Siria: Putin e Assad potrebbero fermare la strage annunciata dei curdi

28 Dicembre 2018

Oggi Al Monitor riferisce di una delegazione turca ad altissimo livello che è volata a Mosca per discutere con Putin del futuro della Siria, anzi, per discutere con Putin della imminente invasione turca del Kurdistan siriano non appena i militari americani avranno lasciato l’area.

La missione della delegazione turca non è semplicissima. Putin è fermamente convinto che dovrebbe essere il regime di Damasco a riprendere il controllo di quello che è a tutti gli effetti un territorio siriano.

Secondo fonti turche la delegazione sarebbe formata dal ministro della Difesa Hulusi Akar, dal ministro degli esteri Mevlut Cavusoglu, dal capo dell’intelligence nazionale Hakan Fidan e dal consigliere presidenziale Ibrahim Kalin.

La missione dovrebbe preparare un successivo incontro tra il dittatore turco, Recep Tayyip Erdogan, e il presidente russo Vladimir Putin.

Esercito siriano già schierato a difesa dei curdi

Mentre la TV turca mostra immagini di truppe e blindati di Ankara che si ammassano vicino alla linea del fronte, da un paio di giorni l’esercito arabo siriano si sta schierando a ridosso della regione di Manbij assumendo anche il controllo di alcune città che le milizie del SDF a maggioranza curda avevano precedentemente sottratto al controllo dell’ISIS.

La mossa siriana sembra finalizzata a impedire che la Turchia invada la regione. Infatti sarebbe un problema per Erdogan giustificare una invasione del Kurdistan siriano se il territorio torna in mano al legittimo proprietario, cioè al regime di Damasco.

Oltretutto la mossa sembra essere stata concordata tra Assad e Putin proprio per mettere i bastoni tra le ruote alle malefiche intenzione del satrapo turco.

Per quanto non ci stiano simpatici né Putin né Assad dobbiamo ammettere che questa sembra essere l’unica soluzione praticabile per impedire la strage annunciata dei curdi da parte di Erdogan il quale difficilmente potrebbe invadere la regione senza il consenso del Presidente russo (Assad è solo una marionetta e niente di più).

Sadira Efseryan

Iraniana fuggita prima in Turchia, poi in Italia. Esperta dei paesi del Golfo Persico e delle dinamiche politiche dei paesi arabi. Laureata in scienze informatiche alla Iran University of Science and Technology

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Razzismo e calcio. Non solo il caso Koulibaly. Quando ad essere razzisti sono i calciatori

Next Story

Medio Oriente: rassegna stampa di sabato 29 dicembre 2018

Latest from Medio Oriente

Go toTop