Report e analisi

Israele: Obama è un nemico, è ora di prenderne atto

israele-sogno-segreto-obama

Oggi su Ynet c’è un articolo molto indicativo di Attila Somfalvi che la dice lunga sulle vere intenzioni del Presidente Obama su quanto fare con il programma nucleare iraniano, cioè accettare qualsiasi accordo con gli Ayatollah per evitare un attacco in Iran da parte di Israele.

L’articolo riporta le opinioni di Israele e di molti Paesi del Golfo contrari all’accordo presentato dagli iraniani a Ginevra e accolto con favore dal gruppo dei 5+1 con eccezione della Francia. Netanyahu è stato molto chiaro e piuttosto duro in merito: Obama vuole accettare qualsiasi accordo per evitare un attacco da parte di Israele alle centrali nucleari in Iran. Punto, non ci sono altre ragioni perché l’accordo proposto dagli iraniani e sostenuto dal duo Kerry-Ashton è davvero un suicidio per la comunità internazionale e una enorme vantaggio per l’Iran.

Obama da molti anni sostiene di avere intenzione di non permettere agli iraniani di dotarsi di armi nucleari garantendo nel frattempo il suo sostegno a Israele. In realtà sin dal primo momento Obama ha lavorato per fare l’esatto contrario nel timore che un attacco israeliano in Iran avrebbe giocoforza coinvolto gli Stati Uniti. Ha fermato diverse volte Israele che stava per inviare i suoi caccia contro le centrali nucleari iraniane (si dice che in un caso gli aerei israeliani erano già in volo), ha fatto di tutto per impedire che Israele avesse facilitazioni ad attaccare l’Iran convincendo i sauditi a ritirare la loro autorizzazione al sorvolo da parte dei caccia con la Stella di David dei cieli sauditi e spingendo sull’Azerbaijan affinché non concedesse le sue basi agli israeliani. Nel frattempo ha perso tempo concedendo agli Ayatollah di arrivare veramente a un passo dalla bomba.

Ora, percependo che i tempi sono stretti e che Israele non può più rimanere inerme mentre il suo nemico mortale prepara la sua eliminazione, Obama cerca di delegittimare un eventuale intervento israeliano isolando Israele stesso. Per farlo usa furbescamente due vie: la prima è quella dell’accordo suicida con l’Iran, la seconda è quella molto più subdola dei colloqui di pace con i palestinesi, una cosa che con l’Iran c’entra ben poco e che negli equilibri in Medio Oriente non ha alcun peso, ma che serve al bugiardo Presidente americano a togliere consenso internazionale a Israele e ad isolarlo. Anche le ultime dichiarazioni di Kerry sugli insediamenti vanno in quel senso.

Ritengo quindi che i tempi siano maturi per smettere di considerare il Presidente Obama un amico di Israele. Non lo è. Ogni sua mossa, ogni sua iniziativa è stata presa in configurazione anti-israeliana. Non si capisce bene se sia solo una forma di vigliaccheria o se nasconda un vero sentimento anti-israeliano che chiaramente non può manifestare. Ma qualsiasi sia il motivo delle scellerate scelte di Obama, di certo non sono volte a tutelare l’alleato storico in Medio Oriente quanto piuttosto a isolarlo, a metterlo in difficoltà. Israele ne prenda coscienza quanto prima e tragga le conclusioni necessarie a tutelare se stesso ben sapendo che per farlo non può contare su Obama.

Adrian Niscemi

Tags

Related Articles

4 Comments

  1. E’ da prima che fosse eletto, che è chiaro che Obama è un musulmano travestito, un nemico mortale di Israele e dell’Occidente.

  2. Obama guarda solo ai suoi interessi, il patrigno di Obama e’ mussulmano. Chi maledice Israele sarà maledetto. Guarda l’ Inghilterra da quando ha tradito Israele ha perso le sue colonie. Chi benedice Israele sarà benedetto.

  3. Finalmente ci si Accorge che razza di essere umano e questo Osama-Obama, io se fossi un cittadino americano con un minimo di sale in zucca proporrei un impeachmant nei confronti del Prsidente degli Stati Uniti più fallimentare e ridicolo…di tutta la storia Americana…Ma ora stiamo di fronte ad una terribile minaccia che questo uomo sta cercando di portare a termine, far si che l’Iran si doti della Bomba Atomica, questo stupido Uomo non ha capito che se permetterà all’Iran di avere l’arma nucleare il medio oriente esploderà e non solo metaforicamente, l’Arabia Saudita ha già comprato bombe Atomiche dal Pakistan chiavi in mano, gli altri stati del golfo ma sopratutto l’Eggitto e la Turchia faranno altrettanto, ma chi potrà controllare i vari dittatori di questi paesi mediorientali che non si creano problemi ad ammazzare centinaia di migliaia dei loro stessi simili….le atomiche in mano al clero Iraniano….ma ci rendiamo conto che noi Europei e non solo saremmo ricattati peggio,di quanto fa la Corea del Nord nei confronti degli Stati Uniti e dei loro fratelli della Corea del Sud…vorrei farvi solo per un momento capire questo….mi spiega qualcuno a cosa servono centinai di missili balistici progettati e costruiti dagli iraniani, capaci ora di raggiungere Parigi ( ecco perché la stessa Francia teme e ha frenato un accordo a Ginevra ) il sig. Obama si sente al sicuro in America, ma non ha capito che se l’Iran attacca Israele, o costringe Israele ad attaccare l’Iran ( cosa molto probabile ) allora si che dovrà intervenire, e meglio non accettare le richieste iraniane, piuttosto continuare ad imporre veri embarghi all’Iran a costo di strangolarlo, che siano gli stessi iraniani a ribellarsi
    a i loro pazzi governati, signori qua non c’è solo sopravvivenza di Israele in gioco, ma anche la sopravvivenza di tutta l’Europa e della civiltà democratica, aiutiamo Israele….! e mandiamo a casa questo presidente Americano piccolo,piccolo che non ha fatto altro che creare danni di immagine e di prestigio e non solo agli Stati Uniti D’America ! Mandiamolo a casa prima del tempo !

  4. guai ai deboli! .Se anche il senato americano non interviene ,non e’ Obama che ci porta alla rovina>L’America e’ stanca e non piu’ disposta a essere condizionata da un mondo sempre pronto a criticare e pronto. a”combattere fino alla ultima goccia di sangue” (americano).Sono convinto che solo l’Arabia Saudita potra’ costringere. l’America a piegare l’Iran,Oggi tutti sperano che Israele risolva il problema con un attacco che sara’ criticato,condannato,forse punito ,ma non aiutato>Speriamo che l’Onnopente alleato di Israele le dia la capacita’ di trovare la soluzione migliore Continuate a cercare di fare pressione sui nostri leaders e sull’opinione pubblica e, chi non puo’ fare altro faccia una preghiera,in buona fede,che,, alla fine e’ l’arma piu’ potente.

Close