UNESCO e Monte del Tempio: quando la narrativa islamica stravolge la storia

 

E’ appena arrivata la notizia che l’UNESCO ha approvato una risoluzione voluta dai cosiddetti “palestinesi” secondo la quale non ci sarebbe alcuna connessione tra il Monte del Tempio a Gerusalemme e l’ebraismo.

L’UNESCO si presta quindi alla narrativa islamica che travolge completamente i fatti e i dati storici. Oggi è il monte del tempio, ieri era Gesù di Nazaret che era palestinese (in alcuni casi persino musulmano) quando la storia ci dice chiaramente che era ebreo osservante, domani chissà cos’altro sarà. A questo punto non ci meraviglieremmo se qualche musulmano rivendicasse la proprietà del Vaticano.

Non staremo a mettere in fila le prove storiche che dimostrano come tutta Gerusalemme sia direttamente e storicamente legata all’ebraismo e come non c’entri nulla né con l’islam né tanto meno con i cosiddetti “palestinesi”, l’unica cosa che possiamo dire è che se anche un organismo delle Nazioni Unite importante come l’UNESCO si piega alla narrativa islamica allora non c’è più niente da fare, abbiamo perso e non ci rimane altro da fare che sottometterci all’Islam. In alternativa possiamo combattere, ma forse il mondo capirà che è arrivato il momento di combattere solo quando l’islam inizierà davvero ad attaccare l’occidente in tutto, anche nella sua storia.

Redazione

© 2016, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Condivisioni 186