Al mondo serve una intelligence per i Diritti Umani

Dove e quando i funzionari statunitensi hanno messo i muscoli dietro la raccolta di informazioni sui diritti umani, i risultati sono stati impressionanti

By redazione

Di Sarah Yager – La comunità dei servizi segreti statunitensi sembra stia facendo di più per documentare le atrocità russe nella guerra in Ucraina di quanto abbia fatto per documentare le violazioni dei diritti umani in qualsiasi conflitto della storia.

Secondo il New York Times, le agenzie di spionaggio americane hanno raccolto prove del fatto che i comandanti russi hanno intenzionalmente preso di mira aree civili e pianificato il rapimento di migliaia di bambini ucraini.

L’amministrazione Biden ha anche chiarito che le sue risorse di intelligence stanno osservando ogni mossa del presidente russo Vladimir Putin. Il Dipartimento di Stato americano ha istituito un nuovo Osservatorio del conflitto in Ucraina, che sta raccogliendo molte prove della cattiva condotta russa.

Ma l’Ucraina è un’eccezione, non la norma. I responsabili politici non hanno quasi mai a disposizione questa ampiezza o profondità di informazioni sulle violazioni dei diritti umani. Il motivo è semplice, dicono gli analisti dell’intelligence: il loro compito non è quello di raccogliere informazioni sulle violazioni dei diritti umani nel mondo, ma di aiutare i loro capi a comprendere le minacce e le opportunità della politica estera.

I diritti umani non sono una questione di routine o prioritaria per la raccolta di informazioni. Di conseguenza, i briefing classificati sui Paesi o sulle questioni non includono regolarmente informazioni sulle violazioni dei diritti umani, come le repressioni del dissenso politico, le leggi proposte che discriminano le minoranze o l’uso improprio delle forze di sicurezza, anche se tali informazioni sono essenziali per la definizione delle politiche.

È vero, i responsabili politici hanno accesso a informazioni open-source sulle violazioni dei diritti, comprese quelle che si possono trovare su Twitter, nei notiziari e persino nel Dark Web. Human Rights Watch, dove lavoro, documenta le violazioni dei diritti umani in oltre 100 Paesi, dalle atrocità della guerra al lavoro forzato alla discriminazione delle donne.

Le nostre ricerche sono regolarmente utilizzate dal governo statunitense e spesso citate nel rapporto annuale sui diritti umani del Dipartimento di Stato. Ma c’è un limite a quanto Human Rights Watch e organizzazioni simili possono documentare rispetto alla comunità di intelligence statunitense. Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il suo consigliere per la sicurezza nazionale dovrebbero fare dei diritti umani una priorità dell’intelligence e investire nella formazione di una comunità di intelligence che comprenda perché e come i diritti umani siano essenziali per la definizione delle politiche.

IL QUADRO COMPLETO

I funzionari statunitensi si affidano ai materiali classificati degli analisti dell’intelligence perché sono considerati rigorosi e oggettivi. Se non si integrano le informazioni open-source con le analisi classificate di routine sui diritti umani della comunità di intelligence, i responsabili politici si ritrovano con un quadro del mondo potenzialmente distorto o pieno di buchi.

Le violazioni dei diritti commesse dai governi la dicono lunga su come essi vedono il mondo e su come probabilmente si comporteranno. La raccolta e l’analisi di informazioni su tali violazioni dovrebbe essere una parte essenziale del lavoro di ogni agenzia di intelligence.

I responsabili politici che lavorano a un accordo commerciale con un determinato Paese, ad esempio, potrebbero trovare utile sapere che il suo governo ha in cantiere una legge discriminatoria sul lavoro. I politici che stanno pianificando una conferenza sul clima all’estero potrebbero voler considerare le restrizioni alla società civile in un determinato Paese prima di scegliere la località.

Le violazioni dei diritti umani apparentemente di poco conto possono anche essere canarini nella miniera di carbone, avvertimenti di crisi più grandi che dovranno essere affrontate in futuro.

Biden è arrivato alla Casa Bianca con l’impegno di riportare i diritti umani al centro della politica estera degli Stati Uniti, ma non ha investito abbastanza per invertire i danni degli anni di Trump. L’anno scorso, la sua amministrazione ha eliminato un posto di alto livello che aveva creato nel Consiglio di sicurezza nazionale dedicato alla democrazia e ai diritti umani, e l’Ufficio per la democrazia, i diritti umani e il lavoro del Dipartimento di Stato è rimasto senza un assistente segretario confermato dall’inizio del mandato di Biden. (Il presidente non ha presentato una candidatura da quando Sarah Margon, paladina di lunga data della democrazia e dei diritti, si è ritirata a gennaio perché il senatore James Risch, repubblicano dell’Idaho, si è rifiutato di mettere ai voti la sua nomina).

