Afghanistan: campagna per salvare ragazzina stuprata e maltratta da leader talebano

2 Settembre 2022

I Talebani hanno annunciato di aver arrestato e che presto condanneranno una donna afghana che, in un video diffuso sui social media all’inizio della settimana, ha dichiarato che un alto funzionario talebano l’ha costretta al matrimonio e l’ha violentata ripetutamente.

Nel video, la donna, che si è identificata solo con il nome di battesimo Elaha, piangeva mentre descriveva di essere stata picchiata e violentata dall’ex portavoce del Ministero degli Interni talebano Saeed Khosti.

Ha detto che stava parlando da un appartamento di Kabul dove i talebani l’avevano confinata dopo che aveva tentato di fuggire dal Paese, e ha implorato di essere salvata.

“Queste potrebbero essere le mie ultime parole. Mi ucciderà, ma è meglio morire una volta che morire ogni volta”, ha detto.

Mercoledì scorso, un giorno dopo la pubblicazione del video, la Corte Suprema gestita dai Talebani ha dichiarato in un tweet che Elaha era stata arrestata per diffamazione su ordine del giudice capo Abdul Hakeem Haqqani. Senza menzionare alcun processo in corso, ha affermato che “presto sarà condannata secondo la Sharia”.

“Nessuno è autorizzato a danneggiare il nome dei mujahidin o a diffamare l’Emirato islamico dell’Afghanistan e i 20 anni di santa jihad”, si legge, riferendosi ai Talebani e alla loro guerra contro le truppe guidate dagli Stati Uniti e il governo alleato degli Stati Uniti che gli insorti integralisti hanno rovesciato poco più di un anno fa.

Da quando i Talebani hanno preso il controllo del Paese nell’agosto 2021, gli attivisti afghani hanno denunciato un aumento dei matrimoni forzati di donne, compresi i casi in cui i Talebani hanno costretto le donne a sposarsi intimidendo loro o le loro famiglie.

Nel video, Elaha si è dichiarata studentessa di medicina all’Università di Kabul e figlia di un generale dei servizi segreti del precedente governo. Ha detto che Khosti l’ha costretta a sposarsi sei mesi fa, quando ancora ricopriva la carica di portavoce. Khosti ha cercato di far sposare sua sorella con un altro ufficiale talebano, ma la sua famiglia è riuscita a fuggire.

“Saeed Khosti mi picchiava spesso. Ogni notte mi violentava”, ha detto la donna, scoppiando in lacrime.

Ha raccontato di aver cercato di fuggire nel vicino Pakistan, ma i Talebani l’hanno arrestata al valico di frontiera e l’hanno riportata a Kabul, confinandola in un appartamento. Dopo averla riportata a casa, ha sentito un membro dei Talebani dire a Khosti che aveva vissuto per 20 anni sotto il precedente governo e che avrebbe dovuto essere lapidata come infedele.

Nei tweet di mercoledì, Khosti ha confermato di aver sposato Elaha, ma ha negato di averla maltrattata. “Vi assicuro che non ho fatto nulla di illegale”, ha scritto. Negli ultimi mesi, Khosti è stato trasferito dal suo incarico di portavoce e non è chiaro quale sia la sua nuova posizione.

Khosti ha detto di aver divorziato da Elaha dopo aver scoperto che “ha un problema nella sua fede” e l’ha accusata di aver insultato il libro sacro dell’Islam, il Corano.

Il video di Elaha è stato ampiamente condiviso su Facebook, Twitter e gruppi WhatsApp, scatenando un’ondata di richieste di aiuto e denunce ai Talebani da parte di attiviste donne.

Da quando hanno preso il potere, i Talebani hanno imposto crescenti restrizioni alle donne. Hanno impedito a molte donne di lavorare, hanno impedito alle adolescenti di andare a scuola e hanno imposto alle donne in pubblico di coprirsi completamente tranne che per gli occhi.

Il mondo si è rifiutato di riconoscere il governo dei Talebani, chiedendo loro di rispettare i diritti umani e di mostrare tolleranza nei confronti di altri gruppi.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Ecco chi ha veramente ucciso i civili palestinesi a Gaza

Next Story

Perché Israele attacca sempre più spesso gli aeroporti siriani

Latest from Società e cronaca

Go toTop