Putin si mostra trionfante mentre gli aiuti a Kiev sono bloccati

19 Dicembre 2023
putin trionfante a mosca per natale 2023

Mosca è in pieno spirito natalizio con pochi, se non nulli, segni esteriori del fatto che è una capitale in guerra, con le perdite russe in Ucraina stimate a più di 300.000 morti o feriti, che aumentano di giorno in giorno.

Centinaia di moscoviti hanno recentemente fatto ore di coda nel freddo invernale per i biglietti dello “Schiaccianoci”. Lo scorso fine settimana una festa techno è stata animata da DJ provenienti dalla Spagna e dall’Europa dell’Est. Persino una serie di attacchi di droni ucraini sulla città negli ultimi mesi ha fatto appena un po’ di rumore.

Avvolti da un ampio budget cittadino – e relativamente non toccati dalle ondate di arruolamenti militari che hanno colpito le regioni russe – la maggior parte dei residenti può chiudere gli occhi sul conflitto feroce che si sta consumando 500 miglia a ovest.

All’interno del Cremlino, l’umore sembra ancora migliore, o almeno questo è il messaggio ufficiale.

Con gli aiuti occidentali all’Ucraina in fase di stallo a Washington e Bruxelles a causa della fallita controffensiva di Kiev, e con le linee del fronte in una situazione di stallo con la Russia che occupa circa il 30% del territorio ucraino, il Presidente Vladimir Putin sta concludendo il 2023 con una nota trionfale.

“Sono certo che la vittoria sarà nostra”, ha dichiarato giovedì Putin durante la sua prima conferenza stampa annuale dall’invasione del febbraio 2022.

Durante la conferenza stampa, che è stata abbinata al suo call-in show per i cittadini, Putin ha scherzato con giornalisti ed elettori, si è vantato del fatto che l’economia russa si è “ripresa” dalle sanzioni occidentali e ha affermato che “le nostre forze armate stanno migliorando la loro posizione quasi lungo tutta la linea di contatto”.

È stato un tono molto diverso rispetto alle apparizioni pubbliche tese e altamente coreografiche che Putin ha fatto quando le sue truppe hanno subito ripetute battute d’arresto sul campo di battaglia nel 2022, e senza la furia che ha mostrato in un discorso televisivo a giugno dopo che le forze mercenarie di Wagner hanno inscenato un breve ammutinamento.

Nelle ultime settimane Putin ha persino ripreso a viaggiare all’estero, cosa che il Cremlino aveva limitato anche prima che la Corte penale internazionale dell’Aia emettesse i mandati di arresto che lo accusavano di crimini di guerra. Putin ha visitato l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, generando una copertura adulatoria da parte dei media russi.

“Amici intimi: come i tentativi di isolare la Russia sono andati in frantumi”, recitava la copertina di Kommersant Money, un inserto settimanale del principale quotidiano finanziario.

“Per due anni avete nutrito i vostri elettori in Occidente con il mito dell’isolamento di Vladimir Putin, in modo che poi il mondo intero potesse vedere come il cielo sopra Abu Dhabi fosse dipinto con i colori del tricolore russo”, ha scritto David Narmaniya, editorialista del sito di notizie RIA Novosti. “Il mito che è stato alimentato per due anni è morto in due giorni”.

Mentre alcuni elettori russi hanno usato il call-in show per fare pressione su Putin riguardo all’aumento dell’inflazione, in particolare al costo elevato delle uova, l’economia si è dimostrata estremamente resistente. Il rublo è rimasto forte, grazie all’intervento della banca centrale, e le aziende russe si sono mosse per capitalizzare la partenza dei marchi internazionali.

“Stiamo addirittura assistendo a un enorme aumento della nostra clientela giovane che non può più andare da Zara o H&M”, ha dichiarato un negoziante di LinoRusso, un marchio di abbigliamento russo che importa ancora i suoi tessuti dall’Italia. Alcuni russi fuggiti dalle turbolenze socio-economiche dell’invasione sono poi tornati, trovando la vita all’estero troppo difficile.

Putin, che sta concludendo il suo 24° anno di leadership russa, si sta avviando verso la rielezione in un voto di marzo che sarà poco più di una nuova incoronazione. Questo ha lasciato i suoi sostenitori a festeggiare i risultati ottenuti dalla Russia.

“Direi che abbiamo fatto l’impossibile, ma è questo che rende la Russia così unica: Operiamo bene e ancora meglio sotto la pressione esterna”, ha dichiarato Maria Butina, che ha scontato il carcere negli Stati Uniti per aver operato come agente straniero non registrato. Oggi è membro del parlamento russo e conduce un talk show quattro volte a settimana su uno dei principali canali statali. “La nostra lunga storia ci ha insegnato a farlo”, ha detto Butina.

Facendo eco a Putin, Butina ha detto che la guerra non finirà finché la Russia non raggiungerà i suoi obiettivi: “denazificare” e “smilitarizzare” l’Ucraina. “Credo che Putin sia il leader forte e carismatico di cui la Russia ha bisogno, soprattutto in questo momento”, ha detto.