Senza leader che abbiano il compito di chiedere informazioni specifiche sui diritti umani, è improbabile che i politici ricevano un’analisi in tempo reale di questioni che potrebbero plasmare la loro visione del mondo e informare le loro decisioni.

Incaricare la comunità di intelligence di raccogliere regolarmente informazioni sui diritti umani non risolverà una burocrazia carente o la mancanza di volontà politica di fare dei diritti umani una priorità politica maggiore. Ma così facendo i responsabili politici avranno un quadro più chiaro dei Paesi, delle loro popolazioni e del modo in cui gli Stati Uniti potrebbero impegnarsi con loro – che è, ovviamente, il compito della comunità di intelligence.

La mancanza di enfasi sui diritti umani nella raccolta di informazioni non è stata aiutata dalla più ampia negligenza del governo statunitense nei confronti della questione negli ultimi anni. Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha deliberatamente minato i diritti umani nella sua politica estera, ad esempio sanzionando i funzionari della Corte penale internazionale. L’eredità di Trump è ancora oggi evidente nel processo di elaborazione delle politiche, con carenze di personale e mancanza di conoscenze istituzionali nelle agenzie che si occupano di diritti umani.

VOLARE ALLA CIECA

La comunità di intelligence degli Stati Uniti è composta da diciotto agenzie diverse, tutte responsabili della raccolta di informazioni in base alle priorità del presidente, del consigliere per la sicurezza nazionale, del direttore dell’intelligence nazionale e del resto del gabinetto.

Il National Intelligence Priorities Framework, un documento che comunica le priorità del presidente, indica alla comunità di intelligence dove concentrare il proprio budget e il proprio personale – soldi, occhi e orecchie. Ad ogni argomento vengono assegnati esperti senior che consigliano il direttore dell’intelligence nazionale sui processi di raccolta dell’intelligence su quell’argomento.

Al momento, le considerazioni sui diritti umani entrano nei libri di briefing che raggiungono gli alti responsabili politici solo in modo ad hoc. Gli alti funzionari possono chiedere specificamente informazioni sui diritti umani, ad esempio sulle proteste che sono diventate violente o sulle popolazioni in fuga dai conflitti. Ma un’indagine proattiva richiede la comprensione di come i diritti umani si inseriscono in un puzzle politico. E richiede anche di sapere cosa non si sa. È improbabile che gli alti funzionari richiedano informazioni sui diritti umani in relazione a eventi o situazioni di cui non sono a conoscenza.

Un altro modo in cui le considerazioni sui diritti umani entrano nel dibattito politico è attraverso i cablogrammi diplomatici delle ambasciate statunitensi nel mondo. Oltre a informare il rapporto annuale del Dipartimento di Stato sui diritti umani, questi cablogrammi offrono ai responsabili politici una finestra su ciò che sta accadendo in un determinato Paese. Spesso, però, sono scritti da funzionari che risiedono nelle capitali, il che significa che a volte non vengono presi in considerazione importanti sviluppi in materia di diritti umani in altri Paesi. Inoltre, tali cablogrammi non vengono necessariamente trasmessi a funzionari esterni al Dipartimento di Stato, soprattutto se contengono solo aggiornamenti ordinari sui diritti umani.

L’ufficio di analisi interno al Dipartimento di Stato, il Bureau of Intelligence and Research, dispone di analisti che si occupano di questioni relative ai diritti umani e trasmettono informazioni rilevanti ai responsabili politici, ad esempio segnalando se un partner militare statunitense sta commettendo abusi sui civili. Ma l’ufficio non raccoglie informazioni proprie. Si affida invece alle informazioni che arrivano da altre fonti, nessuna delle quali raccoglie abitualmente informazioni sui diritti umani.

IL LIMITE DEI SOCIAL MEDIA

Coloro che si oppongono a incaricare la comunità di intelligence di raccogliere informazioni sui diritti umani sostengono che l’esplosione di informazioni open-source fornisce ai politici materiale più che sufficiente per prendere decisioni informate. E sì, i dati open-source dovrebbero essere incorporati nei briefing per i politici. Ma è sciocco pensare che i funzionari del Dipartimento della Difesa o del Servizio estero passino ore a cercare su Internet video sul lavoro minorile in Europa o sullo sfollamento di persone a causa dell’uso di pesticidi in Colombia, soprattutto se non sanno che queste cose stanno accadendo. L’enorme quantità di informazioni disponibili rende l’individuazione di un problema di diritti umani solo attraverso l’intelligence open-source un compito di Sisifo.

