Secondo gli analisti, i raid contro i depositi di carburante in Russia e nella Crimea occupata potrebbero far parte del piano generale per la controffensiva dell’Ucraina, attesa da tempo e ad alto rischio, per riconquistare il territorio occupato.

Venerdì è scoppiato un incendio in una raffineria di petrolio a Krasnodar, nella Russia meridionale, che i funzionari locali hanno attribuito a un attacco di droni. Lo stesso impianto era stato colpito da un drone il giorno precedente.

Nell’ultima settimana, almeno cinque impianti di carburante russi vicino ai confini dell’Ucraina e in Crimea hanno subito attacchi simili, e altri due droni si sono schiantati sul tetto del Cremlino.

L’Ucraina ha una politica secondo la quale non rivendica attacchi sul territorio russo. Ma un popolare investigatore indipendente, che pubblica sotto pseudonimo, ha scritto: “L’aumento degli attacchi a lungo raggio sui depositi di carburante russi è molto probabilmente la preparazione di un’offensiva”.

Gli analisti militari hanno detto a i che gli attacchi sembrano classiche “operazioni di modellamento” volte a creare condizioni favorevoli per un attacco.

“Il problema per l’Ucraina è che ha annunciato la controffensiva da un po’ di tempo e i russi se l’aspettano”, afferma la dottoressa Marina Miron del Dipartimento di studi sulla difesa del King’s College di Londra.

“Quello che gli ucraini stanno facendo ora è cercare di modellare il campo di battaglia prendendo di mira i nodi logistici russi – le strutture per il carburante – per rendere la difesa il più difficile possibile per i russi. Perché in guerra, la difesa è sempre più facile dell’offesa”.

Gli attacchi riecheggiano l’uso da parte dell’Ucraina di lanciarazzi Himars per disturbare la logistica russa in vista delle sue offensive di successo dello scorso autunno, ha aggiunto il dottor Miron.

Distruggere le strutture di rifornimento potrebbe creare opportunità per le truppe in avanzata, suggerisce il dottor Kristian Gustafson, specialista di intelligence militare presso la Brunel University.

“L’Ucraina vuole sfondare la linea difensiva russa per sfruttare le aree posteriori meno difese”, ha detto. “I russi potrebbero avere una mobilità ridotta per rispondere perché non tutte le formazioni hanno il carburante necessario… e poi un gruppo di battaglia ucraino si scatena attraverso i loro spazi”.

Gli attacchi dei droni potrebbero anche avere lo scopo di diffondere confusione e caos, dando all’Ucraina l’elemento sorpresa di cui ha bisogno per lanciare un attacco, ha aggiunto.

Gli attacchi presentano un ulteriore elemento di guerra psicologica e informativa, in quanto l’Ucraina registra colpi che rafforzano il morale mentre dietro le linee nemiche i russi si chiedono perché i loro sistemi di difesa aerea abbiano fallito.

Mentre la Russia ha goduto di un vantaggio materiale in termini di carri armati, jet e artiglieria, i droni potrebbero essere un’area in cui l’Ucraina ha un vantaggio – e i recenti attacchi in Russia potrebbero essere un assaggio di ciò che accadrà durante un’offensiva.

Le forze ucraine si sono avvalse del settore tecnologico del Paese per costruire un arsenale di droni con funzioni che vanno dal lancio di granate alla ricognizione e alle operazioni di salvataggio.

Un’importante campagna di raccolta fondi per un “esercito di droni” – guidata dall’attore di Star Wars Mark Hamill – sostiene di aver raccolto più di 325 milioni di dollari in vista dell’offensiva, quando si prevede che i droni giocheranno un ruolo di primo piano.

Una fonte vicina alla leadership ucraina ha dichiarato a i che i veicoli aerei senza pilota potrebbero servire come missili a lungo raggio che gli Stati Uniti si sono rifiutati di fornire. I casi ripetuti di droni che volano per centinaia di chilometri attraverso lo spazio aereo russo senza essere abbattuti suggeriscono che potrebbero svolgere questa funzione.

Blake Resnick, amministratore delegato di Brinc drones, che ha fornito decine di droni alle forze armate ucraine, afferma che stanno utilizzando un “ecosistema” di modelli diversi con capacità differenti per compensare i vantaggi della Russia.

Resnick afferma che lui e gli altri fornitori sono sollecitati dai partner ucraini a migliorare i loro prodotti e ad adattarli meglio all’uso sul campo di battaglia; più resistenti, più semplici da usare e – cosa fondamentale – meglio collegati per lavorare insieme.

“Penso che ciò che è veramente innovativo e rivoluzionario sia la scala in cui queste cose vengono dispiegate”, ha detto, sollevando la prospettiva di un assalto in stile “shock and awe”. L’Ucraina sta migliorando le proprie capacità di rete e la resistenza agli attacchi di guerra elettronica.

Quest’ultimo può aiutare a spiegare come i droni siano riusciti a penetrare così tanto nello spazio aereo russo senza essere abbattuti.

Secondo Resnick, un metodo consiste nel rimuovere i sistemi di guida satellitare che possono essere disturbati. Un altro consiste nel volare abbastanza basso da evitare i radar. Esistono anche sistemi di guida più sofisticati in grado di riconoscere e rispondere all’ambiente circostante.

“È probabile che l’Ucraina utilizzi una serie di queste strategie”, ha detto.

Mentre i funzionari ucraini mantengono il massimo riserbo sullo stato dell’imminente avanzata, che potrebbe rivelarsi decisiva per l’esito della guerra, i segnali si moltiplicano.

Le forze russe si stanno attestando su posizioni difensive. Il terreno si sta indurendo dopo il fango primaverile. Gli hub logistici sono sotto tiro.

I difensori dell’Ucraina e il loro esercito di droni potrebbero trovarsi di fronte al momento della verità.