Stati Uniti e i sauditi non diventino utili idioti di Netanyahu

6 Settembre 2023
normalizzazione rapporti israele arabia saudita

Di Thomas L. Friedman (New York Times) – Più imparo a conoscere il complesso accordo di pace e sicurezza che il team di Biden sta cercando di mettere insieme tra Stati Uniti, Arabia Saudita, Israele e Palestinesi, più mi convinco che, se ci riusciranno, vinceranno sia il Premio Nobel per la Pace che il Premio Nobel per la Fisica. Perché trovare un modo per bilanciare i diversi interessi di tutte e quattro queste parti fa sembrare la meccanica quantistica facile come il tris.

Ma per semplificare le cose, caro lettore, viste le numerose varianti che questo accordo potrebbe assumere, permettimi di concentrarmi sull’unica che è nell’interesse dell’America e che io sosterrei.

È un accordo che normalizzerebbe le relazioni tra Israele e l’Arabia Saudita, creerebbe un rapporto di sicurezza più profondo tra gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita e farebbe avanzare concretamente la soluzione dei due Stati tra israeliani e palestinesi – ma lo farebbe a condizioni che quasi certamente causerebbero la rottura dell’attuale coalizione di governo israeliana, guidata da suprematisti ebrei di estrema destra che non hanno mai detenuto poteri di sicurezza nazionale in Israele.

Purtroppo, però, non è questa la versione che il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu sta cercando di venderci. Voglio quindi rivolgermi direttamente al Presidente Biden e al principe ereditario saudita, Mohammed bin Salman: Non lasciate che Netanyahu faccia di voi i suoi utili idioti. Non potete avere una normalizzazione con un governo israeliano che non è normale. Non sarà mai un alleato stabile degli Stati Uniti o un partner saudita. E in questo momento, il governo di Israele non è normale.

Consideriamo solo due dati: Un ex capo del Mossad, Tamir Pardo, ha recentemente avvertito che questa coalizione israeliana, senza dubbio assemblata da Netanyahu per tenersi fuori dal carcere per corruzione, include “orribili partiti razzisti”. Quanto razzisti? “Qualcuno ha preso il Ku Klux Klan e lo ha portato nel governo”, ha detto Pardo.

E poi c’è questo: La settimana scorsa il ministro degli Esteri di Netanyahu, Eli Cohen, avrebbe dato istruzioni all’ambasciatore di Israele in Romania, Reuven Azar, e a un importante leader dei coloni, Yossi Dagan, di incontrare a Bucarest il leader di un partito di estrema destra rumeno – un partito che Israele ha boicottato da tempo a causa della sua storia di dichiarazioni antisemite e di negazione dell’Olocausto.

Perché? Come ha spiegato il quotidiano Haaretz, fa parte di uno sforzo che Dagan sta compiendo “per promuovere i legami tra Israele e i partiti europei di estrema destra, al fine di convincerli a sostenere gli insediamenti israeliani in Cisgiordania”. Sì, Netanyahu e i suoi alleati stanno cercando di costruire un’alternativa al sostegno diplomatico dell’America con partiti xenofobi ed estremisti in Europa, che non si preoccupano degli insediamenti.

Siete scioccati? È comprensibile. La struttura di 75 anni di relazioni tra Stati Uniti e Israele è stata costruita intorno alla necessità di salvare Israele dalle minacce esterne arabe e iraniane. Perciò è difficile per i diplomatici, le forze armate, i cittadini e le organizzazioni ebraiche statunitensi comprendere che il loro ruolo ora è quello di salvare Israele da una minaccia interna ebraica, manifestata dal governo stesso.

Molte persone negano questo fatto, in particolare l’AIPAC, la più potente lobby pro-Israele, che continua a fare da intermediario per Netanyahu a Washington e a ignorare i difensori della democrazia di Israele. Haaretz ha recentemente descritto l’AIPAC come la “lobby pro-Netanyahu e anti-Israele” del Congresso.

Ma è meglio che si sveglino, perché quattro anni di una simile coalizione israeliana al potere e si può dire addio all’idea che Israele sarà mai più un alleato affidabile degli Stati Uniti.

E questo ci riporta all’accordo saudita. È stato concepito per coniugare due componenti. La prima è un’alleanza rafforzata tra Stati Uniti e Arabia Saudita, in base alla quale gli Stati Uniti accettano una sorta di trattato di difesa reciproca, mentre i sauditi possono sviluppare un programma nucleare civile e accedere alle armi statunitensi più avanzate. In cambio, l’Arabia Saudita rimane nell’angolo dell’America e riduce i legami militari, tecnologici ed economici con la Cina.

La seconda parte dell’accordo prevedeva una normalizzazione delle relazioni tra i sauditi e Israele, a condizione che Israele facesse concessioni ai palestinesi per mantenere viva la speranza di un accordo sui due Stati.

Mi occuperò della parte saudita-statunitense più avanti, quando saranno noti tutti i dettagli. Ma, come ho detto, quando si tratta della componente israelo-saudita-palestinese, ci sono due possibili permutazioni: una è nell’interesse dell’America e l’altra decisamente no.

