X ex Twitter boicotta Yulia Navalnaya

Martedì la piattaforma di social media X ha temporaneamente sospeso un account creato da Yulia Navalnaya, la vedova di Aleksei Navalny, per poi ripristinarlo, dicendo che era stato erroneamente segnalato dai suoi protocolli di sicurezza automatici.

La signora Navalnaya ha aperto l’account lunedì per annunciare che avrebbe continuato il lavoro del marito a favore di una Russia libera, pacifica e democratica, dopo la morte del marito in una remota prigione dell’Artico. Più di 90.000 utenti hanno seguito l’account nelle prime 24 ore.

Martedì, però, l’account e la sua attività sono improvvisamente scomparsi, sostituiti dalla scritta “Account sospeso” e da una nota secondo cui X – la società di social media precedentemente nota come Twitter – “sospende gli account che violano le X Rules”.

account sospeso

“Il meccanismo di difesa della nostra piattaforma contro la manipolazione e lo spam ha erroneamente segnalato @yulia_navalnaya come una violazione delle nostre regole”, ha scritto il team di sicurezza di X sulla piattaforma martedì. “Abbiamo sospeso l’account non appena ci siamo resi conto dell’errore e aggiorneremo la difesa”.

All’inizio della giornata, la signora Navalnaya ha scritto sul social network Telegram che “Twitter ha imposto restrizioni sul mio account, che ho aperto ieri”.

“Secondo il servizio Shadowban Test, i miei tweet non vengono visualizzati nelle ricerche, e se si inserisce il mio nome nella barra di ricerca, la mia pagina non viene consigliata tra le raccomandazioni”, ha scritto (PROVARE PER CREDERE).

Dopo il ripristino dell’account, si sono aggiunti decine di migliaia di nuovi follower.

La breve sospensione è avvenuta poco dopo che la madre di Navalny, Lyudmila Navalnaya, ha pubblicato su YouTube un video indirizzato al Presidente Vladimir V. Putin in cui chiedeva il rilascio del corpo del figlio.

“Ti chiedo, Vladimir Putin, di farmi finalmente vedere mio figlio”, ha detto la signora Navalnaya, 69 anni, in piedi davanti alla colonia penale artica dove venerdì è stato dichiarato morto Navalny.

“È il quinto giorno che non riesco a vederlo, non mi rilasciano il suo corpo, non mi dicono nemmeno dove si trova”, ha detto. “Chiedo che il corpo di Aleksei venga rilasciato immediatamente in modo da poterlo seppellire in modo umano”.

Alle sue spalle, una recinzione sormontata da una bobina di filo spinato segnava il perimetro della prigione. Il video appare anche sull’account X ripristinato di Yulia Navalnaya.

Lunedì, una portavoce dell’organizzazione di Navalny ha dichiarato che gli investigatori hanno detto alla signora Navalnaya che il corpo di Navalny non sarebbe stato rilasciato per almeno altre due settimane.

Martedì il Ministero degli Affari Interni russo ha annunciato di aver inserito il fratello di Navalny, Oleg, in una lista di ricercati. L’agenzia di stampa statale russa TASS, citando le forze dell’ordine, ha dichiarato che è stato aperto un nuovo procedimento penale contro Oleg Navalny, senza specificare quale legge o quali leggi sia stato accusato di aver violato. Tuttavia, il sito indipendente Mediazona ha scritto su X che Oleg Navalny è nel database dei ricercati dal 2022.

Oleg Navalny è stato condannato a tre anni e mezzo di carcere nel 2014 con l’accusa di frode. I critici del Cremlino sostengono da tempo che le accuse contro di lui sono state fabbricate con l’intento di mettere a tacere il fratello.

Si ritiene che Oleg Navalny viva in esilio fuori dalla Russia.