Israele: filtrano le prime storie degli ostaggi liberati da Hamas

28 Novembre 2023
testimonianze degli ostaggi liberati da hamas

Sono sopravvissuti con riso e pane e hanno dormito come potevano su sedie e panche. Almeno un uomo ha cercato di sfuggire ai suoi rapitori quando un attacco aereo israeliano ha fatto crollare l’edificio in cui si trovava. Un ragazzo ha tenuto un diario della sua esperienza.

Le storie degli ostaggi rapiti da Hamas il 7 ottobre stanno emergendo, lentamente e in frammenti, mentre qualche decina di donne e bambini israeliani, così come lavoratori stranieri, vengono rilasciati da Gaza come parte di una pausa umanitaria nei combattimenti.

Israele e Hamas hanno concordato lunedì di estendere la pausa per altri due giorni, in base a un accordo mediato da Qatar ed Egitto che consentirà di scambiare altri ostaggi con donne e adolescenti palestinesi nelle prigioni israeliane. Undici israeliani e 33 palestinesi sono stati rilasciati lunedì.

Per le famiglie degli ostaggi, il silenzio dei loro cari per sette lunghe settimane è stato tormentoso. Ora, mentre alcuni si riuniscono, ci sono nuove sfide da affrontare e ferite invisibili da considerare.

La maggior parte degli ostaggi liberati viene curata in ospedale, lontano dagli sguardi dei media e di un Paese sconvolto e ancora in cerca di risposte. Negli ultimi giorni, alcuni parenti degli ex prigionieri hanno rilasciato interviste, fornendo un primo, limitato sguardo sul loro calvario.

Molte delle informazioni su dove e come gli ostaggi sono stati tenuti in ostaggio rimangono elusive. Gli psicologi hanno messo in guardia dai pericoli di fare pressioni sui nuovi rilasciati per ottenere informazioni, citando il rischio di ri-traumatizzazione.

I prigionieri, tra cui bambini piccoli e anziani, sono stati strappati alle loro famiglie dopo che i militanti di Hamas hanno ucciso i loro cari e i loro vicini – a volte davanti a loro. La campagna militare di rappresaglia di Israele – secondo fonti di Hamas – avrebbe ucciso più di 13.000 persone a Gaza, distruggendo interi quartieri e, temono le famiglie degli ostaggi, mettendo in pericolo la vita dei loro parenti.

“Alcuni di loro hanno deciso di rimanere più a lungo in ospedale per affrontare l’evento”, ha detto lunedì Itai Pessach, direttore dell’ospedale pediatrico Safra dello Sheba Medical Center. “Siamo anche esposti a storie molto difficili, dolorose e complesse sulla prigionia. Nonostante l’apparenza ottimistica, il periodo di prigionia è stato difficile e complesso e ci vorrà tempo perché le ferite si rimarginino”.

In una conferenza stampa online, domenica, le famiglie di alcuni ex ostaggi israeliani hanno detto che i loro cari non hanno ancora compreso appieno la portata del caso che ha colpito il loro Paese – e il mondo intero. Per ora, sono rimasti nell’abbraccio affettuoso di una piccola cerchia di parenti.

Yaffa Adar, 85 anni, ha contato ogni singolo giorno dei suoi oltre 50 giorni di prigionia e non ha mai perso la speranza di essere restituita a Israele, ha detto sua nipote Adva. “Sono così orgogliosa di essere sua nipote”, ha detto. “Significa molto vedere che è con noi”.

Adar e Keren Munder, 54 anni, sono tornati molto più magri di prima, hanno detto i parenti. “Mangiavano, ma non regolarmente e non sempre”, ha detto Merav Mor Raviv, cugino di Munder. Munder e sua madre, Ruth, 78 anni, avevano perso tra i 13 e i 17 chili, ha detto Raviv.

Dormivano su file di tre sedie legate insieme, come panche in una sala d’attesa, e dovevano bussare alla porta per attirare l’attenzione dei loro carcerieri quando avevano bisogno di andare in bagno. L’attesa a volte durava diverse ore, hanno raccontato.

Nonostante tutto quello che hanno passato, la maggior parte degli ostaggi rientrati è apparsa in condizioni fisiche stabili. Eyal Nouri, il nipote di Adina Moshe, 72 anni, liberata venerdì, ha detto che sua zia “ha dovuto adattarsi alla luce del sole” perché “è stata al buio completo” per settimane, come riporta il Times of Israel.

Le testimonianze delle famiglie suggeriscono che gli ostaggi erano isolati, tagliati fuori dal mondo esterno. Alcuni non conoscevano il destino dei loro cari.

In un’intervista alla radio pubblica Kan, Elena Magid, zia dell’ostaggio israeliano russo Roni Krivoi, che è stato liberato domenica, ha detto che il 25enne era riuscito a un certo punto a sfuggire ai suoi rapitori tra un attacco aereo e pesanti combattimenti.

“È riuscito a fuggire dopo il crollo dell’edificio e per alcuni giorni si è nascosto, da solo”, ha detto la donna. “Alla fine, i gazani lo hanno trovato e lo hanno riportato dai terroristi” (questo è molto importante e va tenuto a mente)

Non è chiaro quanti ostaggi siano ancora vivi. I militanti di Hamas hanno affermato che alcuni sono stati uccisi negli attacchi aerei israeliani, ma non hanno prodotto prove a sostegno delle loro affermazioni.

Un ostaggio, una giovane donna, è stato visto sabato sera con le stampelle in un video diffuso da Hamas che documenta la consegna. Faceva una smorfia mentre entrava in un veicolo della Croce Rossa. Lunedì, un filmato televisivo ha mostrato Yuval Engel, 11 anni, lasciare Gaza su una sedia a rotelle.

In una conferenza stampa lunedì, la famiglia di Elma Avraham, che è stata rilasciata domenica, ha detto che l’84enne aveva bisogno di cure mediche immediate. “Mia madre ha sofferto di una grave negligenza medica. Non le sono stati somministrati i farmaci salvavita”, ha dichiarato la figlia di Avraham, Tali, al Soroka University Medical Center, nel sud di Israele.

Ha criticato il governo israeliano e il Comitato internazionale della Croce Rossa, che ha ricevuto gli ostaggi da Hamas: “Sembra che sia stata abbandonata due volte: una volta il 7 ottobre e un’altra volta da tutte le organizzazioni che avrebbero dovuto aiutarla”.

Il vice amministratore dell’ospedale, Tzachi Slotsky, ha detto che Avraham aveva una condizione medica preesistente quando è stata rapita. “Sta ancora soffrendo per una difficile condizione di salute”, ha detto.

Mentre quasi 70 ostaggi sono stati liberati, si ritiene che più di 150 siano ancora in cattività. Le famiglie che sono state liberate dicono che non avranno pace finché gli altri non torneranno a casa.

“La lotta non è finita e abbiamo bisogno che ognuno di voi continui, ci aiuti, condivida le loro storie e chieda il loro ritorno perché ognuno di loro ha una famiglia che ha bisogno di ricongiungersi con i propri cari”, ha detto Adva Adar.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

Guerra Israele Hamas la guerra continua alla fine della tregua
Previous Story

Per Israele la guerra riprenderà subito alla fine della tregua

ostaggi hamas metodo per cessate il fuoco
Next Story

Hamas e gli americani puntano a un cessate il fuoco permanente

Latest from Medio Oriente

Go toTop