Gazprom alla canna del gas per le sanzioni alla Russia

Coloro che affermano che le sanzioni alla Russia non funzionano lo vadano a dire ai vertici di Gazprom i quali hanno dichiarato una perdita netta di 7 miliardi di dollari a causa delle mancate vendite all'Europa e uno scarso risultato delle vendite alla Cina che doveva essere il sostituto ideale del vecchio continente
13 Maggio 2024
gazprom perdite per 7 miliardi di dollari

Gazprom, il colosso energetico di proprietà del Cremlino, un tempo l’azienda più redditizia della Russia, potrebbe dover affrontare un lungo periodo di risultati negativi, poiché non riesce a colmare il vuoto delle mancate vendite di gas all’Europa nonostante il suo mercato interno e le esportazioni cinesi. 

La società ha recentemente annunciato una perdita netta annuale di 7 miliardi di dollari, la prima dal 1999, a seguito del forte calo degli scambi con l’Europa. 

I problemi di Gazprom riflettono il profondo impatto che le sanzioni europee hanno avuto sull’industria russa del gas, nonché i limiti della crescente partnership di Mosca con la Cina. 

L’impatto delle sanzioni internazionali sulle esportazioni di petrolio è stato più facile da assorbire per Mosca, perché la Russia è stata in grado di riorientare le esportazioni di petrolio via mare verso altri acquirenti. 

Gazprom ha fatto affidamento sull’Europa come principale mercato di vendita fino al 2022, quando il conflitto della Russia con l’Ucraina ha spinto l’UE a tagliare le importazioni di gas di Gazprom. 

Secondo i dati di Gazprom e i calcoli di esperti, nel 2022 la Russia ha fornito all’Europa un totale di circa 63,8 miliardi di metri cubi (bcm) di gas attraverso varie rotte. Il volume è diminuito ulteriormente, del 55,6%, a 28,3 miliardi di metri cubi lo scorso anno. 

Questo rispetto al picco di 200,8 miliardi di metri cubi che Gazprom ha pompato nel 2018 verso l’UE e altri Paesi, come la Turchia. 

Anche le misteriose esplosioni ai gasdotti sottomarini Nord Stream dalla Russia alla Germania nel settembre 2022 hanno compromesso in modo significativo il commercio di gas russo con l’Europa. 

La Russia si è rivolta alla Cina, cercando di aumentare le vendite di gas tramite gasdotto fino a 100 bcm all’anno entro il 2030. Alla fine del 2019 Gazprom ha iniziato a fornire gasdotto alla Cina attraverso il Power of Siberia. 

Entro la fine di quest’anno prevede di raggiungere la capacità annuale di 38 miliardi di metri cubi di Power of Siberia, mentre Mosca e Pechino hanno concordato nel 2022 l’esportazione di 10 miliardi di metri cubi dall’isola di Sakhalin, nel Pacifico. 

La più grande speranza della Russia è il gasdotto Power of Siberia 2 attraverso la Mongolia, che dovrebbe esportare 50 miliardi di metri cubi all’anno. Ma questo progetto ha incontrato qualche insidia a causa della mancanza di un accordo sui prezzi e su altre questioni. 

“Anche se Gazprom otterrà ulteriori entrate dalle esportazioni quando tutti i gasdotti saranno operativi, non sarà mai in grado di compensare completamente il business che ha perso nei confronti dell’Europa”, ha dichiarato Kateryna Filippenko, direttore della ricerca sul gas e sul GNL di Wood Mackenzie. 

 SOGNO CINESE? 

La Russia ha anche lottato finora per stabilire un centro commerciale per il gas in Turchia, un’idea lanciata per la prima volta dal presidente Vladimir Putin nell’ottobre 2022. Da allora non è stato registrato alcuno sviluppo significativo. 

Anche se Gazprom riuscisse a rendere operativa la sua fornitura di gasdotti alla Cina, i ricavi delle vendite sarebbero molto più bassi rispetto all’Europa. 

