Putin crimini di guerra

Nuovi attacchi russi hanno colpito la rete elettrica ucraina, già in crisi, facendo sprofondare le famiglie nel freddo e nell’oscurità, mentre la temperatura a Kiev è scesa sotto gli zero gradi Celsius.

Giovedì mattina, più di due terzi della capitale ucraina erano ancora senza corrente e una gran parte dei residenti era priva di acqua corrente.

L’esercito ucraino ha dichiarato che le forze russe hanno sparato circa 70 missili da crociera contro obiettivi in tutto il Paese mercoledì e hanno anche schierato droni d’attacco.

Gli attacchi hanno messo sotto pressione la rete elettrica ucraina, interrompendo le forniture di energia nelle regioni meridionali e orientali, con tagli all’acqua e all’elettricità nella capitale Kiev.

Quando la temperatura è sotto lo zero e decine di milioni di persone sono senza energia, senza riscaldamento, senza acqua, questo è un evidente crimine contro l’umanità“, ha dichiarato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite mercoledì in collegamento video.

Gli attacchi hanno ucciso diverse persone e scollegato tre centrali nucleari, hanno detto i funzionari.

Oltre 400 bambini uccisi

Più di 400 bambini sono stati uccisi e 323 sono ancora dispersi da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, secondo Children of War, un sito web che monitora le vittime infantili.

Le cifre arrivano mentre un neonato è stato ucciso in un attacco missilistico russo che ha colpito una maternità nella città di Vilniansk, nel sud-est dell’Ucraina, mercoledì.

Il servizio di emergenza statale ha dichiarato che al momento dell’attacco una donna con un neonato e un medico si trovavano nel reparto maternità di un edificio a due piani che è stato distrutto.

Repressione delle proteste e oscuramento delle notizie in Russia (Amnesty International)

Intanto, secondo un rapporto di Amnesty International, le autorità russe hanno sviluppato un sofisticato sistema di restrizioni e severe rappresaglie per reprimere le proteste pubbliche, sistema che si estende alla soppressione di qualsiasi segnalazione da parte di giornalisti e osservatori indipendenti.

“Possiamo constatare che le autorità russe non solo sono determinate a prevenire e penalizzare severamente qualsiasi protesta, per quanto pacifica, ma anche a ridurre al minimo la consapevolezza dell’opinione pubblica su quanto avviene in Ucraina e sulle condizioni russe”, ha dichiarato Natalia Prilutskaya, ricercatrice di Amnesty International per la Russia.

“Fin dall’inizio della presidenza di Vladimir Putin, nel 2000, le autorità russe hanno gradualmente limitato il diritto alla protesta pacifica, hanno penalizzato sempre più chi cercava di esercitarlo, rendendo la Russia una zona praticamente priva di proteste.

Nel febbraio 2022, decine di migliaia di persone hanno sfidato la prospettiva di multe esorbitanti e carcere e sono scese in piazza nelle città russe per protestare contro l’invasione dell’Ucraina. Le autorità hanno risposto emettendo le più pesanti sanzioni disponibili contro molti partecipanti. La polizia ha usato la forza brutale contro gli operatori dei media e i monitor che osservavano e riferivano in modo indipendente sulle proteste.