Medio Oriente: la NATO Araba sta per diventare realtà

Middle East Strategic Alliance

Sta per diventare realtà la cosiddetta NATO Araba, la Middle East Strategic Alliance (MESA) nata da una idea saudita e americana per contrastare l’espansionismo iraniano nella regione.

Lo scorso 8 aprile l’Arabia Saudita ha ospitato una riunione di altissimo livello degli stati aderenti al MESA.

Oltre all’Arabia Saudita e agli Stati Uniti hanno partecipato alla riunione alti esponenti di Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Kuwait, Oman, Qatar e Giordania.

Secondo l’agenzia di stampa ufficiale saudita l’incontro è stato «un passo importante per il lancio dell’alleanza, che mira a rafforzare la sicurezza e la stabilità della regione e del mondo».

Oggetto principale della riunione è stato quello di organizzare nei dettagli il funzionamento della cosiddetta NATO araba, stabilire quindi la strategia comune, le modalità di intervento, come deve essere finanziata ecc. ecc.

Stupisce la presenza del Qatar e l’assenza dell’Egitto che però non è chiaro se aderirà in un secondo tempo.

Secondo l’analista saudita, Sulaiman al-Oqaily, la nascita del MESA si è resa necessaria per contrastare l’espansionismo iraniano.

«I Paesi arabi si sono resi conto che per loro Israele non rappresenta nessun pericolo, mentre al contrario l’Iran con la sua politica settaria e violenta è un pericolo mortale» ha detto al-Qqaily.

«L’Iran sta approfittando della sua cultura e dei suoi legami religiosi con il mondo arabo per espandersi e distruggerlo dal suo interno» ha detto Sulaiman al-Oqaily.

«Israele al contrario non può violare la società araba come può fare l’Iran, anche se i suoi servizi di intelligence su questo lato potrebbero ancora rappresentare un pericolo» ha concluso al-Qqaily.

L’idea di creare una NATO araba formata dai Paesi del blocco sunnita è nata lo scorso anno negli Stati Uniti.

Secondo l’idea originale, gli Stati membri del MESA dovranno cercare una cooperazione più profonda nei settori della difesa missilistica, della formazione militare e dell’antiterrorismo, rafforzando nel contempo i più ampi legami politici ed economici.

«La nascita del MESA sarà un baluardo contro l’aggressione iraniana, il terrorismo, l’estremismo e porterà stabilità», ha affermato un portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca commentando la riunione di Riad.

Alcuni analisti mediorientali fanno notare tuttavia che i Paesi arabi sono ancora divisi su diversi punti e che non sarà facile implementare la NATO araba dandole allo stesso tempo una linea comune politica e militare. Un fatto questo che potrebbe ritardare la nascita effettiva del MESA.