismo_e'_irrazionale.html

    Per chi crede in qualcosa di “superiore” questo sito stupirà. Sono delle locuzioni al mondo. Il link riporta solo una piccola parte delle locuzioni, che però è la più affine con Rights Reporter.
    È più di un anno che lo seguo e quanto rivela va a finire che viene confermato da Rights Reporter siccome le cose previste sono fatti che poi accadono sul serio.
    Parla del Daesh, dell’Iran e del male russo che, in modo astuto e subdolo, manovra il Medio Oriente.
    Provare per credere (per chi avesse dubbi ci sono tutte le date delle locuzioni).

  3. La fine della guerra fredda ha rappresentato un occasione irripetibile per l’Europa, liberarsi dal controllo politico economico culturale e militare USA e riavvicinarsi alla Russia, molto più europea degli Stati uniti. Non abbiamo avuto il coraggio di fare tale scelta e adesso ne pagheremo le conseguenze.

Close