I responsabili politici hanno bisogno di accedere anche a informazioni classificate sulle violazioni dei diritti umani. C’è un motivo per cui il Senato e la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti hanno commissioni di intelligence e i membri del Congresso hanno un nulla osta di sicurezza. Non possono ottenere tutte le informazioni di cui hanno bisogno da Twitter e Facebook. Individuare l’autore di un omicidio extragiudiziale, ad esempio, è qualcosa che gli analisti dell’intelligence possono fare, mentre i ricercatori che guardano a Facebook non possono farlo, e la loro analisi ha un peso presso i politici che i social media non hanno.

Dove e quando i funzionari statunitensi hanno messo i muscoli dietro la raccolta di informazioni sui diritti umani, i risultati sono stati impressionanti. Nel 2011, il presidente Barack Obama ha istituito il Consiglio per la prevenzione delle atrocità, un comitato interagenzie incaricato di informare i funzionari di alto livello sui rischi di violenza di massa nel mondo. La CIA e l’Ufficio del direttore dell’intelligence nazionale erano membri del comitato e fornivano regolarmente ai funzionari di alto livello informazioni sui rischi di atrocità. Questo sforzo si è rivelato prezioso, aiutando i responsabili politici a prepararsi per le crisi in arrivo. Nel 2014 in Burundi, ad esempio, la comunità di intelligence ha evidenziato la possibilità di violenze di massa prima delle elezioni del 2015. Di conseguenza, il governo statunitense è stato in grado di adeguare la propria diplomazia e di destinare risorse alla prevenzione dello spargimento di sangue.

L’amministrazione Obama ha fatto uno sforzo simile per raccogliere informazioni sullo stato della democrazia nel mondo, in preparazione di una strategia per contrastare l’autoritarismo. Avrebbe potuto copiare e incollare l’analisi di Freedom House, un’organizzazione senza scopo di lucro che classifica le democrazie e pubblica un rapporto annuale su quali Paesi stanno tendendo all’autoritarismo. Ma i responsabili politici hanno ritenuto utile una valutazione interna da parte degli analisti dell’intelligence statunitense, che potevano combinare informazioni di fonte aperta con informazioni classificate per fornire un quadro più completo della condizione globale della democrazia.

Infine, la politica di trasferimento di armi convenzionali dell’amministrazione Biden, un quadro recentemente rivisto per la valutazione di potenziali trasferimenti di armi, fa riferimento all’utilizzo di tutte le informazioni disponibili sulla situazione dei diritti umani dei partner di sicurezza statunitensi, comprese quelle raccolte dalle agenzie di intelligence. Le vendite di armi e l’assistenza alla sicurezza degli Stati Uniti hanno totalizzato oltre 47 miliardi di dollari a livello globale negli ultimi tre anni, e questo numero è destinato ad aumentare man mano che gli Stati Uniti competono con la Cina per ottenere partner. Armare il mondo è intrinsecamente rischioso; farlo senza una profonda conoscenza della situazione dei diritti umani nei Paesi che ricevono le armi è imprudente. La nuova politica è un passo nella giusta direzione, ma la vendita di armi è ben lungi dall’essere l’unica area politica che trarrebbe beneficio dall’intelligence sui diritti umani.

Biden dovrebbe includere una direttiva per la raccolta di tali informazioni nel prossimo quadro delle priorità dell’intelligence nazionale. Ciò consentirebbe al direttore dell’intelligence nazionale di creare l’infrastruttura necessaria per formare il personale e indirizzarlo a raccogliere informazioni sui diritti umani. Ciò potrebbe assumere la forma di un gruppo dedicato sotto il direttore che pensa a dove e come le agenzie di intelligence potrebbero migliorare la loro capacità di raccogliere informazioni sui diritti umani. Oppure potrebbe assumere la forma di un singolo funzionario che coordina gli analisti designati in tutte le agenzie, in modo simile all’attuale persona di riferimento per l’intelligence elettorale.

Gli analisti dovrebbero anche essere addestrati di routine su come individuare le violazioni dei diritti umani e segnalarle a monte. Organizzazioni come Human Rights Watch dispongono di metodologie sofisticate per identificare e analizzare tali abusi, che sono ben documentate. Naturalmente, c’è un ultimo passo imperativo: i responsabili politici devono effettivamente utilizzare queste informazioni sui diritti umani per prendere decisioni migliori. Questo è difficile da imporre, ma sicuramente non accadrà se l’intelligence non viene mai fornita.

SARAH YAGER è direttrice di Human Rights Watch a Washington. In precedenza è stata la prima Senior Adviser per i Diritti Umani del Presidente del Joint Chiefs of Staff presso il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.