Israele: importante operazione antiterrorismo a Jenin. Morti e feriti

By redazione

Almeno sei terroristi palestinesi sono stati uccisi e diversi altri feriti in una feroce sparatoria con le forze israeliane durante un raid antiterrorismo nella città di Jenin, nel nord della Cisgiordania, giovedì mattina.

Due degli uomini sono stati identificati dal ministero della Sanità palestinese come Essam Mahmoud Azriqi (24 anni) e Salahat ‘Iz a-Din, considerato uno dei terroristi più importanti di Jenin.

Il ministero ha dichiarato che Azriqi è stato portato in ospedale in condizioni critiche dopo essere stato colpito e che è morto per le ferite riportate. Ha inoltre riferito che altre sei persone sono rimaste ferite, una delle quali in condizioni critiche.

Il ministero della Sanità palestinese ha dichiarato che anche un’anziana donna palestinese è stata uccisa nella sparatoria. Ha dichiarato inoltre che “la situazione nel campo di Jenin è molto critica, l’occupazione impedisce i soccorsi ai feriti” e che “la Mezzaluna Rossa ci ha informato che ci sono molti feriti e che stanno lottando per soccorrerli ed evacuarli”.

L’IDF ha detto che le sue forze stavano operando nel campo profughi di Jenin, e ha affermato che un “attacco terroristico è stato sventato”. Durante l’incursione in una casa di Jenin dove si pensava si nascondessero dei terroristi, le truppe israeliane hanno usato la cosiddetta tattica della “pentola a pressione” e hanno sparato un missile contro l’edificio.

Un’operazione così estesa in pieno giorno è insolita e suggerisce che l’attacco era previsto a breve.

Fonti palestinesi sostengono che le truppe sono entrate nel campo con una forza massiccia, comprese decine di veicoli blindati.

In un filmato della scena, si vedono soldati israeliani in incognito entrare a Jenin con un camioncino del latte.

I palestinesi hanno affermato che anche un’ambulanza della Mezzaluna Rossa è stata danneggiata durante la pesante sparatoria.

Il direttore dell’ospedale governativo di Jenin ha dichiarato: “Le forze di occupazione israeliane stanno circondando l’ospedale, sparando proiettili e gas lacrimogeni”.

Il ministero degli Esteri palestinese ha lanciato un appello agli Stati Uniti e alla comunità internazionale: “Se non agite ora di fronte alla brutale carneficina nel campo di Jenin, quando lo farete?”.

Un portavoce del presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas ha dichiarato: “Israele sta commettendo un massacro nel campo di Jenin mentre il mondo rimane in silenzio”.

Le morti di questa mattina portano a 26 il numero di palestinesi uccisi quest’anno. Quasi 150 palestinesi sono stati uccisi lo scorso anno, rendendo il 2022 il più letale dal 2004, secondo il gruppo israeliano per i diritti B’Tselem.

Israele afferma che i raid hanno lo scopo di smantellare le reti di militanti e sventare futuri attacchi. I palestinesi sostengono che essi rafforzano ulteriormente “l’occupazione” a tempo indeterminato di Israele delle terre che essi cercano per il loro futuro Stato.