L’Iran sequestra petroliera nel Golfo di Oman. Tensione altissima

11 Gennaio 2024
St. Nikolas ex Suez Rajan petroliera sequestrata dall'iran

Giovedì l’Iran ha sequestrato una petroliera con greggio iracheno destinato alla Turchia come ritorsione per la confisca dello scorso anno della stessa nave e del suo petrolio da parte degli Stati Uniti. Lo riferiscono media statali iraniani, una mossa che potrebbe alimentare le tensioni regionali.

Il sequestro della St Nikolas, battente bandiera delle Isole Marshall, coincide con settimane di attacchi da parte delle milizie Houthi dello Yemen, sostenute dall’Iran, contro le rotte marittime del Mar Rosso.

“Dopo il furto di petrolio iraniano da parte degli Stati Uniti lo scorso anno, la petroliera St Nikolas è stata sequestrata dalla Marina iraniana questa mattina con un ordine giudiziario… ed è in rotta verso i porti iraniani”, ha riferito l’agenzia di stampa semi-ufficiale Fars, citando una dichiarazione della Marina.

La St. Nikolas è stata sequestrata dagli Stati Uniti lo scorso anno nell’ambito di un’operazione di applicazione delle sanzioni quando navigava con un nome diverso, Suez Rajan. In seguito alla mossa, l’Iran ha avvertito gli Stati Uniti che “l’atto non sarebbe rimasto senza risposta”.

Secondo la società britannica di sicurezza marittima Ambrey, la St Nikolas è stata abbordata da intrusi armati mentre navigava vicino alla città omanita di Sohar e il suo sistema di tracciamento AIS è stato disattivato mentre si dirigeva verso il porto iraniano di Bandar-e-Jask.

La nave ha caricato 145.000 tonnellate metriche di petrolio nel porto iracheno di Bassora e si stava dirigendo verso Aliaga, nella Turchia occidentale, attraverso il Canale di Suez, quando si è perso ogni contatto.

Da ottobre gli Houthi dello Yemen hanno attaccato navi commerciali nel Mar Rosso per dimostrare il loro sostegno al gruppo militante palestinese Hamas nella sua lotta contro Israele, ma questi incidenti si sono concentrati nello stretto di Bab al-Mandab, a sud-ovest della penisola arabica.

L’incidente di giovedì si trova più vicino allo Stretto di Hormuz, tra Oman e Iran.

L’imbarcazione ha un equipaggio di 19 persone, tra cui 18 filippini e un greco ed è stata noleggiata dalla raffineria turca Tupras (TUPRS.IS).

L’autorità britannica per le operazioni commerciali marittime (United Kingdom Maritime Trade Operations, UKMTO) ha dichiarato giovedì di aver ricevuto una segnalazione secondo cui una nave situata a circa 50 miglia nautiche a est della costa dell’Oman è stata abbordata da quattro o cinque persone armate.

Gli intrusi armati indossavano uniformi nere di tipo militare e maschere nere.

L’autorità britannica, che fornisce informazioni sulla sicurezza marittima, ha dichiarato di non essere riuscita a mettersi in contatto con la nave e che le autorità stanno ancora indagando sull’incidente.

La Quinta Flotta della Marina degli Stati Uniti non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento o di ulteriori informazioni.

La Suez Rajan trasportava più di 980.000 barili di greggio iraniano l’anno scorso quando è stata sequestrata e il petrolio confiscato nell’ambito dell’operazione di applicazione delle sanzioni statunitensi.

All’epoca gli Stati Uniti avevano dichiarato che il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) dell’Iran stava cercando di inviare petrolio iraniano di contrabbando in Cina, in violazione delle sanzioni statunitensi.

La nave non ha potuto scaricare il greggio iraniano per quasi due mesi e mezzo per il timore di sanzioni secondarie sulle navi utilizzate per scaricarlo. Dopo aver scaricato i carichi, la nave è stata ribattezzata St. Nikolas.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

corte di giustizia dell'Aia
Previous Story

Cosa vuol dire per Israele l’accusa di genocidio (spiegato bene)

bombardati i ribelli houthi nello yemen
Next Story

Bombardati i ribelli Houthi nello Yemen (finalmente)

Latest from Medio Oriente

Go toTop