onu antisemita

Venerdì mattina il primo ministro Yair Lapid ha criticato un rapporto delle Nazioni Unite che accusa Israele di aver violato il diritto internazionale, nell’ambito di un’inchiesta in corso su presunte violazioni dei diritti in Israele, Cisgiordania e Striscia di Gaza dopo gli 11 giorni di combattimenti dello scorso anno tra Israele e il gruppo terroristico Hamas.

«Proprio perché non ero primo ministro all’epoca dell’operazione ‘Guardiano delle mura’, mi sento in dovere di sottolinearlo: Il rapporto delle Nazioni Unite sull’operazione è parziale, falso, incitante e palesemente sbilanciato», ha dichiarato Lapid su Twitter, riferendosi al conflitto del 2021.

«Non tutte le critiche a Israele sono antisemite, ma questo rapporto è stato scritto da antisemiti (come Israele ha già rivelato) ed è un rapporto decisamente antisemita», ha aggiunto.

La Commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite ha pubblicato giovedì il suo secondo rapporto, chiedendo al Consiglio di Sicurezza di porre fine all'”occupazione permanente” di Israele e ai singoli Stati membri dell’ONU di perseguire i funzionari israeliani.

Il documento di 28 pagine, che sarà presentato all’Assemblea Generale il 27 ottobre, accusa Israele di aver violato il diritto internazionale rendendo permanente il suo controllo sulla Cisgiordania e annettendo terre rivendicate dai palestinesi a Gerusalemme e in Cisgiordania e terre siriane nelle alture del Golan.

«Le azioni di Israele che costituiscono un’annessione de facto comprendono l’espropriazione di terre e risorse naturali, la creazione di insediamenti e avamposti, il mantenimento di un regime di pianificazione e costruzione restrittivo e discriminatorio per i palestinesi e l’estensione della legge israeliana in modo extraterritoriale ai coloni israeliani in Cisgiordania», si legge nel rapporto.

Ha inoltre accusato Israele di politiche discriminatorie nei confronti dei cittadini arabi, di furto di risorse naturali e di violenza di genere contro le donne palestinesi.

Il rapporto non menziona mai e in nessun caso le parole «Hamas», «razzi» o «terrorismo».

Redazione RR

La commissione ha citato «motivi ragionevoli» per concludere che la presenza di Israele in Cisgiordania «è ormai illegale secondo il diritto internazionale a causa della sua permanenza» e delle «politiche di annessione de facto» del governo israeliano.

«Ignorando il diritto internazionale nell’istituire o facilitare la creazione di insediamenti e trasferendo direttamente o indirettamente civili israeliani in questi insediamenti, i governi israeliani che si sono succeduti hanno posto in essere fatti che garantiscono il controllo israeliano permanente in Cisgiordania», ha dichiarato Navi Pillay, ex capo delle Nazioni Unite per i diritti umani che presiede la commissione.

Il rapporto non menziona mai e in nessun caso le parole «Hamas», «razzi» o «terrorismo».

Israele si è rifiutato di collaborare con la commissione e non le ha concesso di entrare in Israele o di accedere alle aree controllate dai palestinesi in Cisgiordania e a Gaza.

La missione israeliana a Ginevra ha respinto il rapporto, affermando che: «I commissari che hanno fatto commenti antisemiti e che si sono impegnati proattivamente nell’attivismo anti-israeliano, sia prima che dopo la loro nomina, non hanno alcuna legittimità né credibilità nell’affrontare la questione in questione».

L’ambasciata ha aggiunto che il rapporto danneggia la credibilità dell’ONU e i suoi meccanismi per i diritti umani.

Pillay è a capo dell’inchiesta aperta ed è affiancata dall’indiano Miloon Kothari, il primo relatore speciale delle Nazioni Unite per un “alloggiamento adeguato” (???), e dall’australiano Chris Sidoti, esperto di diritto internazionale dei diritti umani.

Kothari ha scatenato un putiferio dopo che quest’estate, in un podcast, ha parlato contro la “lobby ebraica” e ha messo in discussione l’inclusione di Israele nelle Nazioni Unite, scatenando accuse di antisemitismo da parte di Israele e richieste di dimissioni. Pillay ha difeso Kothari e ha detto che i suoi commenti erano stati deliberatamente contestualizzati. Kothari si è poi scusato.

In precedenza, Sidoti aveva respinto le accuse di antisemitismo rivolte alla commissione, affermando che queste venivano “lanciate come il riso a un matrimonio”.

la commissione è «fondamentalmente contaminata dai pregiudizi pubblicamente espressi dalla sua leadership, che non soddisfa gli standard fondamentali di neutralità, indipendenza e imparzialità richiesti dalle Nazioni Unite»

Yair Lapid

La commissione è stata istituita l’anno scorso durante una sessione speciale del Consiglio nel maggio 2021 – a seguito dei combattimenti tra Israele e terroristi palestinesi nella Striscia di Gaza – quando il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha incaricato l’organismo di indagare su «tutte le presunte violazioni del diritto umanitario internazionale e su tutte le presunte violazioni e abusi del diritto internazionale dei diritti umani» in Israele, Gerusalemme Est, Cisgiordania e Gaza.

La commissione è stata la prima ad avere un mandato aperto da parte dell’organismo delle Nazioni Unite per i diritti – piuttosto che essere incaricata di indagare su un crimine specifico – e i critici sostengono che un tale controllo permanente mostri un pregiudizio anti-israeliano nel Consiglio dei 47 Stati membri. I sostenitori sostengono invece che la commissione sia un modo per tenere d’occhio le ingiustizie subite dai palestinesi sotto decenni di dominio israeliano.

Il suo primo rapporto, un documento di 18 pagine pubblicato a giugno, incolpava la “persistente discriminazione dei palestinesi” da parte di Israele per la violenza tra le due parti.

In seguito ai commenti di Kothari quest’estate, Israele ha chiesto di sciogliere immediatamente la commissione. Lapid ha dichiarato a fine luglio che la commissione è «fondamentalmente contaminata dai pregiudizi pubblicamente espressi dalla sua leadership, che non soddisfa gli standard fondamentali di neutralità, indipendenza e imparzialità richiesti dalle Nazioni Unite».