Attacchi contro cristiani a Gerusalemme. Apprensione ADL Israele

By Autore Ospite

Di Carole Nuriel, Direttore di ADL Israele – A volte si vede il rovescio della medaglia. Questa è stata la nostra esperienza all’ADL Israele – l’ufficio israeliano della principale organizzazione anti-odio e anti-discriminazione del mondo – quando i miei colleghi e io abbiamo recentemente contattato i leader cristiani di Gerusalemme, per informarci sull’aumento degli attacchi anticristiani da parte di un piccolo gruppo di ebrei marginali. Mentre l’impegno ebraico-cristiano è comune negli Stati Uniti e altrove, è meno comune nella società israeliana.

Tutti i leader che abbiamo incontrato ci hanno riferito di un aumento degli attacchi contro il clero cristiano, i membri della comunità e i luoghi sacri, tra cui sputi, graffiti, vandalismo e profanazione di tombe.

Tra gli esempi recenti vi sono la rottura di una finestra del Cenacolo, l’interruzione di un raduno cristiano evangelico vicino al Muro Occidentale, la profanazione di oltre 30 tombe nel cimitero protestante di Gerusalemme e il vandalismo di una statua presso la Chiesa della Flagellazione in Via Dolorosa. Tutto ciò si aggiunge alle molestie e agli sputi quotidiani, non sufficientemente denunciati, nei confronti del clero e delle chiese cristiane.

Abbiamo incontrato i leader della Chiesa per conoscere la situazione sul campo e offrire il nostro aiuto. Abbiamo discusso di come le diverse forme di odio siano interconnesse e di come sia necessario un approccio globale alla società per affrontare queste tendenze preoccupanti.

I nostri interlocutori non hanno avuto bisogno che dicessimo loro che gli stereotipi e l’ignoranza sui cristiani hanno giocato un ruolo cruciale nella violenza contro di loro. Hanno implorato gli ebrei israeliani di istruirsi sulle altre religioni, spiegando che molti degli autori degli attacchi non avevano mai incontrato un cristiano. Probabilmente sono influenzati da tropi anticristiani, in particolare da quelli che descrivono il cristianesimo come l’epitome del paganesimo.

Inoltre, hanno collegato questo fenomeno a tendenze più ampie della società israeliana, tra cui il recente aumento della violenza anti-palestinese di estrema destra, dell’estremismo religioso e del settarismo politico.

Infine, abbiamo ricordato ciò che gli ebrei hanno imparato nel corso della storia: le minoranze sono spesso le prime a pagare il prezzo di queste tendenze allarmanti. Quando i cristiani vengono attaccati, ci è stato detto, non solo sentono il dolore dell’aggressione verbale o fisica, ma la vivono anche – in quanto gruppo minoritario – come una forma di persecuzione. E mentre le manifestazioni di massa in Israele contro la revisione giudiziaria dell’attuale governo sono in pieno svolgimento, dovremmo ricordare che ogni regresso nella democrazia significa anche un regresso nei diritti dei gruppi minoritari, siano essi cristiani, musulmani, ebrei non ortodossi o qualsiasi altra comunità emarginata.

È stato sconvolgente per noi raggiungere e impegnarci con la comunità cristiana. Provenendo da una società che ha limitato l’impegno interreligioso, è stato un campanello d’allarme che ci ha fatto capire che il nostro lavoro per combattere tutte le forme di odio è tutt’altro che finito, soprattutto nel nostro Paese dove gli ebrei sono la maggioranza. Così come ci facciamo portavoce delle comunità ebraiche nel mondo, dobbiamo difendere i diritti delle minoranze religiose e di altro tipo all’interno dello Stato ebraico.

Per farlo, è necessaria una maggiore educazione per ridurre gli stereotipi e i pregiudizi, nonché uno sforzo coordinato del governo e della società civile per mobilitare l’opinione pubblica verso un approccio più tollerante nei confronti dei cristiani e delle altre minoranze religiose. Sarebbe ingenuo pensare che queste tendenze possano scomparire da un giorno all’altro, ma sarebbe altrettanto pericoloso ignorarle e lasciare che si aggravino.

Dobbiamo fare tutto il possibile per garantire che Israele rimanga un Paese in cui tutte le religioni non solo siano tollerate, ma vengano trattate con il rispetto che meritano.

Follow:
I migliori autori ed inviati delle maggiori testate internazionali tradotti dallo staff di Rights Reporter