Middle East

Israele: sviluppati missili non rilevabili dal nemico

La IMS e la IAI sviluppano un missile non individuabile dal nemico e in grado di essere lanciato da ben 150 Km dall’obiettivo. Presto saranno operativi sui caccia israeliani anche se potrebbero essere stati testati negli ultimi attacchi su Gaza

Gerusalemme, Israele (Rights Reporter) – La Israel Military Industries (IMS) e la Israel Aerospace Industries (IAI), due della maggiori industrie militari israeliane, hanno sviluppato un nuovo missile aria-superficie non rilevabile dal nemico.

Il nuovo missile, denominato “Rampage”, è in grado di essere lanciato da 150 Km dall’obiettivo e di raggiungerlo colpendolo con estrema precisione senza essere rilevato dai sistemi radar e di difesa del nemico.

Il Rampage è il frutto di due anni di ricerche effettuate congiuntamente dalle due grandi industrie militari israeliane e oggi, dopo diversi collaudi, è pienamente operativo.

Tra le caratteristiche del missile, oltre all’essere invisibile ai radar, vi è la sua capacità di controllare e monitorare l’estensione delle sue schegge, fatto questo che renderà il suo attacco maggiormente chirurgico e accurato e con un minimo danno collaterale.

L’IDF conta di acquistare a breve questi nuovi missili e di renderli nel brevissimo tempo operativi sui caccia israeliani.

I Rampage potrebbero essere stati usati/testati negli ultimi attacchi chirurgici effettuati dall’aviazione israeliana nella Striscia di Gaza, i quali hanno colpito chirurgicamente gli obiettivi senza tuttavia causare vittime.

Tags

Related Articles

Close