Più avanzano i processi contro Trump, più lui istiga violenza e minacce a testimoni e giudici

25 Settembre 2023
processi contro trump

Al tribunale federale di Washington, una donna ha chiamato l’ufficio del giudice assegnato al caso di interferenza elettorale contro l’ex presidente Donald J. Trump e ha detto che se Trump non fosse stato rieletto l’anno prossimo, “saremmo venuti ad uccidervi”.

Al Federal Bureau of Investigation, gli agenti hanno riferito di essere preoccupati per le molestie e le minacce rivolte alle loro famiglie, in un momento in cui si intensifica la rabbia dei sostenitori di Trump per quella che considerano un’arma del Dipartimento di Giustizia.

E i principali procuratori dei quattro procedimenti penali contro Trump – due intentati dal Dipartimento di Giustizia e uno ciascuno in Georgia e a New York – hanno ora bisogno di protezione 24 ore su 24.

Con l’accelerazione dei procedimenti giudiziari contro Trump, sono aumentate anche le minacce contro le autorità di polizia, i giudici, i funzionari eletti e altri. Le minacce, a loro volta, stanno provocando misure di protezione, uno sforzo legale per frenare le sue dichiarazioni pubbliche rabbiose e talvolta incendiarie, e una rinnovata preoccupazione che una campagna elettorale in cui Trump ha promesso una “punizione”, produca violenza.

Dopo l’attacco al Campidoglio da parte dei sostenitori di Trump il 6 gennaio 2021, studiosi, esperti di sicurezza, funzionari delle forze dell’ordine e altri mettono sempre più in guardia sul potenziale di attacchi solitari o rivolte da parte di americani arrabbiati o turbati che hanno fatto propria l’accesa retorica.

Ad aprile, prima che i procuratori federali incriminassero Trump, un sondaggio ha mostrato che il 4,5% degli adulti americani era d’accordo con l’idea che l’uso della forza fosse “giustificato per riportare Donald Trump alla presidenza”. Solo due mesi dopo, dopo la prima incriminazione federale di Trump, questa percentuale è salita al 7%.

Le incriminazioni di Trump “sono i più importanti fattori di violenza politica che abbiamo ora”, ha detto l’autore dello studio, Robert Pape, un politologo che studia la violenza politica all’Università di Chicago.

Altri studi hanno rilevato che gli eventuali effetti delle incriminazioni si sono dissipati rapidamente e che ci sono poche prove di un aumento del numero di americani favorevoli a una risposta violenta. Inoltre, i leader dei gruppi di estrema destra che hanno contribuito a scatenare la violenza in Campidoglio il 6 gennaio stanno scontando lunghe pene detentive.

Ma le minacce sono state abbastanza costanti e credibili da suscitare una forte preoccupazione tra le forze dell’ordine. Mercoledì scorso il procuratore generale Merrick B. Garland ha affrontato questo clima nella sua testimonianza al Congresso, affermando che, pur riconoscendo che il lavoro del dipartimento è soggetto a controlli, la demonizzazione dei procuratori e degli agenti dell’FBI sta minacciando non solo i suoi dipendenti ma anche lo stato di diritto.

“Individuare singoli funzionari pubblici di carriera che stanno solo facendo il loro lavoro è pericoloso, soprattutto in un momento in cui aumentano le minacce alla sicurezza dei funzionari pubblici e delle loro famiglie”, ha dichiarato Garland.

“Non ci faremo intimidire”, ha aggiunto. “Faremo il nostro lavoro liberi da influenze esterne. E non ci tireremo indietro nel difendere la nostra democrazia”.

Sono stati aggiunti dettagli di sicurezza per diversi funzionari di alto profilo delle forze dell’ordine in tutto il Paese, compresi i procuratori di carriera che gestiscono le indagini quotidiane.

L’FBI, che ha visto aumentare il numero di minacce contro il suo personale e le sue strutture da quando i suoi agenti hanno effettuato la perquisizione autorizzata dal tribunale di Mar-a-Lago, il club privato e la residenza di Trump in Florida, nell’agosto del 2022, ha successivamente creato un’unità speciale per affrontare le minacce. Un funzionario statunitense ha dichiarato che da allora le minacce sono aumentate di oltre il 300%, in parte perché le identità dei dipendenti e le informazioni su di loro vengono diffuse online.

“Lo stiamo vedendo troppo spesso”, ha detto Christopher A. Wray, direttore dell’Ufficio, in una testimonianza al Congresso di quest’estate.

Le minacce sono a volte troppo vaghe per essere considerate un’indagine penale, e i discorsi d’odio godono di alcune protezioni del Primo Emendamento, rendendo spesso difficili i procedimenti giudiziari. Ma il Dipartimento di Giustizia ha accusato più di una mezza dozzina di persone di aver fatto minacce.

Questo ha avuto le sue conseguenze: Negli ultimi 13 mesi, gli agenti dell’FBI che si sono trovati di fronte a persone sospettate di minacce hanno sparato e ferito mortalmente due persone, tra cui uno nello Utah che era armato e aveva minacciato di uccidere il Presidente Biden in visita nella zona.

In una memoria depositata questo mese presso la corte federale di Washington, Jack Smith, il consulente speciale che supervisiona i procedimenti giudiziari del Dipartimento di Giustizia nei confronti di Trump, ha compiuto il passo straordinario di richiedere un ordine di bavaglio nei confronti di Trump. Ha collegato le minacce contro i procuratori e il giudice che presiede il caso che accusa Trump di cospirare per rovesciare i risultati delle elezioni del 2020 alla retorica usata da Trump prima del 6 gennaio.

