Come l’Iran recluta musulmani britannici per colpire obiettivi ebraici in GB

11 Febbraio 2024
iran recluta musulmani britannici per colpire obiettivi ebraici

Nuove rivelazioni sono emerse sulle attività clandestine dell’Iran in Occidente: il Daily Mail ha riportato venerdì che Teheran sta reclutando sciiti britannici per spiare ebrei e dissidenti nel Regno Unito.

Citando funzionari israeliani e britannici, il rapporto afferma che gli agenti dell’IRGC avvicinano i musulmani britannici che visitano i siti sacri sciiti in Iran e in Iraq per reclutarli a fini di spionaggio.

“Viene detto loro di tornare nel Regno Unito e di raccogliere informazioni su ebrei britannici di spicco o su obiettivi come le sinagoghe”, ha aggiunto il rapporto.

Kasra Aarabi, del gruppo di difesa United Against Nuclear Iran, ha osservato che l’IRGC si è concentrato sull’impiego di musulmani britannici provenienti per lo più da Libano, Iraq e Pakistan, perché gli iraniani residenti nel Regno Unito sono solitamente laici e anti-regime e quindi non cooperano con i piani maligni di Teheran.

Aarabi ha citato l’annuale raduno religioso di Arbaeen nella città santa irachena di Karbala come un’occasione in cui i reclutatori dell’IRGC sono molto attivi, poiché l’evento raccoglie ogni anno fino a 20 milioni di pellegrini sciiti da tutto il mondo. Nel Regno Unito vivono circa 400.000 musulmani sciiti.

Dopo l’attacco di Hamas del 7 ottobre, Israele ha ripetutamente messo in guardia il Regno Unito contro i potenziali attacchi del regime iraniano e dei suoi proxy sul suolo britannico, ha detto un funzionario israeliano. Già a ottobre era stato riferito che gli agenti iraniani stavano fomentando disordini nel Regno Unito attraverso le proteste per Gaza.

Il Daily Mail ha aggiunto che, secondo gli esperti, alcuni iraniani entrati nel Regno Unito apparentemente con visti per studenti sono in realtà spie del regime.

“Non conosciamo l’entità degli agenti iraniani in Europa e nel Regno Unito, ma è sufficiente che uno di loro sfugga alla rete”, ha dichiarato il Daily Mail citando una fonte anonima.

Nel frattempo, un funzionario del governo britannico ha confermato che l’IRGC ha fatto ricorso a reti criminali organizzate con sede nel Regno Unito quando intendeva uccidere o rapire i suoi obiettivi in territorio britannico. Secondo il Daily Mail, l’IRGC ha adottato questa politica perché è molto difficile per le spie iraniane operare liberamente nel Regno Unito.

In un’intervista rilasciata a Iran International TV, l’analista politico Damoun Mohammadi ha invitato gli Stati europei ad adottare una posizione più dura nei confronti dei complotti di Teheran contro i dissidenti iraniani all’estero, avvertendo che l’inazione dell’Europa può portare al successo dei complotti del regime per intimidire i suoi oppositori.

Secondo l’analista, la Repubblica islamica ha preso di mira i suoi oppositori nei Paesi europei da quando è salita al potere nel 1979, ma di recente ha incrementato le sue operazioni, dato che le attività dei dissidenti con sede all’estero si sono notevolmente ampliate.

L’emittente britannica ITV ha rivelato nel dicembre 2023 che l’IRGC stava complottando per assassinare due conduttori televisivi di Iran International a Londra nel 2022, nel contesto delle proteste antigovernative iraniane.

In seguito al servizio di ITV, il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha convocato l’incaricato d’affari dell’Iran. All’Iran deve essere inviato “un messaggio incredibilmente chiaro: questa escalation non sarà tollerata”, ha sottolineato Cameron.

L’anno scorso, Iran International ha temporaneamente trasferito le sue trasmissioni televisive da Londra a Washington, a causa di minacce terroristiche. La decisione di sospendere le trasmissioni di Iran International dalla capitale britannica è stata presa dopo l’arresto di un cittadino austriaco, Mohammad-Hussein Dovtaev, avvenuto il 13 febbraio 2023.

L’uomo è stato trattenuto mentre effettuava delle riprese all’esterno della sede della rete. La Corte penale centrale dell’Inghilterra ha condannato Dovtaev a tre anni e mezzo di prigione per aver tentato di raccogliere informazioni “che potrebbero essere utili a una persona che commette o prepara un atto di terrorismo”.

Nell’ottobre 2023, Ken McCallum, direttore generale dell’MI5, il servizio di sicurezza del Regno Unito, ha dichiarato che, in mezzo alla guerra tra Hamas, sostenuto dall’Iran, e Israele, la Repubblica islamica potrebbe esplorare nuovi modi per minacciare la sicurezza della Gran Bretagna.

“L’Iran è stato una fonte crescente di preoccupazione e di compiti per l’MI5 soprattutto negli ultimi 18 mesi”, ha dichiarato McCallum.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

guerra hamas israele valico di rafah con egitto
Previous Story

Tutti gli errori di Israele che hanno portato all’incubo di Rafah

campo profughi palestinese a rafah confine israele egitto
Next Story

Il mondo si oppone ad un attacco israeliano a Rafah

Latest from Senza categoria

Burkina Faso: nuovo golpe militare

A pochi giorni dalle elezioni che avrebbero dovuto portare alla democrazia in Burkina Faso, previste per il prossimo 11 ottobre, i militari hanno deposto
Go toTop