australia nazisti e neonazismo
Australia: neonazisti e antisemiti espongono un cartello con scritto «Hitler aveva ragione» in una autostrada australiana

Australia, Rights Reporter – Tre uomini australiani del Queensland che l’anno scorso avevano esposto uno striscione filonazista su un’autostrada e affisso altro materiale offensivo in aree pubbliche sono stati arrestati dalla polizia antiterrorismo e accusati di terrorismo.

La polizia ha arrestato i tre uomini dopo che le perquisizioni nelle loro case di Toowong, Pimpama e Oxenford avevano portato alla luce una grande quantità di materiale di propaganda nazista, tra cui striscioni, adesivi e volantini.

La polizia ha affermato che un 42enne di Oxenford e un 21enne di Toowong hanno esposto uno striscione con la scritta “Hitler aveva ragione” sulla Pacific Highway a Helensvale a novembre.

L’uomo di Pimpama, 20 anni, è stato accusato di aver affisso simboli offensivi e non è stato ritenuto collegato agli altri.

Gli investigatori hanno affermato che i tre uomini sono responsabili di “una serie di incidenti” che hanno danneggiato le infrastrutture, causato preoccupazioni alla comunità e affisso immagini offensive in pubblico.

Le accuse riguardano principalmente danni intenzionali, disturbo pubblico e violazione delle leggi in merito alla detenzione di materiale filonazista.

Nel maggio dello scorso anno, il governo del Queensland aveva promesso di vietare l’esposizione di simboli di odio, ma non è riuscito a presentare una legge al Parlamento entro la fine del 2022, come sperava. Un portavoce ha dichiarato che il governo si stava ancora consultando per garantire che le riforme fossero a prova di bomba.

Questo mese, i residenti dei sobborghi di Brisbane di Auchenflower e Paddington hanno segnalato la presenza di volantini neonazisti nelle cassette delle lettere.

Tutti e tre dovrebbero comparire davanti alla Brisbane Magistrates Court il 28 febbraio.

Il sovrintendente ad interim Leonie Steyger, comandante delle operazioni del Counter-Terrorism Investigation Group, ha dichiarato che non ci sono indicazioni che facciano parte di gruppi terroristici più grandi e organizzati oltre a quelli locali nel Queensland e che quindi si tratterebbe di terrorismo interno.

“I responsabili rappresentano una piccolissima minoranza della nostra comunità e la mia squadra continuerà a perseguire individui che seguono questa ideologia” ha poi dichiarato.