Secondo il brokeraggio BCS, con sede a Mosca, le entrate di Gazprom dalle vendite di gas all’Europa nel periodo 2015-2019 sono state in media di 3,3 miliardi di dollari al mese, grazie a forniture mensili di 15,5 miliardi di metri cubi. 

Considerando un prezzo di 286,9 dollari per 1.000 metri cubi, come riportato dal ministero dell’Economia russo, e le esportazioni di gas di Gazprom pari a 22,7 miliardi di metri cubi l’anno scorso, il valore totale del gas venduto dalla compagnia alla Cina potrebbe raggiungere i 6,5 miliardi di dollari per tutto il 2023. 

Gazprom non ha rivelato separatamente i ricavi delle vendite all’Europa o alla Cina per il 2023. 

Il dottor Michal Meidan, responsabile del China Energy Research presso l’Oxford Institute for Energy Studies, ha dichiarato che è improbabile che la Cina sostituisca l’Europa alla Russia come mercato di esportazione del gas altamente redditizio. 

“La Cina offre alla Russia uno sbocco, ma a prezzi e ricavi molto più bassi rispetto all’Europa”, ha dichiarato. 

Nel 2023, il gas russo è stato venduto in Cina a 6,6 dollari per milione di unità termiche britanniche (mmBtu) e a un prezzo leggermente inferiore nel primo trimestre del 2024, pari a 6,4 dollari/mmBtu. 

Questo rispetto a un prezzo medio del gas russo in Europa di 12,9 dollari/mmBtu l’anno scorso. 

Secondo un documento interno trapelato il mese scorso, la Russia prevede che il prezzo del gas per la Cina continuerà a diminuire gradualmente nei prossimi quattro anni, mentre lo scenario peggiore non esclude un calo del 45% a 156,7 dollari per 1.000 metri cubi (circa 4,4 dollari per mmBtu) nel 2027 rispetto al 2023. 

Non è stato detto cosa potrebbe far scendere i prezzi, ma la Russia sta affrontando la rivalità di altri fornitori di gasdotti per la Cina, come il Turkmenistan, oltre al gas naturale liquefatto trasportato via mare. 

I dati finanziari di Gazprom, che comprendono anche le sue unità petrolifere ed energetiche, hanno mostrato che i ricavi del settore del gas naturale si sono più che dimezzati l’anno scorso, arrivando a poco più di 3,1 trilioni di rubli, mentre le vendite di petrolio e condensati di gas sono ammontate a 4,1 trilioni di rubli, con un aumento del 4,3%, secondo il brokeraggio BCS. 

Alexei Belogoriyev, dell’Istituto per l’energia e la finanza di Mosca, ha affermato che sarebbe impossibile per Gazprom ripristinare la redditività basandosi esclusivamente sulle sue attività nel settore del gas. 

Secondo Belogoriyev, il passaggio strategico alla produzione e all’esportazione di ammoniaca, metanolo e altri prodotti di trasformazione del gas è possibile, ma non darà un ritorno rapido. 

“Allo stesso tempo, le prospettive di Power of Siberia 2 rimangono vaghe: La Cina molto probabilmente non avrà bisogno di tante importazioni aggiuntive nel 2030 a causa del probabile rallentamento della crescita della domanda e degli alti tassi di produzione interna di gas”, ha concluso Belogoriyev. 

 

Vasyl Bodnar

Italo - Ucraino tornato in patria per difenderla dall'invasore russo. Laureato in scienze politiche, analista per l'Est Europa, hacker etico per RR

SOSTIENICI USANDO STRIPE

guerra a gaza mette a rischio egitto
Previous Story

Egitto contro Israele alla Corte Penale Internazionale

joe biden sta con hamas o con israele
Next Story

Ma Joe Biden, sta con Israele oppure sta con Hamas?

Latest from Guerra Ucraina

Go toTop