Mentre le autorità russe hanno ripetutamente affermato di “salvare” i civili ucraini nei territori di cui hanno preso il controllo, coloro che sono sopravvissuti all’occupazione russa di Kherson affermano che le truppe hanno sistematicamente torturato i civili, a volte fino alla morte.

Trentaquattro persone intervistate da Human Rights Watch dopo che le forze russe si sono ritirate dall’area lo scorso novembre hanno descritto una serie di luoghi di tortura in tutta la regione, secondo un nuovo rapporto pubblicato giovedì.

I loro racconti sono solo gli ultimi di una lista in rapida crescita di accuse di crimini di guerra che includono stupri, torture, sparizioni forzate, esecuzioni extragiudiziali e una campagna genocida per cancellare l’identità ucraina.

Agenti del Servizio di sicurezza federale russo erano presenti per gran parte delle torture, hanno raccontato i sopravvissuti, e la violenza andava di pari passo con il tentativo di costringere le vittime ad abbracciare il loro nuovo “mondo russo”.

“Ogni giorno sentivamo le torture, sentivamo le urla. Il peggio è stato quando siamo stati costretti a cantare l’inno nazionale russo. Dovevamo stare sull’attenti e gridare “Gloria alla Russia!”… Quando qualcuno cantava… dovevamo applaudirlo. Se non applaudivamo [abbastanza forte], ci prendevano dalla cella e ci picchiavano di nuovo”, ha raccontato agli investigatori di HRW Leonid Remyga, 68 anni, medico capo di un ospedale locale.

Olha Strohan, 53 anni, ha descritto uno scenario simile. Ha detto di essere stata rapita e picchiata dalle forze russe che cercavano di dare la caccia al marito. Durante la prigionia ha visto le guardie costringere le altre prigioniere a cantare “Gloria a Putin!” e a cantare canzoni patriottiche russe, con la minaccia di essere picchiate se non avessero fatto ciò che era stato detto loro.

Altri hanno descritto di essere stati torturati con la corrente elettrica.

“Mi hanno messo degli elettrodi sull’orecchio e tra il quarto dito e il mignolo. È durato due ore, con delle pause. Mi sono seduto su uno sgabello. Hanno chiesto informazioni su… attivisti nel 2014… Negli interrogatori successivi… hanno minacciato di uccidermi. Mi dicevano, ad esempio, ‘Ti porteremo via, ti spareremo e nessuno ti troverà’… Mi dicevano anche ‘Ora ti metteremo un elettrodo sul pisello e ti fulmineremo’”, ha raccontato Roman Baklazhov, che ha trascorso 54 giorni in prigionia.

Un altro sopravvissuto, Serhiy Ihnativ, ha descritto minacce di stupro e mutilazioni per mano di soldati russi mascherati.

“Hanno iniziato a picchiarmi sulle gambe, sulle caviglie, e sono caduto. Mi hanno detto: “Stupreremo la tua ragazza davanti a te e ti taglieremo le palle””, ha raccontato a HRW.

Alcuni sopravvissuti hanno raccontato di aver letteralmente assistito con orrore alle torture a morte subite da altri prigionieri.

“Abbiamo sentito delle urla, come se qualcuno fosse stato picchiato. Poi è stato gettato nella cella con noi con le mani legate… Ha urlato forte per essere slegato. È stato picchiato e ha parlato di elettroshock. Abbiamo capito che era l’agricoltore Oleh Kovalyuk di Miroliubovka”, ha raccontato Serhiy Urodlivichenko. “È morto dopo 20 minuti. Abbiamo chiamato le guardie e abbiamo detto che era morto… Il giorno dopo hanno portato via il corpo. Cioè, il suo corpo è rimasto in cella per un giorno”.