Israele: niente donne in alcune forze speciali dell’IDF

Secondo l'IDF le donne non possono entrare in alcune forze combattenti d'elite per «differenze fisiologiche»

By redazione

L’integrazione delle donne soldato nelle unità di fanteria da combattimento israeliane, in alcune Forze speciali d’élite e in alcune unità corazzate è stata rinviata a causa della differenza fisiologica tra uomini e donne, ha dichiarato lunedì l’IDF all’Alta Corte di Giustizia, in risposta alle petizioni presentate da alcune donne che vogliono entrare nelle Forze speciali.

L’IDF ha condotto diversi programmi pilota per l’integrazione delle donne in posizioni di combattimento, sui quali l’esercito basa spesso le sue decisioni.

Dal 2020 al 2021, l’IDF ha condotto un’analisi delle posizioni di combattimento per le donne, a seguito di uno studio precedente che aveva determinato una bassa probabilità che le donne fossero in grado di soddisfare i requisiti fisici di alcune unità, come la fanteria corazzata e pesante. L’IDF sta conducendo ulteriori analisi e revisioni della questione.

Secondo l’IDF, la capacità di trasportare pesi elevati, in particolare di essere ripetutamente caricati con zaini pesanti per lunghe distanze, sottopone le donne a un rischio significativamente maggiore di lesioni rispetto agli uomini.

In quali unità di combattimento dell’IDF possono entrare le donne?

L’analisi ha rilevato che alcuni ruoli di combattimento meno pesanti all’interno delle brigate di fanteria, come ad esempio in alcune squadre di mortai, potrebbero essere soddisfatti da decine di candidate donne ogni anno.

L’IDF prevede che le unità d’élite saranno rese disponibili per le donne, sulla base di criteri fisiologici.

A marzo, il processo di selezione per i 669 corpi di ricerca e soccorso e per il corpo di ingegneria da combattimento Yahalom è stato aperto alle donne, e 12 di loro sono state reclutate per quest’ultimo. Questo programma continuerà come previsto, secondo la documentazione del tribunale dell’IDF. A novembre, due squadre di 15 soldatesse entreranno nel processo di selezione. Le prime reclute per il 669 erano attese per la leva di dicembre.

Le petizioni all’Alta Corte sono state presentate da una candidata al corso per piloti che ha abbandonato il corso nel 2020 ed è poi diventata ufficiale in una posizione classificata dell’aeronautica. Tuttavia, ha chiesto di poter fare domanda per un’unità delle Forze speciali. Il corso per piloti dell’IAF è un programma prestigioso e, sebbene la maggior parte non completi il lungo processo, coloro che lo abbandonano vengono spesso assegnati ad altre unità d’élite.

Un’altra petizione ha visto un ufficiale in un’unità di artiglieria e successivamente nell’intelligence richiedere la possibilità di candidarsi per l’unità speciale di commando urbano Duvdevan. Allo stesso modo, era stata esclusa dal prestigioso programma per ufficiali della Marina, che spesso viene valutato attraverso le prove generali delle Forze speciali.

Le argomentazioni dell’IDF sulla limitazione dell’accesso alle posizioni di combattimento sono state giustificate dal fatto che il 90% delle posizioni dell’esercito sono ugualmente disponibili per uomini e donne. Un quinto delle posizioni di combattimento dell’esercito sono state occupate da donne, comprese alcune unità speciali di combattimento. L’esercito ha dichiarato che questo è il risultato dell’espansione decennale della disponibilità di ruoli di combattimento per le donne.

Alcune unità di carri armati per la difesa dei confini hanno donne nei loro equipaggi. Esistono anche brigate di fanteria leggera di genere misto.

L’ONG Forum Dvorah, che si occupa di inclusione e sicurezza di genere, ha criticato la posizione dell’IDF, affermando che non è conforme alla legge e discrimina in base al genere. Tuttavia, ha accolto con favore l’apertura di alcune forze speciali alle donne e la definizione di alcuni standard professionali unici per le donne.

“La decisione di rifiutare l’integrazione delle donne nelle unità corazzate è particolarmente scandalosa, anche se l’IDF stesso ha testimoniato che esiste la possibilità di una loro integrazione”, ha dichiarato il Dvorah Forum in un comunicato di lunedì. “La domanda principale rimane: perché l’IDF non permette alle donne di servire secondo le loro capacità e continua a bloccarle dalle opzioni solo a causa del loro sesso?”.

L’ONG Breaking Equality ha sostenuto che la posizione dell’IDF dimostra che “è stato dimostrato ancora una volta che ci sono posti in cui le donne non possono servire. L’obiettivo dell’esercito è vincere le battaglie”.