Raid aerei israeliani nel nord della Siria. Colpiti obiettivi iraniani

By Sarah G. Frankl - Writer

Mercoledì notte l’aviazione israeliana avrebbe effettuato attacchi aerei contro obiettivi iraniani e di Hezbollah nel nord della Siria, poche ore dopo che l’esercito israeliano aveva preso di mira i sistemi di difesa aerea nelle vicinanze.

L’agenzia di stampa ufficiale siriana SANA, citando una fonte militare, ha affermato che i jet da combattimento dell’IAF hanno lanciato missili dal Libano settentrionale verso la città siriana di Hama.

L’agenzia di stampa statale ha dichiarato che ci sono state “perdite materiali” a seguito degli attacchi contro obiettivi nell’area di Hama.

Ieri l’esercito israeliano ha effettuato rari attacchi diurni contro obiettivi vicino alla città costiera siriana di Tartus – circa 80 chilometri a ovest di Hama – uccidendo due soldati.

SANA, citando una fonte militare, ha dichiarato che “il nemico israeliano” aveva lanciato missili dal Mar Mediterraneo, prendendo di mira una serie di siti di difesa aerea nella zona di Tartus.

Non è noto se a portare l’attacco siano stati aerei da guerra o navi.

Oltre ai due soldati uccisi, altri sei sono stati feriti e ci sono state “perdite materiali” nell’attacco iniziale, ha detto SANA.

Il primo attacco sembrava essere una missione di soppressione delle difese aeree nemiche, o SEAD, volta a spianare la strada ai jet da combattimento israeliani per colpire gli obiettivi senza dover eludere le difese aeree siriane.

Negli ultimi anni, numerosi soldati siriani in servizio nelle unità di difesa aerea sono stati uccisi o feriti in attacchi aerei attribuiti a Israele.

Sebbene l’esercito israeliano, di norma, non faccia commenti su attacchi specifici in Siria, ha ammesso di aver condotto centinaia di sortite contro gruppi sostenuti dall’Iran che cercavano di prendere piede nel Paese.

L’esercito israeliano afferma di attaccare i carichi di armi che si ritiene siano diretti a questi gruppi, primo fra tutti Hezbollah in Libano. Inoltre, gli attacchi aerei attribuiti a Israele hanno ripetutamente preso di mira i sistemi di difesa aerea siriani.

L’ultima presunta sortita israeliana sulla Siria risale al 28 agosto, quando i caccia avrebbero colpito l’aeroporto internazionale di Aleppo, mettendolo fuori servizio per due giorni.

[jetpack_subscription_form]

By Sarah G. Frankl Writer
Follow:
Vive nel sud di Israele. Responsabile della redazione e delle pubblicazioni Breaking News. Cura i social di Rights Reporter. Esperta del settore informatico. Hacker Etica