Quella che sicuramente non è nel nostro interesse è quella in cui Netanyahu cercherà di convincere gli Stati Uniti. Sta cercando di mettere a segno un colpo da quattro angoli: minare il potere della Corte Suprema di Israele di frenare il suo governo estremo, e allo stesso tempo fare di se stesso un eroe nazionale, concludendo un accordo di pace con l’Arabia Saudita senza dover concedere nulla di significativo ai palestinesi, facendo così avanzare il sogno della sua coalizione di annettere la Cisgiordania – il tutto facendo in modo che l’Arabia Saudita lo paghi e Joe Biden lo benedica.

Questo accordo Biden e l’M.B.S. devono rifiutarlo a priori.

L’accordo su cui dovrebbero insistere dovrebbe stabilire che, in cambio della normalizzazione delle relazioni tra Israele e Arabia Saudita, Israele deve congelare la costruzione di tutti gli insediamenti in Cisgiordania nelle aree destinate a uno Stato palestinese, se un giorno sarà possibile negoziarlo; non legalizzare altri insediamenti israeliani illegali e selvaggi e, soprattutto, insistere affinché Israele trasferisca il territorio dall’Area C in Cisgiordania, come definito dagli accordi di Oslo, alle Aree B e A sotto un maggiore controllo palestinese.

Gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita devono anche dichiarare che l’obiettivo del processo diplomatico sarà una soluzione a due Stati in Cisgiordania. Questo è ciò che tutti i precedenti presidenti degli Stati Uniti si sono impegnati a fare – e anche ciò su cui il re Abdullah dell’Arabia Saudita ha insistito nella sua intervista del 2002 con me, annunciando l’iniziativa di pace saudita, che poi è diventata l’Iniziativa di pace araba.

Questi requisiti sono fondamentali perché sono termini che i suprematisti ebrei nel gabinetto di Netanyahu non potrebbero ingoiare e che Bibi non potrebbe aggiustare. In questo modo, costringerebbe il governo di Bibi e il popolo israeliano a scegliere: Volete l’annessione o volete la normalizzazione con il più importante Paese musulmano – e la porta d’accesso ad altre grandi nazioni musulmane come l’Indonesia e la Malesia?

Se riuscissimo a mettere sul tavolo questa scelta, quasi certamente la coalizione israeliana ne uscirebbe distrutta. Il ministro delle Finanze di estrema destra di Netanyahu, Bezalel Smotrich, ha avvertito tutti la settimana scorsa che “non faremo alcuna concessione ai palestinesi” per garantire un accordo di normalizzazione con l’Arabia Saudita. “È una finzione”, ha dichiarato.

Smotrich ha aggiunto che, anche se Israele è interessato a che gli Stati Uniti mediano un accordo con i sauditi, “non ha nulla a che fare con la Giudea e la Samaria”, riferendosi alla Cisgiordania con i suoi nomi biblici.

Solo per ricordare: Sin dalla Commissione Peel britannica del 1936, il movimento sionista e Israele hanno accettato che il quadro per risolvere il conflitto israelo-palestinese deve essere quello di due Stati per due popoli – attraverso il piano di spartizione dell’ONU del 1947, le risoluzioni 242 e 338 dell’ONU, Camp David, Oslo e infine gli Accordi di Abramo del 2020. Questo impegno israeliano è stato un pilastro fondamentale dell’alleanza con l’America.

L’attuale coalizione di Netanyahu è il primo governo israeliano in otto decenni che – come parte del suo accordo di coalizione – ha fissato come obiettivo dichiarato l’annessione israeliana della Cisgiordania o, come dice, “l’applicazione della sovranità in Giudea e Samaria”, rifiutando qualsiasi partizione.

L’America non può permettere che ciò accada. Netanyahu ha modificato unilateralmente i principi delle nostre relazioni e ci ha messo alla prova. È ora che gli Stati Uniti mettano alla prova il suo governo con una scelta chiara: annessione o normalizzazione.

Non faccio previsioni su cosa accadrebbe se ciò facesse esplodere la coalizione di Netanyahu. Nuove elezioni israeliane? O un governo di unità nazionale, con il centro-sinistra e il centro-destra israeliani che lavorano insieme per riportare il Paese alla sanità mentale?

Per ora, l’unica cosa di cui sono certo è ciò che deve essere fermato: Questa coalizione israeliana deve essere fermata. E, cosa ancora più importante, un cattivo accordo – che permetta a Netanyahu di schiacciare la Corte Suprema israeliana e di ottenere la normalizzazione dall’Arabia Saudita, pagando un prezzo così basso ai palestinesi che i fanatici di destra del suo gabinetto possano continuare a portare Israele verso un precipizio – deve assolutamente essere fermato.

Non è un accordo che Biden – uno dei migliori presidenti americani di sempre in politica estera – dovrebbe volere come parte della sua eredità, e non è un accordo che costituirebbe una base stabile per la partnership strategica saudita-israeliana che M.B.S. cerca.

Basta dire no. Fare altrimenti sarebbe vergognoso.

Thomas L. Friedman è editorialista del New York Times per gli affari esteri. Entrato a far parte del giornale nel 1981, ha vinto tre Premi Pulitzer. È autore di sette libri, tra cui “Da Beirut a Gerusalemme”, vincitore del National Book Award. @tomfriedman

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Stati Uniti, Iran, Turchia e Russia si contendono l’influenza nella Siria orientale

Next Story

La Corea del Nord può allungare la guerra in Ucraina

Latest from Medio Oriente

Go toTop