Tensione Israele-Hezbollah: studio israeliano prevede attacco a breve

14 Luglio 2023
alture del golan tensioni

Uno studio pubblicato giovedì dall’Alma Research and Education Center, un’organizzazione senza scopo di lucro che si dedica alla ricerca delle sfide per la sicurezza ai confini settentrionali di Israele, ha affermato che c’è un preciso tentativo da parte del gruppo terroristico Hezbollah, con sede in Libano, di aumentare l’attrito e portare a un confronto regionale a partire dal confine con Israele. “Hezbollah lancerà un’offensiva diretta contro le truppe dell’IDF vicino al confine”, si legge nel rapporto.

Il centro, che ha sede in Galilea, afferma che l’aumento della tensione è iniziato lo scorso giugno, quando i membri di Hezbollah hanno montato delle tende all’interno del territorio controllato da Israele, anche se alcuni fanno riferimento al lancio di razzi dal Libano, lo scorso aprile. Si è trattato del più intenso lancio di razzi attraverso il confine dalla fine della Seconda guerra del Libano del 2006. Sono 13 le località che il gruppo sostenuto dall’Iran sostiene essere territorio libanese occupato da Israele.

Mercoledì, l’IDF ha usato misure non letali per allontanare agenti di Hezbollah che hanno incendiato arbusti vicino al confine e fatto esplodere mine. Sempre mercoledì, alcune persone sul lato libanese del confine hanno acceso fuochi d’artificio e sono state respinte dalle truppe dell’IDF e dalle forze dell’UNIFIL e dell’esercito libanese. Alcuni sono riusciti a distruggere le telecamere di sicurezza poste vicino al valico di frontiera di Fatmah, fuori dalla città settentrionale di Metula.

Hezbollah ha cercato di interrompere gli sforzi dell’IDF per rafforzare le sue difese lungo il confine e ha attaccato le attrezzature pesanti utilizzate dalle forze israeliane. Le provocazioni degli operatori di Hezbollah sono state filmate e pubblicate sui social media e sono state considerate parte degli sforzi per preparare un confronto militare con Israele. Un portavoce militare ha dichiarato che i residenti del nord non hanno corso alcun pericolo a causa di questi atti di provocazione.

I funzionari locali hanno criticato il governo per non aver risposto in modo più definitivo e i residenti locali hanno riferito che i comandanti dell’IDF hanno detto loro che avevano le mani legate per ordini di Gerusalemme. Il sindaco di Metula, David Azulai, ha detto che i suoi residenti sono stati abbandonati dal governo e che la deterrenza di Israele lungo il confine settentrionale è stata erosa.

Il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha dichiarato nella tarda serata di mercoledì che le tende piantate dai suoi agenti si trovavano in territorio libanese e che se Israele avesse avuto un esercito in grado di vincere, avrebbe agito con la forza. “Israele sa che qualsiasi azione non sarà accettata e il nostro popolo sa cosa deve fare se Israele cerca di rimuovere le tende”, ha dichiarato.

Il Magg. Gen. Aharon Haliva ha dichiarato che l’esercito sta osservando le intenzioni di Nasrallah. “Faremo tutto ciò che è necessario per mantenere la calma lungo il confine”, ma ha messo in guardia Nasrallah dal valutare male le opzioni dell’IDF.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
netanyahu controllo gaza
Previous Story

Sostegno a Israele sempre, ma non a Netanyahu

Next Story

Bombe a grappolo e ipocrisia

Latest from Medio Oriente

Go toTop