“L’imputato continua a sferrare questi attacchi a singoli individui proprio perché sa che così facendo è in grado di agitare l’opinione pubblica e di mobilitare e spingere i suoi sostenitori”, ha dichiarato l’ufficio del consulente speciale in un documento del tribunale.

Trump ha negato di promuovere la violenza. Egli afferma che i suoi commenti sono protetti dal diritto alla libertà di parola sancito dal Primo Emendamento e che l’ordine di imbavagliamento proposto fa parte di un ampio sforzo dei Democratici per distruggerlo personalmente e politicamente.

“Joe Biden ha armato il suo Dipartimento di Giustizia per dare la caccia al suo principale avversario politico, il Presidente Trump”, ha dichiarato Steven Cheung, portavoce dell’ex presidente.

Ma il linguaggio di Trump è stato spesso, come minimo, aggressivo e conflittuale nei confronti dei suoi avversari, e talvolta ha rasentato l’incitamento.

Venerdì scorso, in un post sui social media, Trump ha insinuato senza fondamento che il generale Mark A. Milley, presidente uscente degli Stati Maggiori Riuniti, potrebbe aver commesso un tradimento, “un atto così grave che, in tempi passati, la pena sarebbe stata la MORTE”. (Il generale Milley è stato interrogato dall’ufficio del consulente speciale).

Il giorno prima della telefonata minatoria del mese scorso all’ufficio del giudice Tanya S. Chutkan presso la Corte distrettuale federale di Washington, Trump ha postato sul suo sito di social media: “SE MI DAI LA CACCIA, VENGO A PRENDERTI!”. (Una donna texana è stata in seguito accusata di aver fatto la telefonata).

Il signor Smith – che Trump ha descritto come “delinquente” e “squilibrato” – è stato un bersaglio particolare di minacce violente, e il suo ufficio sta spendendo dagli 8 ai 10 milioni di dollari per proteggere lui, la sua famiglia e i membri più anziani dello staff.

Membri della sua scorta in borghese erano vistosamente presenti quando il mese scorso è entrato in un’aula di tribunale federale di Washington, già chiusa a chiave, per assistere alla deposizione di Trump per le accuse di interferenza elettorale.

Venerdì, un giudice che presiede un caso in Colorado sulla possibilità di squalificare Trump dal voto per il suo ruolo nel promuovere l’attacco del 6 gennaio, ha emesso un ordine di protezione che impedisce minacce o intimidazioni a chiunque sia collegato al caso.

Nei suoi primi due anni da ex presidente, i commenti pubblici di Trump si sono in gran parte concentrati sulla lenta revisione della storia di ciò che è accaduto il 6 gennaio, dipingendolo come per lo più pacifico. Nei suoi comizi e nelle interviste ha descritto i rivoltosi arrestati come “grandi patrioti”, ha detto che dovrebbero essere rilasciati, ha ventilato la possibilità di concedere loro la grazia e ha parlato ripetutamente di eliminare “fascisti”, “marxisti” e “comunisti” dal governo.

Gli attacchi verbali di Trump alle forze dell’ordine si sono intensificati dopo la perquisizione di Mar-a-Lago da parte dell’FBI, che ha condotto le indagini che hanno poi portato alla sua incriminazione con l’accusa di aver gestito male documenti riservati e di aver ostacolato gli sforzi per recuperarli. Alcuni dei suoi commenti più aggressivi sono stati fatti quando è diventato chiaro che il procuratore distrettuale di Manhattan, Alvin L. Bragg, lo avrebbe incriminato in relazione al pagamento di denaro a un’attrice porno.

Ha postato un articolo di un sito di notizie conservatore che riportava una foto del signor Bragg con accanto l’immagine di Trump che brandisce una mazza da baseball.

In un altro post, Trump ha predetto che ci sarebbero state “morte e distruzione potenziali” se fosse stato accusato da Bragg. L’ufficio del procuratore distrettuale ha trovato una lettera di minacce e della polvere bianca nella sua stanza della posta ore dopo. (La polvere è stata poi ritenuta non pericolosa).

Il professor Pape, dell’Università di Chicago, ha dichiarato che, sebbene il numero di persone che ritengono giustificata la violenza per sostenere Trump sia preoccupante, preferirebbe concentrarsi su un altro gruppo identificato nel suo sondaggio: l’80% degli adulti americani che hanno dichiarato di sostenere uno sforzo bipartisan per ridurre la possibilità di violenza politica.

“Questo indica un potenziale vasto, anche se non sfruttato, per mobilitare un’opposizione diffusa alla violenza politica contro le istituzioni democratiche”, ha detto, “e per unificare gli americani intorno all’impegno per una democrazia pacifica”.

Ma molti studiosi ed esperti che si occupano di violenza politica attribuiscono la colpa dell’attuale atmosfera soprattutto a Trump – complice la mancata volontà di molti politici repubblicani di opporsi o di ridurre il linguaggio violento e apocalittico sui social media e nei media conservatori.

In un esempio di come l’influenza di Trump sui suoi seguaci possa avere effetti nel mondo reale, un uomo accusato di aver preso d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio è stato arrestato a giugno mentre cercava un modo per avvicinarsi alla casa di Washington dell’ex presidente Barack Obama. L’uomo – che era armato di due pistole e 400 munizioni e aveva un machete nel furgone in cui viveva – qualche ora prima aveva ripostato sui social media un articolo che il Presidente Trump aveva postato quello stesso giorno e che sosteneva di mostrare l’indirizzo di casa di Obama.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
discorso netanyahu nazioni unite onu
Previous Story

Il discorso integrale di Benjamin Netanyahu alle Nazioni Unite

portaerei cinese Liaoning nel mar cinese meridionale
Next Story

Come la Cina sta militarizzando il Mar Cinese Meridionale

Latest from Report e analisi

Go toTop