Maryana Naumova, propagandista e corrispondente di guerra russa, ha dichiarato in un’intervista che gli sforzi occidentali per isolare la Russia “non hanno avuto un forte impatto”. Piuttosto, ha detto, lo sviluppo economico della Russia dopo l’invasione ha aiutato il Paese, così come il rafforzamento dei cosiddetti “valori tradizionali”, che secondo i critici è avvenuto a spese delle donne e delle persone LGBTQ.

Naumova si è detta fiduciosa che il mondo andrà avanti. “Un giorno mi piacerebbe andare in bicicletta sulla spiaggia in California”, ha detto. “Credo che tra qualche anno le cose torneranno alla normalità. Dobbiamo solo aspettare che passi”.

Mercoledì sera, Natalya, 53 anni, e la sua anziana zia – anche lei Natalya – sono uscite nella notte gelida dal Teatro Bolshoi, avvolte in cappotti e cappelli di pelliccia.

La neve che cadeva era illuminata dalle impressionanti luci di Capodanno appese in tutta la città. I due avevano appena assistito a una rappresentazione esaurita de “La grande amicizia”, un’opera sovietica che ha debuttato nel 1947 in quella che oggi è Donetsk, nell’Ucraina orientale, che la Russia contende dal 2014.

“Oh, è stato favoloso e così patriottico, ha suscitato in me molte emozioni positive”, ha detto la più anziana Natalya, indicando una locandina con una bandiera cremisi con falce e martello.

Le donne hanno detto di non essere preoccupate dalla guerra. “L’intera guerra è a vantaggio della Russia”, ha detto la più giovane Natalya. “La situazione nel mondo è a vantaggio della Russia”. Ha aggiunto: “La Russia diventerà più forte perché ora hanno iniziato a ripristinare la produzione e l’economia – c’è sviluppo perché i vecchi legami non esistono più”

 L’umore positivo di Mosca, tuttavia, potrebbe non riflettersi nel cuore del Paese. L’inflazione, pari al 7,5%, ha fatto impennare i prezzi al consumo. Il bilancio nazionale rimane precario e dipende dai prezzi del petrolio, che sono crollati. Un nuovo rapporto del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha rilevato che un terzo della spesa russa è destinato alla guerra. Anche la contrazione della forza lavoro, dopo che centinaia di migliaia di persone sono fuggite dalla coscrizione, ha danneggiato l’economia.

I canali Telegram dedicati ai soldati mobilitati sono pieni di lamentele sulle condizioni del fronte, mentre i blogger favorevoli alla guerra hanno documentato ospedali sovraccarichi. “L’esercito russo e Vladimir Putin in persona hanno dimostrato di fregarsene delle proprie perdite”, ha dichiarato la scorsa settimana Michael Nacke, un giornalista russo con sede in Lettonia, nel suo programma radiofonico. “Invieranno tutta la carne da cannone di cui hanno bisogno”.

C’è anche una corrente di malessere meno visibile. Le autorità russe hanno intrapreso una brutale campagna di repressione. OVD-Info, un gruppo di vigilanza, ha documentato quasi 20.000 arresti per proteste contro la guerra.

In un rave nella capitale, sabato, i giovani russi hanno detto che la scena delle feste di Mosca è notevolmente diminuita dopo le ondate di emigrazione. Sono aumentate anche le minacce di incursioni della polizia.

“A causa di alcune leggi, ora bisogna stare molto attenti”, ha detto Gerasim, 36 anni, che ha parlato a condizione di essere identificato solo con il suo nome di battesimo. “È come se stessero stringendo le viti e non si può essere se stessi. È piuttosto orwelliano; è brutto”.

La sua ragazza, Jean, ha detto di essere ansiosa per il futuro e di non leggere più le notizie. “Sento la pressione, e sta diventando sempre più forte”, ha detto.

Anche il Bolshoi è stato colpito. Poche settimane fa, il suo storico direttore generale, Vladimir Urin, si è dimesso ed è stato sostituito dal fedele di Putin Valery Gergiev. A settembre, Urin ha ammesso che c’era censura sugli spettacoli e che i registi critici nei confronti della guerra erano stati rimossi dal repertorio.

Gli spettatori intervistati dopo lo spettacolo di mercoledì non conoscevano i retroscena de “La grande amicizia”: Stalin l’aveva vista, l’aveva odiata e aveva dato il via a nuove purghe della cultura sovietica.

Alcuni analisti hanno suggerito che l’ottimismo di Mosca fosse anche un po’ di teatro.

“La forza di Putin sta nel fatto che non conta su un sostegno aggressivo”, ha detto Andrei Kolesnikov, analista politico di Mosca, “ma piuttosto sul conformismo passivo, sulla totale indifferenza della maggior parte della popolazione e sul suo rifiuto delle responsabilità”.

Nacke ha una visione più cupa: “Non solo l’esercito russo, ma anche la società russa si sta trasformando in una società assolutamente cannibale, priva non solo di orientamenti morali, ma anche di quelli umani”.

[jetpack_subscription_form]

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

Previous Story

Ecco il più grande tunnel di Hamas mai scoperto fino ad ora

Next Story

Guerra ad Hamas: come procede la caccia a Yahya Sinwar?

Latest from Guerra Ucraina

Go toTop