famigliari degli ostaggi di hamas

Alcuni familiari di israeliani tenuti prigionieri dal gruppo terroristico di Hamas nella Striscia di Gaza si sono infuriati dopo che il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha dichiarato che Israele avrebbe permesso il trasferimento di aiuti umanitari nel territorio attraverso l’Egitto senza alcuna concessione per i loro cari.

“La decisione di consentire il trasferimento di aiuti umanitari agli assassini di Gaza ha provocato grande rabbia tra i familiari”, ha dichiarato in un comunicato l’organizzazione Bring Them Home Now, costituita per rappresentare le famiglie dei rapiti.

“Ricordiamo che bambini, neonati, donne, soldati, uomini e anziani – alcuni dei quali con gravi problemi di salute, feriti e colpiti da arma da fuoco – sono tenuti sottoterra come animali, senza alcuna condizione umana, mentre il governo di Israele offre agli assassini baklava e medicine”, ha dichiarato il gruppo.

Dopo le sollecitazioni di Washington, mercoledì Israele ha dichiarato che avrebbe permesso ad acqua, medicine e cibo di raggiungere il sud di Gaza dall’Egitto. Israele ha interrotto questi rifornimenti dopo il brutale massacro del 7 ottobre, durante il quale circa 2.500 terroristi hanno sfondato la barriera di sicurezza israeliana e sono entrati in Israele via terra, mare e aria sotto una raffica di migliaia di razzi, uccidendo circa 1.400 persone, la maggior parte delle quali civili. I terroristi hanno anche portato a Gaza almeno 199 ostaggi di tutte le età e li tengono prigionieri. Israele afferma che circa 1.500 membri di Hamas sono stati uccisi all’interno di Israele.

L’ufficio di Netanyahu ha dichiarato che Israele consentirà l’invio di aiuti umanitari, ma interverrà se questi dovessero raggiungere Hamas. Netanyahu ha anche promesso di non far entrare alcun aiuto nella Striscia attraverso i valichi di Israele. Israele ha dichiarato la sua intenzione di rovesciare e sradicare Hamas, che governa la Striscia di Gaza.

La consegna di aiuti umanitari ai civili di Gaza è stata annunciata per la prima volta dal Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che mercoledì ha visitato Israele per un viaggio di solidarietà in tempo di guerra.

“La popolazione di Gaza ha bisogno di cibo, acqua, medicine e ripari”, ha dichiarato Biden dopo una riunione del gabinetto di guerra a Tel Aviv ospitata da Netanyahu. “Oggi ho chiesto al gabinetto israeliano, con il quale mi sono incontrato per un po’ di tempo questa mattina, di acconsentire alla consegna di assistenza umanitaria salvavita ai civili di Gaza, a patto che ci siano ispezioni e che gli aiuti vadano ai civili e non ad Hamas”.

Il presidente statunitense ha poi detto di aver parlato con il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sissi, che ha accettato di aprire il valico di Rafah tra Egitto e Gaza e di far entrare “fino a” 20 camion di assistenza umanitaria. Rafah è rimasto in gran parte chiuso dall’inizio della guerra.

Biden ha chiarito che le persone non potranno evacuare Gaza attraverso Rafah, apparentemente per placare i timori del Cairo che all’Egitto venga chiesto di accogliere i rifugiati da Gaza.

Mercoledì scorso le Nazioni Unite hanno dichiarato che saranno necessari circa 100 camion di aiuti al giorno per riabilitare Gaza dopo i contrattacchi israeliani.

Netanyahu ha detto che nel suo precedente incontro con Biden ha discusso tre punti. “In primo luogo, ho chiesto il ritorno dei nostri prigionieri e stiamo lavorando insieme per il loro ritorno in tutti i modi possibili”, ha detto Netanyahu in una dichiarazione mercoledì sera. “In secondo luogo, fino al loro ritorno, chiediamo visite della Croce Rossa per i nostri prigionieri. Terzo, non permetteremo che l’assistenza umanitaria sotto forma di cibo e medicinali dal nostro territorio arrivi alla Striscia di Gaza”.

Tuttavia, il governo ha affermato che “non impedirà l’assistenza umanitaria dall’Egitto, purché si tratti solo di cibo, acqua e medicine per la popolazione civile situata nel sud della Striscia di Gaza”. Ha aggiunto che tali aiuti saranno consentiti “a condizione che queste forniture non raggiungano Hamas. Qualsiasi fornitura che raggiunga Hamas sarà impedita”.

Le famiglie rappresentate dall’organizzazione hanno minacciato che se “questa orribile decisione di aiutare gli assassini di Gaza non verrà annullata, le famiglie intensificheranno la loro lotta nel prossimo futuro”. Il gruppo non ha specificato quali passi futuri potrebbe intraprendere.

Le famiglie e i loro sostenitori hanno protestato regolarmente nei pressi della sede militare di Kirya a Tel Aviv, chiedendo al governo di intervenire per salvare i loro cari. Molti membri della famiglia hanno anche criticato aspramente Netanyahu e l’attuale governo in interviste con i media. Il forum Bring Them Home Now non rappresenta tutti i familiari delle persone ritenute in ostaggio, ma è l’organizzazione principale.

Nelle osservazioni rilasciate prima di partire da Tel Aviv mercoledì, Biden ha confermato che gli Stati Uniti hanno chiesto a Israele di non ostacolare il trasferimento di aiuti dall’Egitto a Gaza attraverso il valico di Rafah e ha cercato di fornire garanzie sul fatto che gli aiuti fossero destinati ai civili.

“Voglio essere chiaro: se Hamas dirotta o ruba gli aiuti, avrà dimostrato ancora una volta di non avere alcuna preoccupazione per il benessere del popolo palestinese e la cosa finirà”, ha detto Biden. “In pratica, la comunità internazionale non sarà più in grado di fornire questi aiuti”.

Il Presidente degli Stati Uniti ha anche affermato che l’America sta “lavorando con i partner in tutta la regione, perseguendo ogni strada per riportare a casa coloro che sono tenuti prigionieri da Hamas. Non posso parlare pubblicamente di tutti i dettagli, ma lasciatemi rassicurare: Per me, come presidente americano, non c’è priorità più alta del rilascio e del ritorno in sicurezza di tutti questi ostaggi”.

Al valico di Rafah, l’unico collegamento di Gaza con l’Egitto, camion carichi di aiuti attendono da giorni di poter entrare. Ma la struttura ha una capacità limitata. L’Egitto deve ancora riparare la strada che attraversa il confine e che, a suo dire, è stata danneggiata dagli attacchi aerei israeliani.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari ha dichiarato mercoledì che circa 3.000 tonnellate di assistenza umanitaria sono in attesa di entrare a Gaza dall’Egitto.

Mercoledì sera, il ministro degli Esteri egiziano ha confermato un accordo tra Egitto, Israele e altri attori internazionali per consentire l’ingresso degli aiuti nella Striscia di Gaza attraverso Rafah.

In un’intervista ad Al-Arabiya, il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha detto di sperare che gli aiuti entrino presto nell’enclave palestinese, ma non ha fornito una tempistica. Ha detto che l’Egitto lavorerà sotto “la supervisione delle Nazioni Unite e in coordinamento con le sezioni egiziana e palestinese della Croce Rossa”.

[jetpack_subscription_form]