Le forze di sicurezza israeliane hanno ucciso tre terroristi palestinesi che hanno aperto il fuoco contro di loro da un veicolo vicino alla città di Jenin, nel nord della Cisgiordania, nella notte di giovedì.

Le truppe israeliane stavano effettuando arresti nel villaggio palestinese di Jaba’ quando gli occupanti del veicolo hanno aperto il fuoco contro di loro. Le truppe hanno risposto al fuoco e hanno eliminato la minaccia nello scontro a fuoco che ne è seguito.

L’obiettivo del raid a Jaba’ era quello di arrestare i sospetti che si riteneva stessero pianificando un attacco a breve. Dopo la sparatoria, i militari hanno appreso che due degli occupanti del veicolo erano gli obiettivi dell’arresto.

I sospetti sono stati identificati come Ahmed Pashasha, 22 anni, e Sufjan Fakhouri, 30 anni, oltre a Naif Malaishe, 25 anni, che era stato rilasciato per attività militari proprio il mese scorso.

Fakhouri era uno dei militanti armati più importanti di Jaba’ e di recente stava cercando di creare una “Brigata Jaba’” simile alla Brigata Jenin, che riceve finanziamenti dal gruppo terroristico islamico Jihad islamica.

Un portavoce del Jihad islamico, Tareq Selmi, ha dichiarato in risposta all’uccisione dei tre che “l’aggressione del nemico ci obbliga a proteggere il nostro popolo”.

Il Ministero degli Esteri palestinese ha dichiarato che “la comunità internazionale è responsabile del suo fallimento nel proteggere il popolo palestinese e nel frenare l’escalation israeliana”.

Secondo la Polizia di Israele, “ieri sera, le Forze Speciali dell’IDF, insieme a un’unità della Polizia di Frontiera e allo Shin Bet, hanno operato nel villaggio di Jaba’… per arrestare dei ricercati che stavano pianificando attacchi con armi da fuoco contro le forze dell’IDF nel loro villaggio e nell’area circostante”. Durante l’operazione, i ricercati hanno sparato contro il veicolo delle forze speciali. Le Forze speciali hanno risposto al fuoco, uccidendo tutti e tre i militanti armati che si trovavano nell’auto, compresi due dei ricercati e un altro attivista che è stato rilasciato il mese scorso. Nell’auto sono state trovate diverse armi ed esplosivi”.

Martedì, le forze speciali israeliane hanno eliminato Abd Al-Fattah Kharousha – un agente di Hamas che ha sparato e ucciso i fratelli israeliani Hallel e Yagel Yaniv nella città palestinese di Huwara la settimana scorsa.

L’intelligence israeliana ha individuato l’identità di Kharousha e la sua via di fuga a poche ore dall’attacco mortale ai fratelli Yaniv. I suoi figli, che sono stati arrestati dalle forze di sicurezza israeliane martedì, hanno facilitato la sua fuga da Huwara a Jenin, dove è stato infine ucciso.

L’operazione per la cattura di Kharousha ha ricevuto il via libera lunedì dopo che l’intelligence ha suggerito che avrebbe avuto un’alta probabilità di successo.

Durante il raid, le truppe hanno utilizzato la cosiddetta tattica della “pentola a pressione”, che prevedeva il lancio di un missile contro l’edificio in cui Kharousha e altri sospetti erano rintanati nel tentativo di stanarli. In totale, nell’operazione sono stati uccisi sei palestinesi, tra cui lo stesso Kharousha.

Nel frattempo, i figli di Kharousha si nascondevano nel campo profughi di Askar, alla periferia di Nablus, da dove progettavano di compiere altri attacchi. Mentre si svolgevano gli eventi a Jenin, lo Shin Bet e le forze dell’IDF si sono avvicinate alla loro posizione e li hanno arrestati entrambi.