Israele: la guardia nazionale non diventi milizia agli ordini di Ben Gvir

Diversi ex capi e alti ufficiali della polizia israeliana temono la proposta di creare una guardia nazionale agli ordini di Ben Gvir. «Diventerà un esercito privato nel migliore dei casi e una milizia nel peggiore»

By redazione

Un ex capo della polizia ha dichiarato sabato che il Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben Gvir potrebbe potenzialmente utilizzare la guardia nazionale per effettuare un colpo di stato contro il governo, unendosi così ad un coro di ex poliziotti di alto livello che hanno messo in guardia contro la proposta di istituire la guardia nazionale.

Moshe Karadi, che ha guidato la polizia tra il 2004 e il 2007, ha detto che il Primo Ministro Benjamin Netanyahu dovrebbe diffidare dal dare un tale potere al rappresentante di estrema destra, avvertendo che Ben Gvir «un giorno lo userà contro di lui».

Netanyahu «dovrebbe imparare un po’ di storia e vedere cosa succede nei Paesi in cui i politici hanno le proprie forze armate», ha detto Karadi durante un evento presso il Consiglio regionale di Emek Hefer. «La distanza tra questo e il fatto che lui, con questo potere, potrebbe prendere il controllo dell’ufficio del Primo Ministro e lanciare un colpo di Stato è breve».

Oggi, domenica 2 aprile, il gabinetto discuterà la creazione di una forza di guardia nazionale, che comprenderà 2.000 militari che risponderanno direttamente al legislatore di estrema destra e avranno il compito di affrontare la “criminalità nazionalista” e il terrorismo e di “ripristinare la governance dove necessario”.

La tempistica per la creazione di questa forza non è chiara, anche se è probabile che ci vorranno molti mesi.

Ma i gruppi per i diritti civili e i politici dell’opposizione hanno espresso estrema preoccupazione per la proposta di porre tale forza sotto il diretto controllo di un ministro del governo, sostenendo che potrebbe politicizzare la polizia e minare il principio di uguaglianza nell’applicazione della legge.

Canale 12 ha riferito venerdì che Ben Gvir si è opposto alla richiesta del commissario di polizia Kobi Shabtai di partecipare alle riunioni di gabinetto per esprimere il proprio parere sulla formazione della guardia nazionale.

Sabato Karadi ha anche messo in guardia da una situazione potenzialmente disastrosa in cui la polizia e la guardia nazionale proposta ricevano ordini contrastanti per affrontare i manifestanti.

«Immaginiamo che [i manifestanti] blocchino l’autostrada Ayalon e che il comandante del distretto decida che in questa situazione è corretto contenere la protesta come è stato fatto finora. Così li lascia fare e il ministro della Sicurezza nazionale non gradisce», ha detto Karadi.

Il ministro allora «manda la sua ‘guardia rivoluzionaria’ a liberare la strada», ha detto, paragonando la forza proposta al Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche dell’Iran. «A questo punto ci troveremmo con una collisione tra due forze di polizia, una subordinata al commissario di polizia e una al ministro».

In un’intervista rilasciata venerdì a Channel 12, Karadi ha definito i piani una «ricetta per il disastro».

Ben Gvir è stato più volte coinvolto direttamente nelle operazioni di polizia delle massicce manifestazioni contro il programma di revisione giudiziaria del governo, indicando alla polizia quali autostrade lasciare aperte durante le proteste, discutendo i metodi di dispersione della folla e visitando i centri di comando della polizia mentre le manifestazioni erano in corso.

Un altro ex commissario di polizia, Assaf Hefetz, ha dichiarato venerdì a Canale 12 che i piani di Ben Gvir non dovrebbero essere realizzati, perché tale forza dovrebbe essere responsabile della polizia e non sotto la responsabilità di un politico.

«Non può farlo, non sa e non ha idea di come costruire una cosa del genere», ha detto Hefetz, sottolineando che se venisse istituita una guardia nazionale, questa dovrebbe rendere conto alla polizia.

«Due corpi non possono operare nella stessa unità territoriale, chiamata Stato di Israele, è un’area troppo piccola e non c’è alcuna necessità o logica in tutto questo», ha spiegato Hefetz.

Se la guardia non viene integrata nella polizia, «c’è il timore che diventi una milizia, e questo la squalifica dal servire come forza di polizia che opera secondo la legge», ha detto.

Ben Gvir ha preso di mira Hefetz e Karadi durante le interviste di venerdì, twittando che i reality show dovrebbero dare loro «un contratto da talent show perché il loro bisogno di attenzione a mie spese è un po’ patetico».

Anche David Tzur, ex capo della polizia del distretto di Tel Aviv, ha espresso la sua preoccupazione per il fatto che una forza subordinata a un politico possa creare problemi: «Danneggia uno dei fondamenti più importanti del principio del dispiegamento delle forze e dell’unità di comando».

«Diventerà un esercito privato nel migliore dei casi e una milizia nel peggiore. Capisco perché pensa di averne bisogno», ha detto Tzur al network, citando la debole risposta della polizia ai gravi disordini verificatisi nelle città miste ebraico-arabe nel maggio 2021. Tuttavia, la creazione di una tale forza è una «risposta irragionevole», ha aggiunto.

Nelle note esplicative della proposta di Ben Gvir, si fa notare che i piani per una guardia nazionale sono stati avviati dall’ultimo governo come parte della risposta a quei disordini, affinché il governo potesse rispondere più rapidamente a tali scoppi di violenza intercomunitaria.

Channel 12 ha riferito sabato che tra i ranghi della polizia i piani per una guardia nazionale sono visti come una “catastrofe”.

Fonti di polizia di alto livello hanno riferito al network che negli ultimi mesi si sono occupate principalmente di controllare le proteste contro la proposta di revisione del sistema giudiziario, causando una carenza di personale.

I funzionari hanno sottolineato che Ben Gvir non ha mantenuto le sue promesse di aumentare le assunzioni e trasferire fondi. Al contrario, le fonti hanno affermato che il personale sta abbandonando le forze di polizia piuttosto che entrarvi.

L’unità della Guardia Nazionale, istituita dal precedente governo nel 2022, è attualmente sotto l’autorità della Polizia di Israele e comprende solo poche centinaia di persone provenienti per lo più dalla Polizia di Frontiera, che è a sua volta una forza di gendarmeria.

La proposta prevede che la nuova forza di guardia nazionale sia composta da “forze regolari e brigate tattiche dedicate” distribuite su tutto il territorio nazionale.

La pubblicazione della bozza di risoluzione è avvenuta pochi giorni dopo la promessa di Netanyahu di portarla al voto domenica, in cambio dell’accettazione da parte di Ben Gvir della sospensione della legislazione sulla riforma giudiziaria, in seguito alle proteste di massa, agli scioperi e ai disordini contro il piano. Il governo sta attualmente tenendo colloqui con l’opposizione per cercare di raggiungere un compromesso negoziato sulla questione. (Art. in inglese)